Abbiamo chiesto ad alcune escort come selezionano i loro clienti

Fare la escort indipendente può essere remunerativo, ma invitare persone conosciute su internet a casa propria è anche molto pericoloso. Abbiamo chiesto a quattro lavoratrici del sesso come si accertano che i loro clienti siano chi dicono di essere.

|
feb 8 2016, 11:05am

Foto per gentile concessione di


Lisbeth Nova

"È uno dei pochi mestieri in cui non c'è divario salariale, decidiamo noi che orari fare, siamo indipendenti e creiamo la nostra attività da sole. Ma nessuno ci fa caso, perché tutti pensano che se fai la prostituta stai facendo qualcosa di sbagliato," mi ha detto al telefono Olivia Grazia, escort di Toronto con cui ho parlato di com'è essere una prostituta indipendente. (Prostituirsi è legale in Canada, ma sfruttare la prostituzione no, così come non lo è pubblicizzare la propria attività di prostituta—situazione fortemente criticata da professionisti del settore e accademici.)

Quando si pensa alle prostitute vengono in mente bordelli, maîtresse e papponi, ma in realtà molte di queste ragazze lavorano in proprio. Attraverso siti dedicati e social media come Twitter e Instagram le escort indipendenti possono pubblicizzare i propri servizi e stabilire orari e compensi senza doversi affiliare ad agenzie. Sono manager di se stesse e dettano da sole le proprie regole, il che significa anche che hanno la libertà di scegliere i clienti.

Che sia per la paura di essere fregate sul piano economico o di trovarsi in pericolo fisicamente, per le escort è molto importante selezionare con cura i clienti. Abbiamo parlato con alcune di loro per sapere come fanno ad accertarsi che le persone con cui prendono appuntamento siano chi dicono di essere.

Alcuni nomi sono stati cambiati per proteggere l'identità delle intervistate.

LISBETA NOVA, 33 ANNI, TORONTO

VICE: Da quanto tempo sei in questo campo?
Lisbeth Nova: Da quasi due anni, sono una lavoratrice indipendente.

Pensi che essere indipendente sia una forza o una debolezza?
Ci sono i pro e i contro. Per quanto mi riguarda, sono molto contenta di aver cominciato da sola. Sono anche più vecchia di molte altre ragazze, perciò ho i miei trick. Sono molto selettiva. Mi piace chiacchierare un po' con le persone prima di incontrarle.

In che senso "selettiva"?
Be', prima di tutto devono mandarmi una email corretta da ogni punto di vista. Non accetto che mi scrivano come se stessero ordinando una pizza. Quando sei agli inizi, i veterani della community online che sanno chi è nuovo e chi no cercano di approfittarsene. Quando sei nuova devi farti valere, devi far passare il messaggio che non accetterai comportamenti imbecilli. Appena ti fai una reputazione, smettono di mandarti email del cazzo. Comunque, preferisco clienti con un cervello.

Cosa intendi per "email per ordinare una pizza"?
Non accetto email tipo, "Ciao, vediamoci alle 5. Voglio sesso anale per due ore, porta un'amica." Devi dirmi esattamente chi sei, devi farmi venire voglia di incontrarti.

A parte le email coerenti, come fai a decidere se una persona vale davvero il tuo tempo?
Di solito chiedo che mi indichino una ragazza della community che hanno già visto e che possa parlare bene di loro. Se sono nuovi, e i nuovi clienti mi piacciono molto, devono farmi vedere un documento d'identità o un Linkedln, o comunque qualcosa che provi chi sono e che lavoro fanno. Spesso la prima volta chiedo di vederci in un luogo pubblico.

Ti capita mai che qualcuno cerchi di fregarti o di invischiarti in qualcosa di poco chiaro?
Capita, ma non così spesso. La mia regola è che se c'è uno scambio eccessivo di email capisco che sono pieni di merda. Se sono seri, è una semplice transazione e ci si mette d'accordo in fretta, e va tutto bene. Ma se vogliono parlare delle loro fantasie via email, allora si fottano. Dovrebbero pagarmi anche per quello. Le persone così spesso si stanno facendo una sega al computer davanti alle tue risposte e non arriveranno mai a chiederti un appuntamento. A me piace fare affari con le persone serie.

OLIVIA GRACE, 29 ANNI, TORONTO

VICE: Ti sei mai trovata nei guai con la polizia?
Olivia Grace: La legge è particolare in Canada. Se lavori per un'agenzia o con un'altra persona, loro possono essere accusati di essere magnaccia ed è illegale. Ma lavorare da indipendenti di solito è ok. È per questo che sto molto attenta a quello che faccio.

Come mai ti senti più al sicuro come lavoratrice indipendente?
Credo che i lavoratori indipendenti avranno la meglio. Durante la crisi ho alzato i miei prezzi ed è stato in questo modo che ho attratto ancora più clienti. Volevo avere clienti di un certo calibro, e sono arrivati quando ho alzato i miei prezzi a 300 dollari all'ora. Qui a Toronto è il prezzo medio, perché è una città in cui la vita costa molto, e un sacco di professioniste usano quei soldi per affittare un luogo in cui lavorare—che non sia casa loro. Non facciamo i prezzi a caso, come pensano tutti.

JAYNELLE, 25 ANNI, MONTREAL

VICE: In quanto donna trans, devi essere più attenta alle misure di sicurezza delle altre prostitute?
Jaynelle: Sì, perché non sono ancora operata. Passo tranquillamente per donna, ma non al momento della verità, perciò devo fare in modo che questo sia estremamente chiaro alle persone.

Come fai a decidere se vedere o meno un cliente?
Be', anzitutto mi affido a internet solo se devo. Ho un buon circolo di clienti regolari, e mi piace trattare di persona. Ho sempre un amico che sa dove sono quando lavoro, e non accetto mai di incontrare qualcuno con cui non ho costruito un rapporto. Devo essere certa che abbiano idee progressiste e che non vogliano farmi del male. Direi che in generale è andata bene.

In generale?
Ovviamente alcuni quando scoprono che non sono operata gli scende o dicono di essere nauseati. Dato che ho dovuto affrontare anche situazioni spiacevoli, cerco sempre di mettere le cose in chiaro prima. E mi incontro solo con persone che possono permettersi di pagarmi. Non ha senso e non è una mossa intelligente cercare i pesci piccoli.

Ti sei mai trovata in situazioni di pericolo?
No, ma ad alcune amiche è successo, e la cosa mi spaventa. Molto spesso si sente di aggressioni o omicidi ai danni di un transessuale, e questo mi ricorda sempre che non siamo ancora considerate "normali". C'è ancora molto odio, e sconfiggerlo è difficile. A parte questo, è come ogni altro lavoro.

Perché non lavori per un'agenzia di escort?
Non mi piace il fatto che trattengano una percentuale così alta del compenso, e non mi piace sentirmi vincolata. In questo lavoro non ci sono grossi problemi—a parte i clienti—e non mi piace l'idea di essere comandata. Mi piace la libertà.

JORDAN, 19 ANNI, VANCOUVER

VICE: Sei la ragazza più giovane con cui ho parlato. Da quanto tempo fai questo lavoro?
Jordan: Non tanto, saranno al massimo sei mesi. Ho iniziato alla fine della scorsa estate.

Ho sentito dire che le ragazze più giovani hanno spesso problemi di molestie virtuali e troll. È vero?
Sì, mi arrivano un sacco di email e messaggi borderline. Non sono ancora molto esperta né a mio agio, perciò cerco di agire in tutta sicurezza. Credo che le esperienze più dure debbano ancora venire.

Quali sono le proposte più strane che hai ricevuto?
Molte persone mi chiedono se possono trattarmi come una schiava—soprattutto uomini. Non saprei dirti se è perché sono nera che pensano di poterselo permettere e che sia ok, sia solo una perversione, o se è perché sono dei coglioni.

Come selezioni i tuoi clienti?
Chiedo sempre che mi mandino una foto, e la giro a due amici di cui mi fido ciecamente. Li costringo anche a darmi i loro indirizzi sui social, e se non sono attivi o mi sembrano dei fake, non li accetto. E poi voglio essere pagata per via telematica prima dell'appuntamento.

Una delle ragazze con cui ho parlato mi ha detto che il massimo sarebbe avere un altro appartamento in cui lavorare, invece che usare la casa in cui vive o andare in albergo. Dato che sei nuova, cosa ne pensi?
È dura. Sono appena andata a vivere da sola quindi ho un po' più di privacy, ma comunque non sono del tutto a mio agio con l'idea che entrino in casa mia persone che non conosco quando sono sola. Vado a scuola, quindi devo riuscire a mantenere un equilibrio tra come mi vedono le persone che mi conoscono e la vita lavorativa. È dura tenere le due cose separate.

Le interviste sono state editate.

Segui Jake Kivanc su Twitter.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia:

Altro da VICE
VICE Channels