Canada

Il Canada vuole respingere questi lavoratori cinesi perché teme siano spie

A quattro cittadini cinesi che lavoravano per Huawei non sarebbero stati rinnovati i permessi di soggiorno perché sospettati di essere coinvolti in "attività di spionaggio".
26.5.16
Foto di Ahmad Yusni/EPA

Il dipartimento canadese per l'immigrazione sta programmando di negare i visti di residenza permanente a tre cittadini cinesi che lavorano per il colosso delle telecomunicazioni cinese Huawei, per paura che siano coinvolti in attività di spionaggio, terrorismo e sovversione contro governo.

Secondo quanto riportato dal Globe e dal Mail mercoledì scorso, 25 maggio, a una quarta persona - impiegata in passato da Huawei ma sposata con qualcuno che lavora attualmente per la società - è stato comunicato che la sua domanda sarebbe stata negata,

Pubblicità

Huawei è la terza compagnia manifatturiera di smartphone nel mondo, operante in 170 peasi con più di 170.000 impiegati. È finita sotto tiro quando, nel 2012, un duro rapporto della US House Intelligence Committee l'ha accusata di spiare il popolo americano — un'affermazione che Huawei aveva considerato come "un po' più che un esercizio di stroncatura verso la Cina." Regno Unito e Australia avevano anche loro sollevato dubbi sul fatto che la compagnia raccogliesse informazioni per il governo cinese.

Una delle persone che aveva fatto richiesta per il visto, attualmente al lavoro per Huawei, ha ricevuto una lettera datata 18 marzo da un ufficiale dell'immigrazione del consolato canadese a Hong Kong, il quale dichiarava che il dipartimento avrebbe rifiutato la domanda di residenza permanente perché la persona non "rispettava i criteri" stabiliti per il visto.

La lettera, ottenuta dal South China Morning Post, si addentra in ulteriori dettagli, citando la sezione 24(1)(f) del Codice canadese per l'immigrazione e la protezione rifugiati, secondo cui chiunque sia sospettato di essere coinvolto in "attività di spionaggio," sovversione contro il governo o terrorismo, non può essere ammesso nel paese.

Secondo il Globe, la moglie del richiedente lavorerebbe ancora per Huawei,

Un ufficiale dell'immigrazione ha invitato un altra lettera datata 21 marzo al secondo richiedente, ex dipendente Huawei, sulle stesse basi. Tuttavia, aveva aggiunto che il governo avrebbe rifiutato la domanda perché la moglie, ancora impiegata di Huawei, "è membro di una classe che non può essere ammessa," e precisamente, qualcuno sospettava fosse coinvolta in spionaggio, controspionaggio o sovversione contro il governo.

Pubblicità

Tutti e due i richiedenti hanno negato di essere coinvolti in spionaggio, terrorismo e attività simili.

Leggi anche: Alcol, sesso e massaggiatrici: l'arte degli affari in Cina

Jean-Francois Harvey, avvocato canadese per l'immigrazione di base a Hong Kong, è il rappresentante legale di entrambe le coppie in questa vicenda. Ha detto al Globe che le loro domande di residenza - che non sono collegate tra loro - sono state presentate oltre due anni fa, e che il tempismo con cui è stato notificato il rifiuto è più di una coincidenza.

"In 24 anni [di carriera], non ho mai visto prima così tante lettere. E l'unica cosa in comune tra queste persone è che sono tutte dipendenti di Huawei," afferma. Harvey in passato ha rappresentato altri dieci impiegati della stessa azienda che sono riusciti tutti a immigrare in Canada.

Il governo ha concesso a tutti i richiedenti 30 giorni per raccogliere informazioni aggiuntive sui loro casi. Harvey dice che lo hanno fatto, e che stanno aspettando una risposta dal dipartimento per l'immigrazione canadese.

Un portavoce di Huawei in Canada ha riferito in precedenza ai giornalisti che le domande rifiutate non hanno nulla a che fare con l'azienda — cosa che il dipartimento canadese per l'Immigrazione, i Rifugiati e la Cittadinanza (IRCC) avrebbe confermato.

"IRCC si trova d'accordo sul commento [che Huawei] ha una 'relazione consolidata, efficiente e positiva' con il governo dal 2008," dice a VICE News il portavoce Felix Corriveau in un'email, aggiungendo che il dipartimento non rilascia commenti su "situazioni specifiche", come le domande a cui si è fatto riferimento.

Pubblicità

"Quella relazione, insieme al processo dell'azienda per gestire le domande di immigrazione e al numero di richiedenti che hanno avuto una risposta affermativa negli ultimi otto anni… riconferma la convinzione di Huawei che le domande in questione non hanno nulla a che fare con l'azienda."

Leggi anche: La Cina starebbe addestrando dei pescatori per formare una "milizia marittima" e pattugliare il mare

Corriveau afferma che tutti coloro che - da qualsiasi parte del mondo - fanno domanda per immigrare in Canada sono "trattati nello stesso modo, a prescindere dal loro paese di provenienza. I processi canadesi, per quanto riguarda i controlli di sicurezza in vista dell'ammissibilità, sono universali nella loro applicazione e non discriminatori."

Al momento i dipendenti di Huawei in Canada sono 600. L'azienda arrivò in Ontario nel 2010, quando ricevette un sussidio di diversi milioni di dollari dal governo provinciale. In cambio, promise di creare oltre 160 posti di lavoro nei successivi cinque anni, e di investire 67 milioni di dollari (quasi 60 milioni di euro). A marzo, l'azienda ha annunciato 303 milioni di dollari (270 milioni di euro) di spesa per nuovi investimenti che dovrebbero portare alla creazione di 250 nuovi posti di lavoro in Ontario nei prossimi due anni.


_Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook_

Segui Rachel Browne su Twitter:@rp_browne