sesso

La verità è che i vibratori grossi fanno paura agli uomini, ma sono il massimo

La storia della mia lunga battaglia per convincere i miei partner ad accettare un Magic Wand nella nostra relazione.
26.10.17
Grafica di di Zoë Ligon.

Due anni fa ho finalmente iniziato a fare sesso come avevo sempre desiderato—con un grosso, gigantesco Magic Wand da 6.000 giri al minuto posizionato sul clitoride. Purtroppo, non è durato molto. Il mio ragazzo dell'epoca continuava a lamentarsi di quell'apparecchio lungo e a forma di microfono. Diceva che la punta gli spingeva contro il bacino. Ripeteva che le posizioni in cui riusciva a tollerarlo erano troppo poche. E anche se a me piaceva tantissimo, sosteneva che allontanasse i nostri corpi. Rinunciare al Magic Wand mi ha riportato a fare il sesso di prima, quello che avevo sempre fatto con uomini poco interessati al mio piacere e che non volevano avere a che fare con un vibratore. E io, la titolare di un negozio di sex toy e in generale una persona piuttosto aperta in materia di sesso, me lo facevo andare bene.

Pubblicità

Ovviamente non sono l'unica donna in questa situazione. Ho avviato la mia attività quattro anni fa, quattro anni nel corso dei quali mi sono sentita spesso chiedere da clienti donne: "Hai qualcosa di questa misura," indicando i vibratori più piccoli, "ma con la potenza di questi?" indicando i Magic Wand. Del resto, come mi fa notare Dirty Lola, esperta in educazione sessuale e assistant manager in un altro sex shop, lo SHAG di Brooklyn, "Gli Wand, soprattutto quelli grossi, tendono a non piacere agli uomini etero, penso principalmente per una questione di insicurezza e scarsa conoscenza. Hanno una paura irrazionale di qualunque cosa percepiscano come migliore—ovvero, più grossa del loro pene—nel procurare piacere all'altra persona."

Per anni, a quelle mie clienti ho risposto, "Il Wand si può usare anche in coppia," e "No, non svilupperai una dipendenza che ti farà passare la voglia di avere a che fare con un pene." Eppure, una volta tornata a casa, i loro dubbi diventavano anche i miei. C'erano uomini disposti ad accogliere il vibratore in determinate situazioni, magari come ricompensa per sessioni BDSM particolarmente dure, ma l'idea di introdurlo durante il sesso orale o quello penetrativo non era contemplata.

E questo succedeva perché, come fa notare Lola, per alcuni uomini è come se "il vibratore fosse lì per sminuirli. Da 'È così grosso, ti serve proprio di quelle dimensioni?' a 'Ma te lo metti dentro?' le domande un po' stranite non mancano."

Il fatto che non protestassi non aiutava. Ripensandoci ora, parte del problema era proprio la mia visione un po' ristretta del sesso. Pur lavorando in quell'ambito, definivo il sesso ancora in termini di pene-vagina. Come buona parte degli uomini etero, e con risultati che non mi soddisfacevano—poiché sono una del 75 percento delle donne che non raggiunge l'orgasmo con il solo sesso penetrativo. Nell'accettare quella visione del sesso, rinunciavo a parte del mio piacere.

Spesso fingevo persino, e quando pensavo di raggiungere l'orgasmo durante la penetrazione, in realtà erano la pressione esercitata sul pavimento pelvico e una leggera tensione che mi faceva tremare senza mai toccare l'apice. Oggi, sento le mie clienti usare queste stesse parole nel descrivere la fase precedente all'orgasmo e che spesso viene interrotta. Come me, molte scelgono di mostrarsi soddisfatte e concentrarsi sugli elementi prettamente psicologici della penetrazione anziché raggiungere quella sensazione di profonda contrazione uterina che ho imparato a conoscere col Wand.

Pubblicità

Se questo vibratore riesce a creare orgasmi così intensi è per via delle vibrazioni che emette grazie al motore—ed è questo motore la ragione delle dimensioni, che superano di gran lunga quelle della maggior parte dei vibratori.

La tecnologia vibrante che usiamo oggi è stata inventata nel 19esimo secolo, con i primissimi vibratori. Come tutti sanno, il vibratore è nato come strumento usato dagli uomini, dai medici uomini, per "dare sollievo dall'isteria femminile," malattia che in realtà non esiste e che è solo un modo per sminuire le donne. Ovviamente, alle donne i vibratori piacevano moltissimo, ma questo agli occhi maschili non faceva che confermare che fossero clinicamente compromesse.

Dopo gli anni Venti, i vibratori sono scomparsi dal mercato mainstream. Solo a fine anni Sessanta Norelco ha creato un "massaggiatore" giallo e Hitachi il famosissimo vibratore Magic Wand. Le donne sono subito impazzite per questi sex toy, che erano molto meno 'goffi' dei precedenti modelli—che sembravano asciugacapelli steampunk o tirapugni.

L'autrice.

Il fatto che il Magic Wand sia sul mercato da cinquant'anni e non abbia mai cambiato design è una garanzia. Mi fa ridere il fatto che uno strumento creato dagli uomini per tener buone le donne sia ora un loro spauracchio, poiché gli uomini temono di esserne sostituiti e sminuiti.

Ma la fobia maschile dei vibratori può essere combattuta. Secondo Carly S., educatrice sessuale e autoproclamata Regina del Magic Wand, uno dei modi migliori per iniziare gli uomini al Magic Wand è di far notare loro che è molto più facile da manovrare, in realtà, rispetto ai sex toy pensati per coppie. E poi che non è fatto solo per la penetrazione. "Per un uomo, pensare che la partner sia penetrata da un vibratore grosso e lungo può non essere affatto eccitante," dice. Al contrario, consiglia di dimostrare al partner "quanto questo sex toy possa essere versatile."

Pubblicità

Anche il porno è un buon modo per entrare in sintonia con la situazione vibratori. "Ci sono un sacco di film porno in cui gli uomini usano i vibratori per scopare le donne, e piace a tutti!" dice Carly. Se proprio il tuo partner non "capisce" i vibratori, prova a usarlo su di loro. "Se lo appoggi proprio sotto la punta del pene, dà una sensazione bellissima. Quando gli uomini ne capiscono il potenziale, sono più bendisposti."

Ad aiutarmi a passare da "non dovrei imporre l'uso di un vibratore" all'essere in pieno controllo della mia sessualità è stato l'incontro con un ragazzo a cui il mio piacere importava più del suo ego.

Dopo aver posto fine alla relazione con il tizio che odiava i vibratori, mi sono presa una pausa dai cazzi umani e da tutti i problemi che si portano dietro. Ma quando, poco tempo fa, ho deciso di tornare in pista, ho deciso di farlo in modo diverso fin dal principio. La prima volta che sono andata a letto con un ragazzo nuovo, gli ho detto, "Per venire ho bisogno di questo. Ok, scopiamo, ma quando devo venire io, devi usare questo." E gli ho messo in mano il caro vecchio Doxy wand, rosa, con la sua vibrazione potente. È il mio preferito insieme all'Hitachi, ed è anche più grosso di quest'ultimo.

A differenza di tutti gli altri ragazzi con cui ero stata, per lui era una cosa assolutamente normale—gli piaceva perché piaceva a me. Se è vero che confidare i tuoi desideri a un uomo non trasformerà automaticamente un timidone in uno che sfodera un Magic Wand al minuto uno, con la persona giusta può fare una graossa differenza. Con quel ragazzo facevamo ogni tanto anche sesso penetrativo, ma ogni volta il vibratore faceva la sua comparsa. A volte venivo io e lui no, e gli andava bene così. A volte veniva lui e io no, e a me andava bene così. A volte non veniva nessuno, o venivamo entrambi. Ma ci divertivamo sempre.

È stata una relazione breve, ma mi ha aiutato a imparare a verbalizzare i miei bisogni. Ho scoperto che posso chiedere quello che voglio, e che quello che mi attrae sessualmente in un uomo è il suo desiderio di farmi avere un orgasmo così intenso da farmi svenire.

Segui Zoë sul suo sito, store, account Instagram e Twitter.