Attualità

Miron Zownir ha fotografato la New York anni '80 di prostitute ed emarginati

"Ero un osservatore e un sognatore e le persone che mi affascinavano di più erano i disadattati, gli emarginati, i fuorilegge."

di Miss Rosen
20 giugno 2019, 8:38am

New York City, 1982 © Miron Zownir

Acclamato da Terry Southern come il “poeta della fotografia radicale,” Miron Zownir si è dato alla fotografia alla fine degli anni Settanta, quando era arrivato a Berlino Ovest. Mosso dallo spirito del punk, Zownir è passato da Londra per poi approdare a New York nel 1980, proprio mentre la città raggiungeva nuovi livelli di decadenza poco prima dell'avvento dell'AIDS.

Era l'epoca dei cinema porno aperti a tutte le ore, peep show e prostitute a ogni angolo e del West Side come patria del sesso tra sconosciuti—ma anche delle azioni di Vito Acconci, Gordon Matta-Clark e Peter Hujar negli anni successivi a Stonewall.

Le foto di Zownir mostrano tutto questo, e più in generale la New York a conclusione di un decennio di “benevola negligenza" e incendi dolosi finanziati da proprietari di case che avevano ridotto in macerie ampie fasce del Bronx, di Brooklyn, di Harlem e del Lower East Side.

Gli immobili erano abbordabili—se non addirittura molto convenienti—dopo che la fuga dei bianchi aveva portato la classe media in periferia. Nelle immagini di Zownir, vediamo le persone che spesso rimangono invisibili con gli occhi di qualcuno che comprende la loro difficoltà e porta rispetto, nella tradizione di Bruce Davidson e Nan Goldin.

Zownir ci porta in un incredibile viaggio attraverso la New York meno conosciuta.

1557846125964-0004NYC-1982
New York City, 1982 © Miron Zownir

VICE: Cosa ti ha spinto a darti alla fotografia alla fine degli anni Settanta?
Miron Zownir:
Ho iniziato a Berlino. La mia ragazza dell'epoca studiava fotografia e dopo essere stato rifiutato da due scuole di cinema, ho preso in prestito la sua macchina fotografica, sono uscito per strada e ho fatto quello che faccio ancora.

È iniziata come una forma di compensazione, ma presto sono rimasto affascinato dallo spettro atmosferico, visivo, creativo e storico che ho scoperto documentando un momento nel tempo. Ero un osservatore e un sognatore e le persone che mi affascinavano di più erano i disadattati, gli emarginati, i fuorilegge.

Perché hai deciso di trasferirti a New York nel 1980?
Dopo aver vissuto a Berlino e Londra, New York mi sembrava il punto di arrivo di qualsiasi cosa potesse offrire una città. E al contrario di oggi, negli anni Settanta e Ottanta potevi avventurarti in quasi tutte le città dell'emisfero occidentale senza quasi nessun contatto o senza grandi mezzi materiali—ti bastava essere avventuroso, duro o sufficientemente disperato da provarci.

New York era veloce, furiosa, imprevedibile e pazza—una giungla apparentemente selvaggia con lo spirito ribelle ed edonista di una dimensione quasi apocalittica. Ha avuto una violenta battuta d’arresto con l’arrivo dell'AIDS e le conseguenze di una gentrificazione spietata a partire dalla metà/fine degli anni Ottanta.

1557845917848-0014NYC1982
New York City, 1982 © Miron Zownir

Com'era l'East Village quando ti ci sei trasferito?
Ho vissuto per otto anni e mezzo su 4th Street tra la Prima e la Seconda Strada, proprio dietro la sede degli Hell's Angels. Ho lavorato come buttafuori al Danceteria, come portiere al Mudd Club, come addetto alle demolizioni, guardia del corpo, modello, escort e così via. Alcuni di quei lavori erano troppo strani per poterli confessare.

Quando scattavi, avevi una visione d'insieme del lavoro?
L'energia provocatoria e l'edonismo aggressivo [che ho cercato di catturare] è stato un fenomeno quasi endemico che ha conquistato la città e i suoi abitanti indipendentemente dalla posizione, dal reddito o dalle prospettive future. Non avevo bisogno di avere un concetto prefabbricato; la storia si raccontava da sola. Tutto ciò che ho fatto è stato catturarne lo spirito e l’energia con una mente aperta e rispetto per i protagonisti.

1557845945393-0009nyc1982
New York City, 1982 © Miron Zownir

Qual è stato l'incontro più strano o improbabile che ti è capitato facendo queste fotografie?
Ci sono stati tanti incontri insoliti. Per esempio, Lincoln Swaydos. Era il musicista di strada peggiore e più odioso dell'East Village. Aveva perso un braccio e una gamba buttandosi di fronte a un treno e si esibiva in modo molto aggressivo, come se volesse insultare tutti i vivi. Da quando era venuto a vivere nel mio quartiere, ci eravamo avvicinati. Viveva in un posto fatiscente pieno di immondizia e dormiva nella sua vasca da bagno.

Un giorno mentre gli facevo delle foto mi ha chiesto di togliermi le scarpe e masturbarmi guardando i Looney Tunes. Prima che mi trasferissi a Los Angeles, mi ha detto che il suo padrone di casa voleva cacciarlo dall’appartamento, ma non se ne sarebbe mai andato. Quando sono tornato e sono passato con la macchina di fronte alla sua casa sigillata, ho detto alla mia ex moglie, “Lincoln è morto.” Due giorni dopo, ho scoperto che si era rifiutato di lasciare l’appartamento ed era morto soffocato mentre gli operai ristrutturavano l'edificio. Alcuni giornali avevano ipotizzato che il proprietario sapesse che lui era ancora dentro, ma che avesse preferito sbarazzarsene così piuttosto che affrontarlo in tribunale.

1557846459884-0087NYC1981
New York City, 1981 © Miron Zownir

Puoi parlare di come l'AIDS, il crack e i senzatetto hanno cambiato quello che vedevi per le strade di New York negli anni Ottanta?
Conoscevo Klaus Nomi dal Danceteria, dove era un cliente abituale. Un giorno mi ha detto: “Vado in Germania per uno show televisivo che sarà trasmesso in tutto il mondo.” Era sicuro che sarebbe stato il suo successo internazionale. Quella è stata l'ultima volta che l'ho visto. Poi ho saputo che c'era un party di beneficenza per lui al Danceteria perché stava morendo di AIDS.

Poco dopo la sua morte, le strade di New York erano piene di cartelli digitali con il numero di persone morte per AIDS. Un giorno erano 50.000, e non molto tempo dopo 70.000. Tutti a New York erano spaventati e paranoici e questo ha cambiato drasticamente quello che era stato un atteggiamento spensierato. Anche il numero dei senzatetto è aumentato, come quello dei tossicodipendenti, degli scippatori e dei raid della polizia.

Era come se New York fosse stata improvvisamente scossa e maledetta da una distruzione senza senso, orchestrata da un nemico invisibile contro tutto ciò che era ottimista, spensierato e audace.

Scorri verso il basso per vedere altre foto.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .

1557846019512-0023nyc-1981
New York City, 1981 © Miron Zownir
1557846039678-0065nyc1982
New York City, 1982 © Miron Zownir
1557846051841-0066nyc1983
New York City, 1983 © Miron Zownir
1557846062487-0068Nyc1981
New York City, 1981 © Miron Zownir
1557846163285-0082nyc1980
New York City, 1980 © Miron Zownir

Segui Miss Rosen su Twitter.

Tagged:
New York
AIDS
Miron Zownir