FYI.

This story is over 5 years old.

News

Cosa pensano i profughi siriani dell’accordo tra Unione Europea e Turchia

Lunedì, le prime imbarcazioni di migranti hanno lasciato la Grecia in applicazione del controverso accordo tra UE e Turchia. Abbiamo chiesto ad alcuni ragazzi siriani cosa pensano a riguardo.
6.4.16

Un giovanissimo profugo e una volontaria a Lesbo. Foto di Oscar Webb.

Lunedì, le prime imbarcazioni di profughi hanno lasciato la Grecia in applicazione del controverso accordo sull'immigrazione "uno per uno" tra Europa e Turchia. Secondo l'accordo, i profughi entrati irregolarmente in Grecia saranno trasferiti in Turchia; in cambio, l'UE accoglierà direttamente dalla Turchia altrettante persone in possesso dei requisiti necessari a ricevere asilo politico.

A primo impatto, l'accordo potrebbe apparire come un tentativo di limitare la clandestinità e fornire aiuti umanitari di vitale importanza per i profughi, eppure in molti—tra cui gruppi per i diritti umani—si sono detti estremamente critici. Mentre milioni di profughi (principalmente siriani) attendono di vedere cosa succederà nelle loro case provvisorie in Europa e in Medio Oriente, per molti altri questo è l'inizio di un nuovo capitolo in una vita già caotica.

Pubblicità

In seguito all'approvazione dell'accordo, ho chiesto un parere ad alcuni ragazzi siriani sparsi tra Europa, Siria e Turchia.

Nour, 27 anni. Vive a Istanbul.

Credi che serva a qualcosa far sentire la nostra voce? Ci sono un sacco di soldi sul tavolo delle trattative, siamo carta moneta per i governi. Ci considerano merce di scambio, non gliene frega niente dei siriani. Ha senso deportare i siriani dalla Grecia e portali in Turchia, e poi dalla Turchia trasferirli nuovamente in Europa?

La gente vuole un luogo in cui vivere in pace. Non possiamo prevedere il futuro, ma posso dire che non sarà per niente positivo. I profughi non hanno nulla da perdere. La cosa di cui ho paura è che correranno rischi sempre maggiori. La Turchia non è l'unica via di fuga dalla Siria, ma gli altri percorsi sono molto più pericolosi—come attraversare il Mediterraneo, per esempio. Moriranno più persone? Se accadrà, l'immagine dell'Unione Europea sarà danneggiata per sempre.

Amer, 28 anni. Vive a Berlino.

Secondo me questo accordo è un'arma a doppio taglio. Da un lato, è un modo per evitare che la persone muoiano in quell'incubo che è il Mar Egeo e i trafficanti smettano giocare con le vite delle persone; dall'altro lato, non mi fido della Turchia. Stanno collaborando per i loro stessi interessi, non per principi umanitari. Chi può dirsi certo che i soldi che riceveranno dall'Unione verranno utilizzati per aiutare queste persone? E chi si sta occupando delle persone che dormono al confine al freddo e al gelo?

Pubblicità

Quando ti trovi in quella situazione, non pensi alle mosse politiche. Ho perso tutto, la mia casa, la mia famiglia, i miei amici, e adesso abbiamo tutti bisogno di iniziare una nuova vita. Gli europei devono capire che non ci interessano i soldi o la politica o le contrattazioni dei governi. Abbiamo solo bisogno di soluzioni veloci per scappare dalla guerra. Invece loro hanno trasformato tutto in un gioco.

Adel, 24 anni. Vive a Istanbul.

In questo momento siamo tutti preoccupati. Soprattutto per la situazione in Turchia, pessima per i siriani come me, che vivono qui. Ci chiediamo cosa ci accadrà. Ho sentito di siriani a cui è stato negato il visto per la Turchia. Adesso l'Unione Europea è a un passo dal chiudere le porte in faccia ai siriani, ed è quello che stanno facendo anche i paesi arabi. La situazione non fa altro che peggiorare. I giovani come me non possono tornare in Siria, non è un posto sicuro.

Quando penso a questo nuovo accordo, mi convinco che stanno semplicemente vendendo i siriani. Ho sentito che hanno rispedito 100 autobus in Siria. Se fosse vero sarebbe sbagliato. Cosa accadrà alle persone come me qui in Turchia? Ci rimanderanno indietro? Anche se non è facile ottenere un futuro dignitoso qui, almeno c'è la pace. Ma per tutte le persone in Siria? Loro hanno perso tutto. Alcuni stanno cercando di arrivare in Grecia, e alcuni muoiono provandoci.

Mohammed, 25 anni. Vive a Damasco.

Pubblicità

Questo accordo è orribile. Ci stanno vendendo come fossimo animali. Uno fuori, uno dentro, ma da dove? Che cosa credono che faremo? Per ora la situazione a Damasco è tranquilla, ma potrebbe cambiare. Mio padre voleva che lasciassi la Siria. Sono rimasto. E adesso non posso più andarmene.

Ma sono stanco di tutta questa situazione. Sono stanco della guerra, stanco di essere solo mentre i miei amici se ne sono andati tutti via. Mi mancano, sono tutti in Europa. Stiamo morendo. Abbiamo pensato che l'Europa potesse essere la salvezza, ma anche lei sta cambiando.

Waddah, 26 anni. Vive a Monaco di Baviera.

Credo che sia un buon accordo. Se stanno dicendo la verità e non stanno mentendo, potrebbe essere un bene per i siriani. Potrei vedere i miei familiari sia nel nord della Siria che in Turchia. La vita in Turchia è simile a quella di Damasco. Adesso vivo in Germania e mi sento molto solo.

Penso che i siriani che vivono in Turchia dovrebbero rimanere lì: la vita è migliore. Qui è tutto diverso, e la mia famiglia è lontana. Non so se fidarmi della Turchia o dell'Europa, ma forse è meglio vivere in un luogo vicino alla propria cultura. Trovo che l'integrazione sia più difficile qui, in Europa.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: