Questo tizio sta catalogando tutti i distributori automatici nei videogiochi

Ce n'è uno persino in World of Warcraft.
Giulia Trincardi
Milan, IT
13 marzo 2018, 11:10am
Distributore automatico di "PIPSI" in DayZ. Immagine via: The Video Game Soda Machine Project

Per quanto bizzarra, fantastica o grottesca possa essere l'ambientazione di un videogioco, possiamo essere certi di incontrare, a un certo punto delle nostre peregrinazioni, qualche surrogato virtuale di cibi e bevande: dalla Mississippi Quantum Pie imbevuta di vodka della serie di Fallout, ai polli arrosto nascosti tra le mura di Castlevania, passando per il Grog — il beverone letale di Monkey Island. Certe volte si tratta di prodotti del tutto inventati, altre volte di non troppo sottili mosse di marketing.

Negli anni, sono state stilate consistenti classifiche di oggetti fatti di pixel e poligoni come una lista comprensiva dei gabinetti nei videogiochi e una di qualsiasi virus citato. Ora, un progetto diventato virale di recente si ripromette di catalogare un elemento altrettanto particolare: tutti i distributori automatici di lattine mai inseriti in un videogioco.

Un distributore automatico molto elegante e futuristico in Destiny 2. Immagine via

The Video Game Soda Machine Project — questo il titolo — è un progetto ideato da Jess Morrissette, professore al dipartimento di Scienze Politiche della Marshall University e sviluppatore indipendente di videogiochi. Ad oggi, Morrissette ha caricato sul sito oltre 2.000 screenshot di distributori automatici di bevande zuccherate, indicizzando i videogiochi analizzati fino a questo momento in ordine alfabetico a lato. Il che torna estremamente utile per scoprire (o ricordarsi), per esempio, che persino in un MMORPG fantasy come World of Warcraft qualcuno è riuscito a infilare un distributore di bevande. O che quasi nessun titolo di Batman è senza. O che in LEGO Harry Potter: Years 5-7 c'è una macchinetta apposta per le pozioni. O che in DayZ c'è un distributore di PIPSI, scritto proprio con la "i".

Coppia di distributori automatici in Buffy the Vampire Slayer: Wrath of the Darkhul King. Immagine via

L'immancabile distributore mezzo putrefatto di Silent Hill — notare come le luci, però, funzionino ancora. Immagine via

Quel che è certo è che ci sono molte più macchinette nei mondi virtuali di quanto verrebbe da pensare.

Il progetto è aperto alla partecipazione di tutti, in caso vi imbattiate in un distributore di lattine durante una partita, potete contattare Morrissette su Twitter o via email. E, se siete curiosi di saperlo, Morrissette specifica sulla pagina di approfondimento del sito che "in nessuno dei giochi che ho sviluppato appare mai un distributore automatico."