Collage of a webcam on fire
Illustrazione di Vincent Vallon.
sesso

'Non ho mai fatto così tanta roba' - Quattro cam girl sul lavoro in quarantena

"Non posso passare un mese intero a masturbarmi con un dildo in camera—il mio corpo non ce la farebbe."
22 aprile 2020, 9:32am

Se il prossimo futuro sarà ancora all'insegna dell'isolamento, tanto vale goderselo. E a giudicare dal boom di traffico sui siti per adulti come Pornhub e Onlyfans, questo è stato il processo mentale avuto da migliaia di persone che hanno deciso di vincere la solitudine da quarantena una masturbazione alla volta.

Abbiamo parlato con quattro cam girl di come la situazione sta condizionando sia le loro finanze che le loro vite.

Ava Moore

"La quarantena è stata un'esperienza positiva, per me. Ho più spettatori, le vendite dei video sul mio sito sono aumentate e così anche le interazioni sui social media. Nello specifico, ho avuto una crescita del 30 percento dall'inizio dell'isolamento. Ovviamente, cerco di trarre il massimo dalla situazione. Non ho mai fatto così tanta roba: ho indetto una gara su Twitter per avere accesso gratuito ai video sul mio sito, mi faccio video in continuazione su Snapchat e Instagram mentre mangio, faccio attività fisica o mi trucco. Le live sono il contenuto ideale per attirare nuovi spettatori.

Da quando siamo in isolamento, passo molto più tempo sui social. Lascio intendere che sono libera in un certo momento e stuzzico il pubblico con offerte speciali—un nuovo spettacolo al mattino e uno speciale da quarantena su Snapchat. Dura cinque minuti, costa 15 euro e permette agli uomini sposati di distrarsi e trovare soddisfazione in fretta. Per cui sì, è sette giorni alla settimana e non conto neanche le ore... in genere lavoro dalle 8 del mattino alle 10 di sera. Ma funziona: marzo è stato il mio mese migliore dal 2017."

Kat Aluna

"Mi sono arrivate più richieste di recente, ma ha senso—le persone sanno che siamo a casa e che possiamo farle distrarre per un po'. Qualche giorno fa c'erano oltre 300 persone che guardavano la mia live. È un sacco di gente. Ma non voglio per forza sfruttare troppo la situazione—devo prendermi cura di me stessa prima, perché non voglio trasformarmi in un robot del sesso e ignorare il mio corpo.

Ci sono solo due differenze tra la mia vita quotidiana prima della quarantena e la mia routine attuale: offro video gratuiti sui miei social media e faccio anche cam la sera. Non lo faccio spesso, ma dato che non posso più uscire o andare a cena fuori, tanto vale che mi tengo impegnata. Abbiamo bisogno di sentirci connesse anche noi, quindi vale in entrambi i sensi. Per il resto, i miei ritmi non sono cambiati. Faccio esercizio la mattina, aggiorno i miei social media e vado live per un paio di ore al giorno. E questo basta. Potrei accettare più richieste, ma non voglio essere disponibile 24 ore su 24."

Immagine di una cam girl, che non è tra le persone intervistate per questo pezzo. Foto: Jan Sochor / Alamy Stock Photo.

Chloé Sanchez

"Dato che i siti come Pornhub hanno reso gratuiti i loro contenuti premium durante la quarantena, le persone si aspettano lo stesso anche da noi. Io offro un 'pacchetto quarantena'—sono 34 euro invece di 39 euro, e puoi avere accesso al mio sito, a tutti i miei video e al mio Snapchat.

Le mie giornate lavorative vanno spesso oltre le 17 ore se consideri tutti i video, gli esercizi, i social media e l'allestimento della strumentazione. Ma lo faccio perché c'è un sacco di domanda. Il numero di spettatori nelle mie sessioni gratuite è triplicato, e il 19 marzo c'erano 360 utenti connessi contemporaneamente. All'inizio pensavo fosse un errore del server, ma no, le richieste sono davvero aumentate del 30 percento.

Ci sono un sacco di tizi che non cercano contenuti pornografici. L'altro giorno, due ragazzi mi hanno chiesto di restare vestita—volevano solo chiacchierare. Ad ogni modo, non posso passare un mese intero a masturbarmi con un dildo in camera—il mio corpo non ce la farebbe."

Charlie Tantra

"Le richieste sono esplose, nei primi quattro giorni di isolamento. Da allora sono rallentate un po', ma probabilmente è perché ci sono tante altre ragazze che offrono spettacoli live. In genere per molte fare cam è un lavoro secondario—ma ora sono più disponibili, data la situazione.

Ho la sensazione che all'inizio le persone fossero eccitate all'idea di potersi masturbare tutto il giorno, poi l'euforia si è affievolita. Allo stesso tempo, i miei video su Pornhub non hanno mai avuto così tante visualizzazioni. Sto approfittando di questo nella mia strategia comunicativa—uso l'hashtag #lockdown per le mie letture erotiche, promuovo i miei video a pagamento e ho iniziato un'happy hour ogni venerdì sera su Facebook. Al primo c'erano circa 100 persone.

A prescindere dalla quarantena, il mio lavoro resta lo stesso. Il vero problema è per chi fa sex work [_che prevede il contatto fisico_]—è una vera merda per loro. Io sono fortunata perché posso continuare a lavorare e unire il lavoro ai miei altri hobby. Per esempio, studio arti culinarie, quindi sto pensando di girare un video di me che cucino con qualche completo sexy addosso."

Leggi anche: