Quantcast
Still da La città incantata via YouTube.

Il vero significato di La città incantata, il miglior film d'animazione di tutti i tempi

Hannah Ewens

Hannah Ewens

Miyazaki ha messo insieme lo spirituale, il fantastico e il realistico, e tutti concordano sul fatto che La città incantata sia il suo capolavoro—nonché il film di animazione più bello di tutti i tempi. Per quanto possa sembrare esagerato, è vero.

Still da La città incantata via YouTube.

Da qualche parte su Tumblr c'è una frase che dice, "I film della Disney toccano il cuore, ma quelli di Studio Ghibli toccano l'anima." Per quanto possa sembrare sentimentale, è vero. E sicuramente è uno dei motivi per cui i fan di tutto il mondo giureranno che La città incantata di Hayao Miyazaki è il miglior film d'animazione di tutti i tempi. Nel 15esimo anniversario dell'uscita in Giappone come Sen to Chihiro no Kamikakushi, letteralmente "la sparizione causata dai kami di Sen e Chihiro", il film resta inarrivabile per il modo in cui ha messo insieme lo spirituale, il realistico, il fantastico e l'umano. Miyazaki è il maestro che è riuscito a far convivere tutti questi mondi, e da quando è andato in pensione tutti concordano sul fatto che La città incantata sia il suo capolavoro.

In sintesi, il film segue una ragazzina, Chihiro, nei suo tentativi di liberare i genitori. Deve cavarsela nel mondo degli spiriti nel quale è intrappolata lavorando nel complesso dei bagni pubblici, gestito dalla strega Yubaba. Miyazaki ha dichiarato di aver preso ispirazione dalla figlia di dieci anni di un suo amico, il produttore Seiji Okuda, che ogni anno passava l'estate con lui. E ha fatto un film esplicitamente per un pubblico di bambini. È proprio per questo che è stato ben accolto da persone di tutte le età, e che il personaggio di Chihiro appare così reale. Quanti sono i casi un cui un film è stato fatto per far felici i bambini, invece che per soldi o per un audience più mainstream?

Molti critici uomini hanno definito Chihiro una ragazzina "bisbetica" e "viziata", e continuano a descriverla in questi termini. Si tratta di una critica poco corretta, oltre che non accurata. Quando incontriamo Chihiro, la stanno portando via dalla sua casa e da tutto ciò che conosce, dato che la famiglia deve trasferirsi. Tutto ciò che le resta dei suoi amici è un bouquet. "È l'unico bouquet che ho mai ricevuto, ed è un regalo di addio. Quanto è deprimente," dice, per sentirsi ricordare da sua madre che il papà gliene aveva comprato uno per un compleanno. Lei, comprensibilmente, ignora l'osservazione della madre. Di fronte a tale sconvolgimento, sono poche le ragazzine di dieci anni che reagirebbero in un modo così educato. Quando la famiglia scende dalla macchina, all'entrata del "parco a tema" nel quale resterà intrappolata, Chihiro è "piagnucolosa", ma solo perché la sua intuizione è corretta. Segue i genitori, preoccupata dalle luci e dal cibo che appare senza che ci sia chi lo vende, e capisce che non dovrebbero trovarsi là. Questi critici noteranno che passa il resto del film non solo a cercare di rimediare all'ignoranza dei genitori, ma anche con il fatto che questi ignorino ciò che ha da dire.

Still

via Wikimedia Commons.

Quello che rende la storia diversa è che Chihiro non è obbligata a trionfare sul male e a trasformarsi da creatura "bisbetica" in una brava ragazzina. Il film racconta la sua evoluzione in modo sincero. Miyazaki la ritrae mentre si costringe gradualmente ad adattarsi all'ambiente che la circonda e ad aprisi alle sfide che si trova davanti, ad affrontarle compostamente meglio che può. Ha problemi ad andare d'accordo con Kamaji, ma alla fine ci riesce. Kamaji continua a ignorarla, ma lei sa che deve ottenere un lavoro ai bagni pubblici per sopravvivere in quel nuovo mondo di spiriti, quindi non si dà per vinta finché lui non la aiuta. La sua lucidità di pensiero e la determinazione la ripagano velocemente quando realizza che uno spirito del cattivo odore è semplicemente uno spirito del fiume che ha bisogno di esser salvato dalla spazzatura che lo circonda. Il fatto che il film sia stato fatto senza un copione è solo un punto in più a favore di questa naturale evoluzione di Chihiro. "Non ho davanti la storia pronta quando cominciamo a lavorare a un film," ha detto una volta Miyazaki al Midnight Eye. "Non sono io a fare il film. Si fa da solo e io non posso far altro che seguirlo." L'intera squadra deve vivere la realtà del personaggio passo dopo passo.

A lasciarsi trascinare dal filo narrativo sono alcune delle più belle scene del cinema moderno, figuriamoci l'animazione. Come ha fatto notare il critico Roger Ebert nella sua recensione del film, ogni fotogramma è fatto con un'incredibile quantità di "generosità e amore". Ogni singolo frame è abitato da decine di creature differenti, ogni minimo dettaglio disegnato a mano riempie gli angoli o lo sfondo, là dove qualcun altro non avrebbe posto alcuna attenzione. Molto importante è il fatto che abbiamo il tempo per respirare il mondo di Miyazaki, e viverlo. Queste scene in cui nulla accade sono chiamate "ma", o vuoto. "Le persone che fanno i film hanno paura del silenzio, vogliono evitarlo," ha detto. "Sono preoccupate che gli spettatori ne siano annoiati. Ma il fatto che l'80 percento di un film sia pieno di azione non significa che i ragazzini ti grazieranno della loro attenzione. Ciò che conta sono le emozioni soggiacenti—quelle non ti sfuggono." Sono i momenti "ma" a essere diventati iconici ne La città incantata— Chihiro sul balcone fuori dalla sua camera da letto che guarda il mare, persa. Chihiro e i suoi amici con lo sguardo nel vuoto sul treno.

Still via Wikimedia Commons.

Questa bellezza è universale, ma c'è una delicatezza che viene persa in traduzione. Un sacco di persone che parlano il giapponese hanno fatto notare alcuni aspetti visivi nel film che chi non parla la lingua non può capire. Quando si avvicinano al mercato del parco a tema all'inizio del film, in un fotogramma vediamo il simbolo Kanji, 狗, per cane, ma questo potrebbe anche far riferimento all'omofono "kuniku" che letteralmente significa carne amara, inteso come qualcosa che richiede un sacrificio personale. Un altro carattere che sta per "osso" sembra rimandare a una frase idiomatica con cui si esprime la mancanza di una morale salda. Quando il padre marcia deciso sotto un'arcata, uno spettatore giapponese nota che alcuni dei caratteri incisi sopra sono al contrario, a rafforzare il disagio che sente Chihiro. Altri spettatori hanno evidenziato la ripetizione dei caratteri "yu" e "me" nel film, dato che "yume" in giapponese significa sogno.

Anche i nomi sono un indice importante dell'identità dei personaggi. Chihiro letteralmente significa "un migliaio" e "fare domande" o "essere alla ricerca". Quando Yubaba elimina un carattere dal nome di Chihiro per storpiarglielo crudelmente, il nuovo nome di Chihiro, Sen, significa solamente "un migliaio". È deprivata di quel significato: lei è se stessa, ma c'è una parte di lei che non c'è più. I nomi degli altri personaggi hanno connotazioni letterali. Boh significa ragazzino o figlio, Kamaji significa vecchio uomo delle caldaie, Yubaba significa donna dei bagni pubblici o strega e Zeniba significa strega.

Come con qualsiasi film che raggiunge velocemente lo status di cult, puoi perderti nel vortice delle interpretazioni su La città incantata. Una suggerisce che l'intero film sia un'allegoria sulla prostituzione infantile, con i bagni pubblici che assumono connotazioni più sinistre. Miyazaki una volta ha dichiarato che la società giapponese è diventata un'industria del sesso. Un'altra lettura suggerisce che La città incantata rappresenti il Giappone antico, quello che si ribella al Giappone moderno, il mondo "reale" di Chihiro e la sua famiglia. In questo caso, la morale della storia è che, come Chihiro, il Giappone dovrebbe imparare che passato e presente possono coesistere a patto che si adattino e cambino. Alcuni guardano invece alle forze opposte del capitalismo e la spiritualità messe in risalto nel film. Chihiro si trasferisce in un'altra città perché il padre ha un nuovo lavoro. L'altro giorno qualcuno ha scritto un Tweet chiedendo a Studio Ghibli qual era la rilevanza del fatto che i genitori di Chihiro si trasformassero in maiali. Quelli di Ghibli hanno risposto che la trasformazione riflette come le persone siano diventate maiali durante la bolla economica giapponese degli anni Ottanta, seguita dal crollo del 1991, e una volta che qualcuno diventa un maiale gradualmente ha "il corpo e l'anima di un maiale", e questo "non è vero soltanto nel mondo della fantasia."

Still via Wikimedia Commons.

Quello che lo spettatore, di qualunque età, trae da La città incantata è l'importanza dell'equilibrio. Non ci sono personaggi negativi, nonostante alcuni siano guidati da intenzioni negative. Tutti hanno un lato positivo o potenzialmente tale—anche la strega, come dimostra la sua gemella. Lo spirito del cattivo odore non è terribile, sotto sotto è un ama no ami, un dio del fiume. L'opposto dell'equilibrio è l'eccesso e come dimostrano i genitori che si ingozzano fino a diventare maiali o l'ingordigia e l'avarizia dei bagni, non ne deriva mai niente di buono.

La combinazione di messaggi spirituali ed emotivi ha reso La città incantata il film con il maggiore incasso della storia del Giappone. Ha vinto premi in tutto il mondo, incluso un Oscar, anche se Miyazaki si è educatamente rifiutato di partecipare alla premiazione perché era contro la guerra americana in Iraq. È con questo film che molti—centinaia di migliaia di persone—si sono avvicinati ai film dello Studio Ghibli, che altrimenti non avrebbero mai visto. È un film di una bellezza rara, che ogni giovane fan terrà nel cuore e mostrerà a sua volta ai figli e ai nipoti. In conclusione, La città incantata ha dimostrato quanto può essere emozionante, toccante e serio un film d'animazione; ma questa lezione è ancora tutta da imparare, 15 anni dopo, per le altre case di produzione.

Segui Hannah su Twitter