Pubblicità
Questo articolo è stato pubblicato più di cinque anni fa.
arte

Un'installazione usa un algoritmo per visualizzare tutti i dati del post 11 settembre

Timescape, all'interno del National September 11 Memorial Museum, crea una rete di dati relativi alle conseguenze dell'11 settembre 2001

di Emerson Rosenthal
22 maggio 2014, 10:30am

Tredici anni dopo, ci ricordiamo ancora il dove e il quando. Conosciamo bene il cosa nonostante il come sia stato spesso distorto, e ancora dobbiamo accettare che non capiremo mai del tutto il perché. Gli eventi dell'11 settembre 2001 e il trambusto globale che li ha seguiti hanno trasformato il mondo in cui viviamo. Per queste ragioni, nel bene e nel male, quelle immagini sono impresse nella nostra memoria. 

Ieri è stato finalmente inaugurato a New York il National September 11 Memorial Museum, dopo tredici anni di lavori. Il padiglione, grazie ai pezzi architettonici e agli oggetti segnati dall'attentato al suo interno, rappresenta un fermo immagine di una profonda frattura, una capsula del tempo che è contemporaneamente spaventosa e appropriata per il fragile mondo in cui viviamo. Timescape, un'installazione basata su un algoritmo e creata per lo spazio espositivo dalla Local Projects, offre ai visitatori una proiezione relativa agli attentati e delle loro conseguenze:

L'installazione di più di dieci metri mostra una linea del tempo frattale segnata dalle notizie e dai titoli dei quotidiani dopo l'11 settembre. "La sfida era rendere tutto comprensibile e raccontare una storia coinvolgente e ricca di significato," ha detto Jake Barton, il responsable della Local Projects.

"Volevamo un design che non rendesse tutto troppo semplice, ma che raccontasse sia la storia dei dati raccolti, sia da dove derivavano le singole linee temporali."

Il risultato è al tempo stesso memorabile e una triste demarcazione degli eventi da quel giorno a oggi. 

"Sapevamo dal principio, quando abbiamo iniziato a lavorare al progetto otto anni fa, che l'11 settembre non era più attualità, ma non era ancora Storia. Le conseguenze finali dell'evento non erano definite," ha detto Barton. "Abbiamo iniziato a chiederci come potevamo raccontare quella storia. Come potevamo inserire i cambiamenti e le evoluzioni che sapevamo si sarebbero verificati?" La rete mutevole di Timescape ci permette di contestualizzare il cataclisma. Forse guardando l'insieme nel suo complesso potremo arrivare  all'accettazione collettiva.

Il National September 11 Memorial Museum ha aperto al pubblico ieri, 21 maggio 2014. h/t Co. Design