Ho passato una nottata nel sex club del Berghain

Non credo che il matrimonio significhi dover abbandonare la mia personalità o la mia sessualità. Per questo io e mio marito abbiamo deciso di festeggiare il nostro matrimonio facendo sesso con degli sconosciuti in un sex club al Berghain.
26.8.16

Illustrazione di

Lili Emtiaz

È quasi un luogo comune: possiamo odiare quante persone vogliamo ma, una volta sposati, ne avremo solo una da amare e baciare e scopare per il resto della nostra vita. Se metti in discussione quest'idea, rappresenti una minaccia per la società.

Ho conosciuto mio marito Alex quattro anni e mezzo fa, su Scruff—una app di incontri gay. Pensavo che sarebbe stata solo una botta e via, e di certo non pensavo che avrei finito per sposarlo. Invece ho incontrato il mio compagno perfetto, perché entrambi non avevamo paura di concedere all'altro la libertà di vivere come voleva e di amare senza limiti, il che voleva dire aprire la nostra relazione ad altre persone.

Non che sia stato subito facile, anzi ci sono voluti anni di discussioni e litigi per arrivare a un'intesa che ci permettesse di farlo senza problemi. In quegli anni mi è capitato di andarmene incazzato nel bel mezzo di una cosa a tre, portando via Alex di peso dal letto perché aveva baciato l'altro troppo a lungo o l'aveva guardato in un modo che mi dava fastidio.

A febbraio di quest'anno io e Alex ci siamo sposati, e abbiamo deciso che come luna di miele ci saremmo concessi un viaggio di cinque settimane in Europa. Nel corso del viaggio volevamo vivere quante più avventure possibile; abbiamo deciso che, come nel nostro matrimonio, anche nella nostra luna di miele non ci sarebbero state regole. Avremmo potuto fare tutto quello che volevamo.

Ecco perché quando abbiamo sentito parlare di Lab.Oratory, un sex club nel seminterrato del celebre Berghain di Berlino, abbiamo subito deciso di andarci—partecipare a un'orgia tra 300 uomini sarebbe stato il modo perfetto di celebrare il nostro legame.

Il Berghain si trova dentro una vecchia centrale elettrica in un quartiere industriale alla periferia di Berlino est. Per arrivarci, il nostro taxi ha dovuto percorrere un viale lungo e vuoto. Quando siamo arrivati in prossimità dell'edificio, dal nulla sono iniziati a spuntare a ogni angolo giovani hipster in abiti costosi che non sembravano preoccuparsi del fatto di camminare in mezzo alla strada. C'erano chioschi dei panini accanto a limousine e macchine sportive, e donne anziane che vendevano bigiotteria.

Il Berghain è famoso per le code chilometriche all'ingresso, ma il Lab.Oratory ha il suo ingresso e i suoi criteri di selezione. Abbiamo scoperto che puoi entrare solo se non hai profumi addosso. Se hai messo anche solo il deodorante non c'è scampo, ti rimbalzano. In effetti ha senso perché l'odore è uno degli aspetti più eccitanti del sesso.

Il funzionamento della serata era semplice: due drink al prezzo di uno, si poteva stare vestiti o nudi. Eravamo nervosi—eravamo stati a un sacco di sex party in America, ma questa era una situazione totalmente nuova.

L'interno del locale somigliava a una caverna, con muri e pavimento di cemento grezzo. La sala principale era affollata di uomini seminudi che ridevano e parlavano tra loro, mentre altri scopavano negli angoli. Ma l'azione vera si svolgeva nelle sale più piccole. Alex e io abbiamo deciso di prendervi parte.

Dire che al Lab.Oratory si fa molto sesso è un eufemismo. Ma non è il sesso, non sono le corde per il bondage, i tubi per il pissing, le stanze per il fisting, le gang bang che si formano spontaneamente a ogni piè sospinto o la naturalezza con cui ci si può inginocchiare a fare un pompino a uno sconosciuto che rendono il locale un posto assurdo. È il senso di cameratismo che percepisci quando ci sei dentro.

Sì, si va al Lab.Oratory per il sesso, ma il sesso che si fa lì è anzitutto una celebrazione del sesso e di quello che ci ruota attorno. È immediatamente percepibile il fatto che il locale è un posto che esiste per celebrare i nostri corpi, i nostri desideri, la nostra omosessualità, la nostra mascolinità.

Mi sono scambiato diversi sguardi con un ragazzo prestante che avevamo incontrato al bar. Era sudafricano e in vacanza a Berlino per una settimana. Poco più tardi Alex e io eravamo avvinghiati a lui mentre gli altri ci guardavano, ci toccavano e ci baciavano. Ben presto ho smesso di pensare, perso in un sovraccarico sensoriale.

Più tardi, mentre Alex era con un colombiano, io mi sono inginocchiato vicino a lui in modo che potesse guardarmi mentre facevo un pompino a un ragazzo di Londra alto, con i capelli rossi e un pisello enorme. A un certo punto Alex si è staccato dal colombiano e ho fatto un pompino anche lui. I due si baciavano mentre io me ne stavo in ginocchio a succhiarlo a entrambi. Verso la fine della serata, abbiamo incontrato un bulgaro molto muscoloso, con la barba grigia e i capelli brizzolati. Lui e Alex mi hanno preso insieme, sussurrandosi parole dolci alle mie spalle.

In tutti quei momenti non vedevo Alex come mio marito. Ho iniziato a vederlo come qualcun altro. Passiamo così tanto tempo della nostra vita a districarci tra mutui e bollette, a mantenere un equilibrio tra quello che vogliamo noi e quello che vogliono le nostre famiglie, le esigenze dei nostri amici, dei nostri datori di lavoro. Lì sono riuscito a dimenticarmi di tutto ciò. Mio marito è diventato solo uno studente dominicano sexy e superdotato. L'ho guardato sedurre e flirtare con altre persone. Ho scopato vicino a lui e ho scopato con lui e con altre persone. In quei momenti le cose tra noi non erano complicate, non c'era da litigare. E per gli sconosciuti con cui interagivamo era lo stesso.

Dopo aver lasciato il Lab.Oratory, abbiamo fatto una passeggiata lungo un canale fino al nostro appartamento. Faceva freddo e il sole stava per sorgere. Alex mi teneva per mano. Ci siamo fermati su un ponte, dove lui mi abbracciato e baciato.

"Ti amo tanto," mi ha detto. "Questa è la luna di miele migliore che potessi sognare."

Segui Jeff Leavell su Instagram

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: