ambiente

Se tutti facessimo uso di psichedelici, ci impegneremmo molto di più per l'ambiente

La scienza ha una nuova missione: capire perché farsi i trip spinge a rispettare la natura—e quindi, magari, fare di più contro il cambiamento climatico.

di Shayla Love
05 luglio 2019, 5:45am

Sky-Blue Images / Stocksy, eskymaks / Getty.

Dopo aver preso dell’LSD, Bill era rimasto in piedi nella sua cucina nel Merseyside, in Inghilterra, a fissare un albero. Quando l'albero aveva iniziato a parlargli, Bill aveva trovato strano soltanto che non si fosse presentato in maniera ufficiale, o almeno così aveva raccontato a VICE nel 2017.

Per i restanti 15 minuti della loro chiacchierata, l'albero aveva messo Bill al corrente dell’importante fatto che tutta la vita sulla terra era strettamente collegata. “Percepivo quanto fosse vecchio—ne aveva passate tante per come è la terra e per come la città in cui vivo gli era stata costruita intorno.”

Chiunque si sia fatto un trip, soprattutto all'aperto, sa che le sostanze psichedeliche come l'LSD, i funghi, il DMT o la mescalina, possono provocare sensazioni di stupore e meraviglia per il mondo naturale. Questo effetto è stato riprodotto anche in ambienti più formali—nel gennaio 2018, alcuni scienziati dell'Imperial College di Londra hanno scoperto che la psilocibina, il principio attivo dei funghetti, portava a un aumento significativo della percezione di legame con la natura dopo una sola dose. Dai sette ai dodici mesi dopo, la profondità del legame persisteva.

“Prima apprezzavo la natura, ora me ne sento parte. Prima la vedevo come una cosa, come la TV o un dipinto…” aveva detto una persona nello studio. “[Ma ora capisco che] non c'è separazione o distinzione, sei tu.”

Gli psichedelici si sono già dimostrati efficaci nel contrastare dipendenze, ansia e depressione. Ma al di fuori del campo della malattia mentale, i ricercatori si stanno chiedendo anche come possano cambiare il carattere e le convinzioni di una persona. L'aumento del legame con la natura è riconosciuto come un fattore predittivo unico per la felicità. Ma è anche associato al benessere del pianeta: esiste un collegamento comprovato tra l’avere un legame con la natura e un comportamento ecologista.

Le Nazioni Unite hanno recentemente affermato che rimangono solo 11 anni per prevenire “danni irreversibili” dovuti al surriscaldamento della Terra. Eppure un sondaggio del Pew Research Center del 2017 aveva rilevato che mentre tre quarti degli americani erano interessati a offrire un contributo personale in favore dell'ambiente, solo uno su cinque si sforzava di fare davvero qualcosa nella vita quotidiana. Intanto, le 100 aziende responsabili del 71 percento delle emissioni globali non intraprendono azioni decisive per ridurre il loro impatto, né i governi fanno sì che debbano rispondere delle proprie azioni. I ricercatori ritengono che bombardare il grande pubblico con dati sul clima non sia la tattica migliore. Nel 1949 l'ecologista Aldo Leopold aveva scritto che “abusiamo della terra perché la consideriamo un bene che ci appartiene.”

E non è il solo a esserne convinto. “La devastazione ecologica che stiamo vivendo è un effetto collaterale di una disconnessione con la natura,” ha detto Sam Gandy, un ecologista e assistente scientifico presso la Beckley Foundation, un gruppo di ricerca sugli psichedelici nel Regno Unito.

Di tutti i fattori che predicono un comportamento ecologista, il contatto e il legame con la natura sono i più importanti, ha aggiunto Gandy. E le persone che fanno uso di sostanze psichedeliche non solo riferiscono di un maggiore contatto, ma sono anche più preoccupate per l'ambiente rispetto a chi fa uso di altri tipi di sostanze.

È una cosa che abbiamo già visto: negli anni Sessanta e Settanta, l'uso frequente di psichedelici aveva conciso con la diffusione di movimenti ambientalisti. Alcuni suggeriscono che non sia una coincidenza. Ma dimostrare che delle droghe causino l'ambientalismo è un’affermazione difficile da sostenere, dal momento che forse dipende più dal tipo di persona che ne fa uso—ovvero, qualcuno già vicino ai temi ambientali.

Matthias Forstmann, psicologo sociale e post-doctoral fellow a Yale, ha cercato di consolidare il collegamento in uno studio del 2017 nel quale ha intervistato circa 1500 persone in merito alle loro esperienze con la droga, il loro rapporto con la natura e le azioni a favore dell’ambiente, come la raccolta differenziata o il risparmio idrico. La ricerca aveva controllato altre sostanze, tratti della personalità e fattori demografici (come l'età) “e, cosa interessante, abbiamo rilevato che solo le sostanze psichedeliche erano predittive di un legame con la natura,” ha detto Forstmann.

Forstmann crede che questo legame (e le successive azioni a favore dell’ambiente) venga promosso attraverso un fenomeno molto discusso nel mondo della ricerca sulle droghe: la dissoluzione dell'ego. Normalmente, sappiamo in maniera chiara dove finiamo noi e dove inizia il mondo esterno, ma gli psichedelici rendono questo confine più sfumato. Gandy è d’accordo sul fatto che la dissoluzione dell'ego sia un meccanismo chiave. Si pensa che gli psichedelici influenzino la rete di modalità predefinita, un cluster di regioni del cervello interconnesse che sono più attive quando il cervello è a riposo o focalizzato sul sé interiore.

Una volta che una persona inizia a umanizzare la natura o la antropomorfizza, potrebbe iniziare a provare empatia. “Se mi sento vicino alla natura o mi sento tutt’uno con la natura, inizio ad assegnare alla natura caratteristiche umane,” ha detto Forstmann. “Come la capacità di provare dolore o di essere triste.”

Attualmente Forstmann è al lavoro su uno studio controllato sul legame con la natura e la dissoluzione dell'io delle sostanze psichedeliche. Questo progetto potrebbe aiutare a escludere alcuni altri fattori di confusione, uno dei quali è che le persone spesso si fanno un trip immerse nella natura, rendendo difficile distinguere l'impatto dell’aria aperta sull'esperienza con la droga.

Gul Dolen, neuroscienziata della Johns Hopkins University, pensa che ciò che accade durante un trip sia importante. Dolen studia la plasticità sinaptica; le sinapsi sono il luogo di connessione tra due neuroni e contribuiscono alla capacità del nostro cervello di apprendere cose e comportamenti nuovi. Dopo aver somministrato MDMA a animali come topi e polpi, ha scoperto che può riportare il cervello ad alti livelli di plasticità. Nell'uomo, ciò potrebbe indurre la capacità di creare nuovi legami e nuove convinzioni.

Altri ricercatori, come il biochimico David Olson dell'Università della California, Davis, hanno riscontrato che le sostanze psichedeliche possono cambiare la struttura dei neuroni nel cervello per aumentare il numero di dendriti, spine dendritiche e sinapsi—tutte collegate alla plasticità del cervello. Ha chiamato le sostanze psichedeliche e gli altri composti che possono innescare questo tipo di riorganizzazione del cervello “psicoplastogeni”.

Comunque, assumere una sostanza psichedelica e rimuginare su idee pregresse potrebbe semplicemente rafforzarle. Secondo Dolen, per trasformare qualcuno poco motivato a livello ambientale in un attivista, dovrebbe essere garantita un'esposizione ai concetti di relazione con la natura e all'importanza di agire per il clima durante il trip. Se questo avviene durante un periodo finestra di riapertura della plasticità, allora quegli effetti possono durare ben oltre la durata delle droghe.

Quindi, dovremmo dare a tutti degli psichedelici nei boschi per salvare il pianeta?

Ovviamente parliamo di sostanze illegale e non prive di rischi—come nel caso di persone con una storia familiare di psicosi, ad esempio. Ma capire come promuovere, come l'ha definito Aldo Leopold, un senso di “noi” senza le droghe potrebbe aiutare a proteggere il pianeta da futuri danni.

Trascorrere più tempo nella natura è un modo semplice. Un recente studio ha rilevato che la vicinanza alla natura aumenta quando i bambini partecipano a attività creative e artistiche, rispetto alle passeggiate naturalistiche educative.

Gandy e Forstmann si chiedono anche se ci sia un modo per rappresentare la relazione con la natura attraverso la realtà virtuale—che è stata in grado di indurre esperienze extracorporee e incidere su pregiudizi e stati d'animo. Una visione toccante della natura può causare potenti cambiamenti cognitivi, simili a ciò che avviene agli astronauti quando sperimentano l'effetto della veduta d’insieme.

Il biologo E.O. Wilson ha scritto che le persone nascono con un'affinità verso gli altri esseri viventi e la natura, una teoria che ha definito l'ipotesi della biofilia. Questa ipotizza che la maggior parte della nostra storia evolutiva sia stata in relazione alla natura—essere in grado di trovare cibo e riparo, capire la terra e trovare la propria strada in luoghi diversi—e che quindi un collegamento psicologico con il mondo naturale potuto essere stato selezionato attraverso i millenni.

Quell’eredità è lì perché noi vi attingiamo, ha detto Gandy—con droghe o altro.

“Sono molto consapevole e profondamente riconoscente per tutte le cose che le sostanze psichedeliche possono fare,” ha detto Gandy. “Ma per me l’applicazione delle sostanze psichedeliche all’ambiente e le sue implicazioni sono più urgenti e più importanti—e richiedono più attenzione di ogni altra cosa. Dev’esserci quel legame emotivo ed empatico per motivare cambiamenti comportamentali.”

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .