FYI.

This story is over 5 years old.

Il sogno rock di Roberto Maroni

La felicità smodata del Presidente della Regione per il #Ligarockparkcontest nasconde in realtà un tentativo estremo di sfondare con la sua band Distretto 51.

Quando la regione si impegna per promuovere le "band emergenti" di solito c'è sempre qualcosa che non quadra, quando poi la regione in questione è la Lombardia le domande che sorgono spontanee sono ancora più inquietanti. Ieri sono capitata, per errore, sul canale YouTube della regione e ho avuto la gioiosa possibilità di guardare da vicino cosa è successo a Monza nelle ore precedenti al concertone di Ligabue, lo scorso 24-25 settembre: le esibizioni dei vincitori del contest #sulpalcodiliga indetto dalla Regione Lombardia.  "Il contest, progetto esclusivo di Regione Lombardia, sarà pubblicizzato sui canali ufficiali dell'evento: Regione Lombardia, Ligachannel e Fepgroup e su tutti i canali social con #sulpalcodiliga." Così recitava il testo del bando, la cui parte più triste non era tanto suonare con Ligabue, che vabbè, quanto la giuria di qualità che avrebbe decretato chi fossero i giovani meritevoli di condividere il palco col nostro rocker brizzolato:  La Giuria di qualità sarà composta da: Roberto Maroni, Presidente della Regione Lombardia e Presidente di Giuria; Marco Alboni, CEO Warner Music Italy; Roberto Razzini, Managing Director of Warner Chappell Music; Daniele Suraci, programmazione musicale di RTL 102,5; Paolo Giordano, critico musicale de 'Il Giornale', Pietro Casarini, Social Media Manager di Ligabue.com. Già a giudicare dalla foto dei vincitori era chiaro che la qualità là dentro sarebbe stata egregia:

Pubblicità

Ma il problema non sono tanto le band, o le interviste apparse sul glorioso canale YouTube della regione, in cui l'intervistatore, dopo alcune domande di circostanza ai giovani musicisti coinvolti, pone a tutti la domanda fatidica: "cosa ne pensate di questa iniziativa della Regione Lombardia?" ricevendo risposte decisamente tutte positive.

(Il più entusiasta di tutti è Francesco Rainero, che ho scoperto essere anche il responsabile dell'iniziativa "Task Force per il Classico" in cui si invitano i rocker italiani a battersi per la salvaguardia del latino.) Il problema vero sta nella difficile risposta alla questione: perché i nostri Presidenti della Regione sono così fissati per il RUOCK? In molti ricordano il grandioso exploit di Roberto Formigoni in occasione delle elezioni regionali del 2010, per cui aveva creato ad hoc dei motivetti orecchiabili dimostrando al mondo la propria anima young:

Ma la tradizione rock, come la reggenza destrorsa della regione, passa di mano in mano, di Roberto in Roberto, e arriva dal brizzolato Formigoni all'entusiasta Maroni, la cui passione principale, oltre alla politica, è la musica. Lo stesso ragazzone che, qualche mese fa, ha deciso di illuminare il Pirellone a festa in occasione dell'approvazione della legge Cirinnà, si dedica con costanza e senza alcun segno di volersi arrendere alla sua rockband: i Distretto 51​, i cui membri sono talmente legati​ al leader Roberto Maroni da volerlo seguire anche in politica, tanto che qualche anno fa c'erano stati parecchi polveroni riguardo all'assunzione, da parte di molti di loro, di ruoli di rilievo in Regione.  Ma che ci vuoi fare? La band è una grande famiglia, e quando uno ha il rock nel sangue desidera trasmetterlo in tutti i modi ai suoi corregionali.

Ma allora è questa sua sana passione per la musica ad aver spinto Maroni a promuovere in lungo e in largo il #LIGAROCKPARKCONTEST o c'è qualcosa che Robby nostro non ci sta dicendo? Indagando più a fondo scopriamo che, alla presentazione dell'iniziativa, Maroon 5 ha pensato bene di deliziare il povero Ligabue con un dono inaspettato: il CD dei Distretto 51, che è stato molto apprezzato dalla signora Paola Concia.

Ora mi è chiaro il piano malefico di Maroni: con la scusa della sua iniziativa per giovani band, il Presidente della Regione ha tentato di farsi strada nel mondo del rock cercando di ottenere l'appoggio del rocker più seguito d'Italia, si sa mai che il prossimo concerto non decida di farselo aprire da UNA BAND EMERGENTE IN PARTICOLARE.  Oh, a sto punto speriamo che il Liga lo ascolti e gli dia una mano a far decollare questo progetto musicale, così Maroni finalmente potrà dedicarcisi a tempo pieno. Segui Noisey su Facebook e Twitter.