FYI.

This story is over 5 years old.

Nella megacittà che spreca di più al mondo

Benvenuti nella città più sprecona del mondo—un'Utopia consumista e densamente popolata.
07 maggio 2015, 12:24pm
New York City. Immagine: Anthony Quintano, Flickr

Vivo, tutto sommato felicemente, in una delle megacittà che spreca di più al mondo. È un'utopia del consumo densamente popolata e che invecchia con costanza, in cui compriamo e gettiamo un'agghiacciante quantità di roba. In cui c'è sempre un rubinetto, un gabinetto o una tubatura che perde nei nostri appartamenti. In cui plotoni di luci pubblicitarie ammiccanti restano sempre accesi. In cui una flotta di macchine che sgasano intasa sempre le strade. Io, come altre venti milioni di miei vicini, faccio la mia parte perché New York City consumi più energia, sprechi più acqua, e sputi fuori più immondizia solida che in qualsiasi altra area mega-metropolitana.

È un risultato non da poco, considerato che ci sono almeno altre 26 mega-città nel mondo che, secondo una ricerca recentemente pubblicata su Proceedings of the National Academy of Science, da sole sono responsabili del nove percento dell'uso di elettricità del pianeta, bruciano il 10 percento della benzina, e creano il 13 percento dell'immondizia.

Ci sono 27 mega-città, nel mondo, dal 2010. Nel 2020, se le previsioni dell'ONU sono corrette, ce ne saranno quasi 40. (Nel 1970, erano 8.) Secondo questo studio, New York è quella con lo spreco pro capite più alto, più di tutte le altre.

"La metropoli di New York ha 12 milioni di abitanti in meno di Tokyo, eppure usa più energia: L'equivalente di una petroliera ogni giorno e mezzo," ha detto l'autore dello studio Chris Kennedy, professore di ingegneria civile all'Università di Toronto. "Quando ho visto questi dati, ero sconvolto." La ragione è che New York usa più benzina, gas di riscaldamento e combustibili industriali di Tokyo.

E guardate voi stessi quanta immondizia pro capite in più produce New York, rispetto alle altre megacittà principali:

La nuova ricerca PNAS documenta dettagliatamente il "metabolismo della megacittà" ovvero come, esattamente, l'energia e le risorse fluiscano attraverso queste città sproporzionate. Si tratta, scrive l'autore, "di un impegno immenso, mai raggiunto prima." Ma sembra che questi bacini giganteschi per esseri umani stiano usando, al momento, più energia delle loro controparti di civilizzazione non-gigantesche.

La cosa è rilevante perché famosi urbanisti e ambientalisti modernisti stanno facendo scommesse sul fatto che la vita di città comporterà una diminuzione negli sprechi e nei consumi di energia. Ha sicuramente il potenziale per farlo: quando le persone vivono in contatto più stretto, ci sono meno sprechi energetici per trasportare persone e beni. I mezzi pubblici possono sostituire le macchine. Ci si affida di più a spazi comuni e pubblici. Il sistema è più pulito, più efficiente.

I vantaggi del vivere in quartieri chiusi sono costantemente in contrasto con il nostro impulso al consumo, che New York incoraggia non poco.

Ma il fatto in sé di produrre in una città densa non garantisce che le cose siano tutte green, come insiste il lavoro di Kennedy.

"Man mano che le città diventano più larghe, le caratteristiche sociali come il PIL, l'innovazione e il crimine aumentano in termini pro capite, mentre i requisiti delle infrastrutture (chilometri di tubature e cavi) diminuiscono in termini pro capite," mi ha detto Kennedy in una mail. "Per quanto riguarda la sostenibilità o gli impatti ambientali delle città si può dire che c'è un compromesso tra gli effetti della ricchezza e gli effetti dell'efficienza delle infrastrutture."

I vantaggi del vivere in quartieri chiusi sono costantemente in contrasto con il nostro impulso al consumo, che New York incoraggia non poco. La ricerca di Kennedy dice che quando le megacittà diventano ricche, come New York, sprecano anche molto di più. "Un'interpretazione possibile di questi risultati per le megacittà è che gli effetti della ricchezza dominano rispetto alla produzione di immondizia solida, di uso dell'elettricità e benzina (tutto a tassi più alti della media globale)," ha detto, "ma rispetto al consumo totale diretto di energia i due effetti sono quasi equivalenti." Le città alimentano l'innovazione e creano benessere, vero, ma la cosa, in posti come New York, significa ancora più consumo.

Possiamo informarci su tutte le nobili iniziative a favore della sostenibilità di New York, o su come il futuro del vivere green si trovi nelle città—ma teniamo anche bene a mente quelle tubature che gocciano, i taxi che si stipano sul ponte di Brooklyn, i grattacieli sempre illuminati, e le buste di immondizia che una dopo l'altra gettiamo giù dalle scale dal terzo piano.

Kennedy dice che "sì, i risultati delle nostre megacittà contrastano con l'idea che le città ora usino energia con maggiore efficienza, anche se, forse, questa cosa può ancora cambiare nel futuro." Questo è il punto—la ricerca insiste anche su come certe megacittà vadano incontro a futuri molto sostenibili.

Il design urbanistico di Tokyo e il sistema di trasporti pubblici impeccabile la rendono un esempio modello nell'uso di energia urbana. Sono anche dei mostri ad aggiustare le tubature che perdono. Mosca, che Kennedy mi spiega essere in un certo senso l'unica vera competizione a livello di spreco pro capite di New York—è l'unica città che ha usato più energia—ha un sistema di distribuzione del riscaldamento invidiabile; usa gli sprechi di calore degli impianti energetici per scaldare le case. E a Londra, "dove la quantità di discariche di immondizia solida comunale del Regno Unito è scesa dall'80% del 2001 al 49% del 2010," secondo l'articolo, una tassa sulle discariche è servita a ridurre considerevolmente la produzione di immondizia.

Niente di tutto questo è per dire che le grandi città non tengono fede alla promessa di un futuro più efficiente e con meno spreco. "Le nostre conclusioni vanno a supporto dell'opinione generale che le città compatte sono la strada giusta," mi ha detto Kennedy.

Ma dobbiamo progettarle, renderle operative e gestirle meglio. Le megacittà sono il futuro, che ci piaccia o no, e rappresentano un'opportunità per configurare la società perché si prepari davvero ad un mondo più caldo, con più interperie e meno risorse. Dobbiamo solo far sì che la loro quantità di energia e spreco somigli più a quella di Tokyo che a quella di New York.