FYI.

This story is over 5 years old.

Ricordiamo meglio gli episodi stupidi che quelli importanti

Quattro studi dell'Università di Harvard hanno valutato il piacere che le persone traggono dal ricordo di un evento irrilevante.
Image/Flickr

Se la vostra bacheca assomiglia alla mia, Facebook è un buco nero dove ostentare l'auto-promozione, invaso di foto del deboscio con i compagni si sbronze. Sono più rari i post sui momenti ordinari―come una semplice conversazione in un bar, una commissione durante il pranzo. Ma questo atteggiamento potrebbe cambiare: un nuovo studio mostra che i ricordi banali, in realtà, si rivivono con più soddisfazione.

Pubblicità

I ricercatori della Facoltà di Economia di Harvard hanno recentemente ultimato quattro studi atti a valutare il piacere che le persone traggono sia dal ricordo di un evento irrilevante, come un giorno qualunque con il proprio partner, sia da quello di un evento esaltante, come il giorno di San Valentino. Hanno poi confrontato il risultato con l'aspettativa legata a ogni evento.

Alla luce del vortice fotografico a base di revival e piatti di cibo costoso dai toni seppia pubblicati sui social network, i risultati sono stati alquanto sorprendenti: la maggior parte dei partecipanti ha riferito che provano maggior interesse a ricordare i momenti ordinari della loro vita, anziché quelli speciali. E non se lo aspettavano.

"Questa ricerca mostra che possiamo trarre gioia da ogni momento della vita. Anche se raramente ce ne accorgiamo", afferma Ting Zhang, autore dello studio. "I nostri dati suggeriscono che i momenti ordinari tendono a diventare straordinari col tempo, molto più di quanto ci si aspetti".

Secondo i ricercatori, i risultati possono spiegarsi come una tendenza a supporre che rimarremo più o meno gli stessi nel corso del tempo, per cui ci ricorderemo delle nostre noiose abitudini, senza necessità di documentarle. I risultati dello studio mostrano che―sorpresa―in realtà cambiamo molto e sono proprio le nostre abitudini a mancarci di più. Anche se, va notato, gli studi hanno dimostrato che le fotografie sono un buon compromesso non dimenticare .

Pubblicità

"Rivivere i momenti ordinari del passato genera un piacere inatteso", scrive Zhang. "Uno dei partecipanti ha scritto: "Anche quel piccolo particolare mi ha riportato indietro nel tempo: dove eravamo, con chi ero, il modo con cui il sole stava entrando dalla finestre e i sentimenti provati. Grazie di tutto questo!".

Nel primo studio i ricercatori hanno chiesto ad alcuni studenti di inserire in una "capsula del tempo" diversi oggetti comuni―una trascrizione di una recente conversazione, una foto dell'ultimo evento a cui hanno partecipato, ecc―e hanno chiesto loro di compilare un test sull'interesse previsto e su quello realmente provato, tre mesi dopo, con l'apertura della capsula. In quasi tutti i casi, i partecipanti hanno mostrato molto più interesse di quanto si aspettavano.

Gli altri studi hanno seguito un modello simile, ma con altre variabili. Per esempio,in uno studio i partecipanti hanno scelto un qualunque oggetto che gli ricordasse una situazione ordinaria o speciale, prima di misurarne il grado di soddisfazione. In un altro studio, i ricercatori hanno scelto a caso chi tra i partecipanti dovesse rivivere un evento particolare, in quel caso il giorno di San Valentino, oppure un evento ordinario. In entrambi i casi, i risultati evidenziavano una correlazione tra i momenti usuali e il sincero interesse.

Poiché lo studio è stato effettuato nella Facoltà di Economia, ho chiesto a Zhang se questa ricerca avesse interesse commerciale. Come mi aspettavo, la risposta è stata sì.

"I dati suggeriscono che ci potrebbe essere un valore in quei prodotti e servizi che ci permettono di inviare le nostre riflessioni ed esperienze nel futuro", ha aggiunto. "Attualmente siamo interessati a come riscoprire gli eventi del nostro passato potrebbe essere utile nell'organizzazione aziendale―forse i manager potrebbero diventare leader migliori, se ripensassero alle sfide e al percorso che hanno dovuto affrontare all'inizio della loro carriera".

È prevedibile che i Google Glass, o una delle numerose imitazioni, siano uno di questi prodotti con cui è possibile documentare qualsiasi evento della propria vita e riviverlo. Anche se, come evidenziano i ricercatori di Harvard, questa è un'idea terribile. Dopotutto, essere invasi ogni giorno da una valanga di aggiornamenti e di post su eventi difficilmente interessanti, è qualcosa di ingestibile.