Un giorno e una notte con la coppia di pornostar più famosa della Grecia
Tutte le foto di Panos Kefalos
Stuff

Un giorno e una notte con la coppia di pornostar più famosa della Grecia

Quando fai l'attore porno, stare insieme nella vita e sul lavoro può essere abbastanza strano. Abbiamo seguito Theo e Ina, due famose pornostar greche, nella loro vita quotidiana tra palestra, supermercato, lavori domestici e strip club.
05 agosto 2016, 8:44am

Non ricordo qual è stato il primo porno che ho visto. Ma ricordo la prima rivista a luci rosse che, alle elementari, ho sfogliato con gli amici. Ce l'aveva comprata un cugino più grande di uno di noi, e l'abbiamo divorata nella sua taverna. Tra parentesi, siamo quasi rimasti chiusi in taverna perché ci eravamo dimenticati dov'erano state messe le chiavi, rapiti dalla nostra passione per il porno.

La professione di pornostar è stata sempre considerata "il lavoro ideale" da molti di noi—e da altri, penso—ma col passare degli anni abbiamo anche capito che lavorare nel porno significa molto più di fare sesso. Me l'hanno confermato Theo e Ina, coppia nella vita e nei film porno. "La cosa più difficile è fare abituare la tua famiglia. Fortunatamente, le nostre hanno capito fin dal principio e ci hanno sostenuti. Hanno capito che non facevamo niente di sbagliato per guadagnarci da vivere, non rubavamo, e mentre i nostri coetanei ancora vivono con i genitori e dipendono dai loro soldi anche per andare in discoteca, noi ce la caviamo da soli. E poi, siamo rimasti innamorati anche dopo aver cominciato a lavorare insieme. Un'altra cosa difficile è che devi dedicare più tempo alla tua immagine, perché è quello che vendi, è importante. Devi essere bello. E la vita notturna è una parte noiosa di questo lavoro—non resta molto tempo libero," dice Theo.

Li ho incontrati a Nea Smyrni, in un appartamento. Non è casa loro, è della zia di Theo. La loro casa, nel quartiere ateniese di Patissia, non è ancora terminata. La stanno costruendo. Theo e Ina stanno insieme da dieci anni. Sono fidanzati e convivono. Stavano insieme da prima di cominciare a lavorare nei porno. Si sono incontrati in un bar in cui Ina, allora 18enne, lavorava come cameriera—Theo faceva il benzinaio. "Mi piaceva la sua timidezza. Ci sono andato per dieci giorni di fila. Le facevo complimenti, piccoli regali, le davo mance—niente. Un giorno, sono andato da lei e le ho detto: 'Per favore, voglio solo prendere un caffè insieme, solo un'ora e poi non ti infastidirò mai più.' Penso che Ina abbia avuto pietà di me, e mi ha detto di sì e siamo andati a prendere il caffè. Da quel momento stiamo insieme. Un'ora è stata sufficiente," mi ha raccontato Theo.

"Di anno in anno, il nostro legame si fa più hard," dice lui, seduto sul divano. Ina è davvero timida, non parla molto. Seduta di fianco a Theo, con un paio di shorts addosso e una sigaretta accesa, lo guarda parlare. Finché arriviamo alla questione matrimonio, e lì salta nel discorso. "Quando, di recente, eravamo a Las Vegas—per lavoro ma anche per vacanza—abbiamo pensato di sposarci, ma era tutto troppo finto, perciò abbiamo lasciato perdere," dice. "La verità è che ci ha attraversato la mente un paio di volte, ma d'altra parte il mondo è pieno di persone che si sposano e poi divorziano. Penso che sia il matrimonio che rovina le relazioni. È un guinzaglio, ti limita," dice Theo. "Ci sposeremo quando avremo dei figli, perché allora sarà la cosa giusta da fare," aggiunge Ina chiudendo il discorso matrimonio.

Questa, che forse è la coppia porno più famosa della Grecia, passa tutto il suo tempo insieme. Fanno palestra, vanno a pescare, vanno fuori, in discoteca, al mare—non c'è attività che non facciano insieme. "Siamo una squadra, anche fuori dal lavoro siamo sempre insieme, siamo un pacco unico," spiega Theo. "Non l'abbiamo chiesto noi, è successo e basta. È così che ci vuole il pubblico," continua. I due leggono anche lo stesso libro, al momento. Il fatto che facciano tutto insieme implica anche, immagino, più liti. "Ieri abbiamo litigato ancora," dice Theo, "perché secondo Ina avevo risposto troppo bruscamente a una persona che mi ha scritto su Facebook."

Cosa ti scrivono di solito? chiedo. "Che nuovi film stiamo facendo, la nostra posizione preferita, e consigli sul sesso—dai più innocenti ai più estremi," dice Ina. "Aspetta, ti faccio vedere," interviene Theo. "Vedi, qui ci hanno invitato a un matrimonio; questa ragazza invece vorrebbe lavorare nel porno—scrive, 'Non sapevo che foste tornati ad Atene, ieri ero nel posto dove lavoravi.' Queste quattro ragazze mi vogliono per il loro addio al nubilato. Un'altra scrive, 'Qual è il tuo prossimo progetto?' e poi, 'Quando vieni a Salonicco?'"

"Fai vedere anche i miei," dice Ina. "Qui uno dice, 'Ina voglio conoscerti—dove lavori?' e un altro, 'Prendimi, mistress, sono il tuo schiavo.' 'Qual è la tua perversione?' 'Sei una brava ragazza, si capisce dagli occhi,' 'Se ti lascio il mio numero, mi chiami?' 'Ti ricordi quel commento che ti ho lasciato sotto una foto?' 'Hai mai fatto sesso con un'altra ragazza?' 'Mandami una foto,' 'Ti piace nuotare senza costume?'" e molte altre. Qualcun altro le ha scritto, "È stato bello ieri, vero?" e Ina è stata allo scherzo, "Sì, siamo stati bene." Fortunatamente era come sempre con suo marito, per cui non ci sono stati motivi di lite tra i due.

Hanno molti fan, è la verità, ma Ina non pensa di averne. "Non sono una star, non sono Angelina Jolie. Non ho un parrucchiere o un autista. Mi riconoscono per strada, ma solo perché faccio un lavoro diverso da tutti. Non sono una celebrity," sottolinea, aggiungendo che ci sono anche dei detrattori. "C'è un tipo che, su tutti i siti, scrive cose pessime sul mio conto—che sono brutta etc," dice.

A guardare le sue foto, mi chiedo come faccia questo ragazzo a dire cose simili.

La vita quotidiana di una coppia del porno è così strutturata: Theo si sveglia alle nove, fa le commissioni (la spesa etc), torna a casa e beve un caffè con Ina, mangiano, vanno in palestra, di nuovo a casa e poi la notte lavorano in uno strip club dove fanno un sex show. Questo, ovviamente, quando non sono sul set—spesso all'estero, perché lavorano soprattutto con produzioni straniere. Se non devono lavorare la sera, spesso alla domenica vanno a bere qualcosa.

Non dividono i lavori di casa, la casa è il regno di Ina. "Ci siamo divisi i compiti: io faccio le faccende di casa e Theo fa tutto quello che va fatto fuori casa," dice la ragazza.

"Avete mai girato un porno casalingo?" chiedo. "Sì, molto tempo prima di cominciare a fare film. Era fatto bene, è stato un peccato non tenerlo. Era bello," ricorda Ina. "Penso che tutti siano curiosi di sapere come appaiono mentre fanno sesso. E noi anche. Al tempo, non ci era mai nemmeno venuto in mente di farlo come lavoro," dice Theo, che aggiunge, "da allora, non abbiamo mai più fatto un video amatoriale. Se filmiamo qualcosa, lo vendiamo," dice ridendo, "come due filmini amatoriali che abbiamo fatto a Bali e in Thailandia, che sono diventati film."

Il loro set preferito è stata una produzione recente a Los Angeles, ancora inedita, in cui un sacco di donne si fanno un uomo solo. "Dopo aver girato, avete voglia di fare sesso (lontano dalle telecamere)?" chiedo. "Dipende, ci sono volte che non ne abbiamo voglia. Dipende con chi giriamo, che ruolo abbiamo, che scena è, quanto è stancante, e chi è il regista. Comunque, ci sono volte che vogliamo andare avanti a casa," dice Theo. Entrambi rispondono sì quando chiedo se guardano i porno di cui sono protagonisti.

Mentre andiamo al supermercato, Theo dice che si è innamorato di Ina perché era—ed è—molto dolce. "Non mi ha mai dato modo di essere geloso e mi ha sempre trattato bene. E la cosa più importante è che mi lascia far sesso con le altre, nei film. Cosa vuoi di più?" dice ridendo. "Mi dà ai nervi quando si arrabbia con me, o brontola, magari perché ha appena pulito e io metto in disordine," aggiunge.

"Sì, sono una brontolona," dice Ina.

"Ma lui mi riempie di attenzioni. Se voglio una cosa me la dà subito—e non mi riferisco alle cose materiali. C'è chimica tra noi, ma mi fa arrabbiare perché lui perde subito le staffe e se la prende con me, perché siamo sempre insieme," dice Ina.

Dopo il supermercato, è il momento dell'allenamento in palestra—i ragazzi hanno bisogno di scaricarsi, prima del lavoro notturno all'Athens Queens.

Ed è proprio in questo strip club che li incontro di nuovo intorno a mezzanotte. Chiedo loro come si immaginano la vita tra dieci anni. Vorrebbero uno o due figli, una villetta con piscina e aver fatto un paio di viaggi in Thailandia, il loro posto preferito. "Ma lo ripeto, siamo innamorati della Grecia," sottolinea Theo. Le due pornostar mi dicono anche che la loro professione ha una data di scadenza, ma che c'è sempre la possibilità di reinventarsi, in seguito, creando la propria casa di produzione o un'agenzia per attori porno. Per loro la cosa più importante è rimanere sempre nelle grazie del pubblico.

Nello strip club, il vocalist li introduce come "pornostar di fama mondiale". Tra spogliarelli, drink e ragazze bellissime, Theo e Ina mi spiegano che per loro fare sesso su un palcoscenico è molto più facile che davanti a una telecamera, soprattutto perché sentono le reazioni del pubblico, le esclamazioni e gli applausi, e lo spettacolo dura 15 minuti. Anche qui gli imprevisti non mancano—per esempio scivolare da una sedia—ma lo spettacolo deve continuare.

La loro bravura nel campo ha fatto ottenere a Ina una nomination ai DDF Awards 2016—il responso è atteso per la fine dell'estate. Mentre parliamo del premio, un amico mi manda un messaggio, "Oh, chiedigli se le dimensioni contano, è una vita che voglio saperlo." No. Non contano. Ina mi spiega che se ce l'hai grosso come un cavallo ma non sai usarlo, è abbastanza inutile.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: