Qualcuno mi può spiegare che cos'ha di bello la ketamina?

Qualcuno mi può spiegare che cos'ha di bello la ketamina?

Il famoso "anestetico per cavalli" diventa sempre più popolare tra gli studenti, si può sapere perché?
8.6.17

Qualche tempo fa ho dichiarato ai quattro venti che la cocaina è la peggior droga di tutte. Non so cosa mi avesse preso. Certo, la cocaina è una cosa odiosa, arida, noiosa, una droga per i narcisisti latenti e non, che trasforma una piacevole conversazione sul più e il meno in un monolitico monologo da cinque ore. Ma c'è di peggio. C'è la ketamina.

La ketamina è un potente anestetico spesso somministrato a pazienti che soffrono di dolore cronico a cui la maggior parte dell'opinione pubblica fa riferimento come sedativo per cavalli. Forse è per questo che è più raramente considerata una droga ricreativa. Essendo collegata perlopiù a operazioni chirurgiche importanti e ad animali da soma, ha una connotazione più pesante. Nessun genitore andrebbe a pensare che i propri figli e figlie si mettano nel naso la stessa roba che Varenne usa per dormire.

Pubblicità

Mamma, papà, fate un bel respiro: Mattia e Ambra hanno probabilmente passato il weekend a chiedersi come mai avessero le mani grandi come palloni e della consistenza e calore della lava. Ora sono seduti in biblioteca e tentano di superare la prima pagina di Intolleranza Attiva: Michel Focault, il Gruppo d'Informazione sulle prigioni e il futuro dell'abolizionismo senza successo. Sono ore che la leggono e rileggono e saranno ancora lì a fine giornata. Il resto della settimana passerà nella solita nebbia di birrette dal bangla, sigarette rollate e caffè-e-cornetto a mezzogiorno, finché non arriverà di nuovo il weekend e i vostri ragazzi si ritroveranno di nuovo a fare il moonwalking in un locale pucciando la chiave di casa in una busta di Special K.

Ogni droga ha il suo ambiente, la sua base, e per la ketamina si tratta degli studenti. La stessa parola fa venire in mente panelli di compensato da quattro soldi ricoperti di pacchetti di cartine bagnati, filtri sporchi e ciocche di Golden Virginia che dominano gli spazi comuni di ogni appartamento abitato da studenti. Riesco a vedere il tavolo, a sentire l'odore della birra rovesciata tre giorni prima, dei vestiti da lavare da un mese, e riesco anche a sentire il suono delle righe che vengono sniffate. E mi sento un po' male.

Sarà perché sono ormai un vecchio incartapecorito e sento arrivare la demenza senile, ma la recente riabilitazione della ketamina tra gli studenti non mi piace per niente. In un recente studio condotto da The Tab, è stato rivelato che l'utilizzo di ketamina è in crescita, con uno stupefacente 59% degli studenti all'Università di Manchester che utilizzerebbero regolarmente una sostanza che ti fa sentire come se avessi ingollato tiepida in rapida successione due latte da mezzo di 8.5, oppure ti separa letteralmente dal tuo corpo spedendoti in una dimensione parallela.

Pubblicità

Che ci piaccia o no, le droghe sono una parte integrante dell'esperienza sociale che molti studenti hanno all'università, quindi a preoccuparmi non è l'assunzione in sé, è che cosa assumono e quando che mi fa aggrottare la fronte. E la mia preoccupazione ha varie sfumature.

ketamina feste discoteche studenti statistiche droga party

La prima è semplice: la ketamina non è divertente in nessun modo. Non ti dà la stessa energia vibrante di una piccola, non ti ammorbidisce come un joint, e nemmeno ti fa girare la testa come una pinta di troppo di Super Tennent's. La ketamina semplicemente non "funziona" nell'ambiente del club. C'è un motivo per cui la dubstep è morta e ormai interessa solo a tipo tre persone in un certo quartiere di Bristol, e quel motivo è la ketamina. Il fatto che la dubstep sia diventata immediatamente tanto interessante come guardare tutte le puntate de Il Processo del Lunedì di seguito è perlopiù irrilevante.

Chi vuole passare la serata in mezzo a quelle che sembrano comparse di Dawn of the Dead con l'artrite che barcollano in giro inciampando nelle casse dei subwoofer e tentano di rollare sigarette di foglie secche e ghiaia mentre parlano da soli di assistenza sociale e welfare? No, grazie—preferisco rompipalle con la fiatella da birra che si fanno spazio a gomitate tra coglioni addobbati che si allacciano e slacciano disperatamente la camicia con l'idea che questo possa tenere lontano ancora per un po' l'attacco di cuore che sentono arrivare. Questo sì che è clubbing!

Pubblicità

Poi c'è qualcosa di strano riguardo a come viene percepita e raccontata la ketamina. La ketamina è una droga che può mandare chi la utilizza in luoghi davvero terrificanti ed è, se consumata in quantità sbagliate, fatale, è diventata una specie di specchio della scena house nel mondo degli stupefacenti. Da quando è stata adottata dai grigi gremlin della notte—quelli che tengono su il PIL a forza di birre da 49 cent e sacchi di Amica Chips—l'ha vista trasformarsi da una prelibatezza per il vero fanatico di dubstep in una droga che ci si spara prima, durante e dopo un set di Kink al Warehouse Project.

Per motivi che non riesco davvero a capire, la ketamina ha assunto una specie di atmosfera giocosa, è diventata una specie di aggiunta carnevalesca all'inferno contemporaneo della vita-per-il-clubbing. È dappertutto, manco fosse una variazione sul tema di "Keep Calm and Carry On".

Forse c'è una spiegazione valida del perché questa droga così sgradevole e spaventosa sia diventata lo stupefacente preferito di una generazione che ha lentamente iniziato ad accettare la propria obsolescenza. Non ha la spinta arrogante della coca né fa fondere il mondo come l'LSD, anzi, manda avanti un senso di rassegnazione—finché non prendi quel cincinino di troppo e improvvisamente dimentichi chi sei, dove sei e che cosa significhi essere in qualunque senso del termine.

Il che può anche essere una buona cosa quando ti rendi conto di aver pisciato via un altro weekend, e il sole sta sorgendo sopra un altro appartamento sporco in una città grigia, e tutto quello che ti rimane sono tre like su Facebook e una forte sensazione di aver fatto qualcosa di davvero, davvero terribile insieme alla certezza che non ti ricorderai mai esattamente di che cosa si tratti.

Segui Noisey su Twitter e Facebook.