Christiane F., 34 anni dopo

FYI.

This story is over 5 years old.

Foto

Christiane F., 34 anni dopo

Sono passati 34 anni dall'ultima volta che ho visto Christiane F., all'epoca del nostro shooting su Hollywood Boulevard. Era il 1981, ed era arrivata dalla Germania per promuovere il film basato sulla sua storia.
05 marzo 2015, 9:28am

Fedele seguace della scena punk rock americana, Brad Elterman ha fotografato alcuni dei più grandi musicisti degli anni Settanta e Ottanta. E fotografa tuttora, quando non è nella sua casa di Bel Air in compagnia di scrittori, modelle e personaggi dello spettacolo. Questa serie è nata dal suo shooting con la misteriosa e schiva Christiane F., a più di trent'anni di distanza dal loro ultimo incontro.

Sono passati 34 anni dall'ultima volta che ho visto Christiane F., all'epoca del nostro shooting su Hollywood Boulevard. Era il 1981, ed era arrivata dalla Germania per promuovere il film basato sulla sua storia. Io ero un fotografo a cui era stato assegnato un servizio da un giornale tedesco. Ricordo che il suo inglese non era dei migliori, ma il regista Uli Edel era sempre al suo fianco per darle una mano. Dopo le foto ci eravamo brevemente rivisti al Rainbow, ma poi lei era ripartita. Questi 34 anni sono passati piuttosto in fretta.

Negli ultimi anni in tanti mi hanno chiesto com'è stato fotografarla. Quando lo racconto, dicono tutti la stessa cosa: "che figata." Personalmente questa ammirazione mi lascia sempre un po' spiazzato, visto che il libro e il film parlano di una giovane tossicodipendente che si vende per poter comprare la droga.

Ma grazie ad alcuni amici sono riuscito a rientrare in contatto con Christiane e a fissare un nuovo incontro, stavolta a Berlino. Abbiamo cenato insieme e parlato dei vecchi tempi. Christiane aveva la stessa risata, lo stesso sorriso, gli stessi stupendi zigomi, e lo stesso, immutato amore per la vita di una volta.

Volevo tornare a stabilire un contatto con lei attraverso la macchina fotografica, come avevamo fatto 34 anni fa. Non volevo farle domande personali, perché quella parte della sua vita è già stata ampiamente documentata. Volevo stabilire un contatto in quanto amico, e non in quanto giornalista. Proprio come avevamo fatto nel 1981.

Lo shooting è stato fissato per il mio ultimo giorno a Berlino. Era una giornata fredda e umida, di quelle che i berlinesi conoscono piuttosto bene, ma che non avrebbe potuto essere più distante dal nostro primo incontro a Hollywood.

Ci siamo spostati in una parte della città in cui è rimasto un brandello del muro accompagnati da Leon, il chow di Christiane. Alle nostre spalle, studenti in gita e turisti si scattavano foto con l'iPhone.

Segui @bradelterman su Instagram.