Magia nera e sangue di gallina: una settimana tra gli sciamani della Sierra Leone

FYI.

This story is over 5 years old.

Salute

Magia nera e sangue di gallina: una settimana tra gli sciamani della Sierra Leone

Ho recentemente trascorso una settimana in giro per gli ambulatori degli sciamani della Sierra Leone, e questo è ciò che ho visto.
25.3.16

Ho recentemente trascorso una settimana in giro per gli ambulatori degli sciamani della Sierra Leone. Ognuna delle persone che ho fotografato fa parte del Consiglio nazionale degli sciamani tradizionali, e nelle sue pratiche usa un mix di magia nera ed erbe curative. Oltre a offrire rimedi per problemi fisici, molti affermano di poter operare il malocchio—o persino uccidere—eventuali nemici. Nel corso delle sedute vengono spesso intonati canti al demonio.

Il presidente del consiglio, il dott. Tarawallie, afferma, "Di notte mi capita spesso di parlare col diavolo, mi aiuta a lavorare meglio. Abbiamo il potere di uccidere, posso lanciare una maledizione usando semplicemente una ciotola piena d'acqua. Il volto del nemico compare sulla superficie dell'acqua, e quando la tocchi quello scompare e l'acqua diventa rossa. Ecco, fatto questo, la vittima muore."

Pubblicità

In Sierra Leone la credenza nello sciamanesimo è diffusa, e agli sciamani si rivolge gente di ogni strato sociale—da politici a uomini religiosi passando per dottori.

Nei giorni che ho trascorso con questi sciamani ho assistito a un rito su una ragazza con le gambe paralizzate. Dopo averle cosparso le ginocchia di sangue di gallina, lo sciamano l'ha scossa con forza nella speranza che quel gesto avrebbe espulso il maligno dal suo corpo. Io stessa mi sono sottoposta a uno di questi riti, ritrovandomi con del sangue di pecora sulla fronte e della polvere magica sul braccio.

Segui Olivia su Twitter.

Il dott. Kabbia nel suo studio

Lo sciamano Mortal Man Garage indica le malattie che è in grado di curare.

Un dettaglio nello studio del dott. Mortal Man Garage

Il dott. Tarawallie e il suo assistente nel corso di un rito su una ragazza con le gambe paralizzate.

Una polvere usata nei filtri d'amore.