FYI.

This story is over 5 years old.

Mike Paradinas è riuscito a mixare footwork e trance

E, sorprendentemente, il risultato non fa per niente schifo.
31.3.14

C'è qualcosa di molto molto strano nell'aria riguardo la musica trance. Non che sia stata del tutto sdoganata (come per la drum'n'bass, negli anni ne sono sopravvissute delle forme molto imbarazzanti ma inossidabili, e si vuole giustamente evitare di riportarle a galla), ma qualcosa del suo suono delle origini è tornato a galla in più di un modo. Da Lorenzo Senni che ne riprende gli elementi più primitivi ai Gatekeeper in overdose da Mortal Kombat ad articoli su Fact che cercano di salvare il salvabile. Io stesso qualche mese fa c'ho avuto un breve periodo di fissa (un paio di giorni, a dire il vero) in cui ascoltavo solo "Dominator."

Pubblicità

Poi arriva Mike Paradinas AKA µ-Ziq AKA il capoccia di Planet Mu, che consegna ai nostri cugini inglesi di Thump un mix fatto solo di versioni inedite, di remix di pezzacci trance—e progressive house, vedete di arrivare alla fine per sentire cosa hanno combinato a Robert Miles—ad opera di producer perlopiù europei ma tutti devoti alla footwork di Chicago. La contrapposizione di stili funziona meglio di quanto possiate credere, anzi funziona di brutto. Spesso e volentieri il misto di breaks incasinati e arpeggioni sconfina nel più classico suono da rave UK, ma più in generale crea un senso di futurismo retro-digitale allucinato. Siamo in una versione irreale e apocalittica degli anni Novanta.

Segui Francesco su Twitter — @FBirsaNON