FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Perché ho deciso di non fare più pompini

Non è che non mi piacciono i peni. È che non mi piace l'idea di mettermene uno in bocca, e di obbligare la mia bocca a fare cose che le mie mani o la mia vagina possono tranquillamente fare al posto suo.
25 marzo 2015, 12:42pm

Non faccio pompini. È la mia scelta definitiva, lo dico forte e chiaro. Lo so che questa dichiarazione farà infuriare orde di uomini e anche di donne che considerano i pompini un dovere sessuale. Lo capisco. Vi spiego le mie ragioni: odio farli. Non mi è mai piaciuto avere un pene in bocca.

Prima che partiate con gli insulti, voglio chiarire che questo non significa che mi fanno schifo i peni. Non li trovo brutti o disgustosi. La maggior parte, anzi, ha un design pratico e longilineo, che ammiro molto. Nonostante ami la mia vagina, spesso sono invidiosa dei peni, che sembrano non avere una preoccupazione al mondo. Se provi a spiegare a un pene le perdite quotidiane, le mestruazioni, l'equilibrio del pH e i pap test, quello non sa cosa rispondere. Per prima cosa perché è un pene e i peni non sanno parlare, e poi perché tutte queste cose non le deve affrontare. I peni, non c'è neanche bisogno di asciugarli dopo aver fatto pipì. Tutto il mio rispetto. Sto solo dicendo che non mi piace l'idea di mettermene uno in bocca, e di obbligare la mia bocca a fare cose che le mie mani o la mia vagina possono tranquillamente fare al posto suo.

Al momento c'è un uomo nella mia vita. Non è che io sia innamorata di lui, ma viene da me una volta a settimana e mi regala un po' di sesso orale. Non gli do niente in cambio, a parte una pacca sulla spalla se è stato bravo. So che a qualcuno questo accordo può sembrare strano, ma io lo considero praticamente perfetto. La seconda volta che uscivamo gli ho proposto di esercitare un po' la lingua sulla mia clitoride. Dopo averlo ringraziato per avermi accompagnata a casa, gli ho detto, "Ti va di salire e leccarmela un po'?" Mi ha risposto di sì con entusiasmo, e così è andata. L'ho fatto andare avanti finché non sono venuta, e poi l'ho mandato a casa. Questi sono i nostri accordi da due mesi. Se vi chiedete perché non facciamo sesso, è perché mi sono ripromessa di non fare sesso al di fuori di una relazione. Questo ragazzo è sicuramente molto generoso, ma ci sono alcune cosucce su cui proprio non ci troviamo, per esempio le conversazioni.

Prima di cominciare questa storia, ho deciso che non avrei mai più fatto un pompino. Ho anche deciso che non avrò mai una relazione con uno che non fa sesso orale. Anche se ha i dati di accesso a tutti i siti del mondo, se non vuole mettere la bocca lì troverò la forza di lasciarlo. Sono egoista? Probabilmente. Ma non mi interessa. Credo di avere tutti i diritti di esercitare questo presunto egoismo. Per anni ho fatto sesso con uomini che non hanno mai messo la loro bocca lì sotto. E quando lo facevano, nessuno, a parte due o tre, ha mai avuto la decenza di continuare fino a farmi venire.

La vera radice del problema sta nel fatto che troppi uomini credono che le donne raggiungano l'orgasmo con la penetrazione. L'unica cosa che un uomo è mai riuscito a darmi attraverso la penetrazione è il papilloma virus. Non sono mai venuta con la sola penetrazione, e come me la maggior parte delle donne: una fetta compresa tra il 50 e il 75 percento ha bisogno della stimolazione della clitoride per raggiungere l'orgasmo. Una minoranza di donne ha la fortuna di avere la clitoride abbastanza vicino alla vagina da poter venire semplicemente facendo sesso. Purtroppo, nonostante la mia clitoride sia più o meno dalle parti della vagina, non è abbastanza vicino perché io non abbia bisogno del sesso orale. Più o meno, la mia clitoride è l'Alaska, e la vagina la Russia.

So che esiste anche una cosa chiamata stimolazione della clitoride durante il rapporto. Ma con me non ha mai funzionato. Per arrivare all'orgasmo, ho bisogno di concentrazione. Devo concentrarmi con la massima attenzione sulla clitoride, se voglio raggiungere il risultato che spero. E trovo difficile concentrarmi mentre un ragazzo rimbalza dentro e fuori di me, chiedendomi se "mi piace."

Sentite, lo so che tutti quegli anni in cui mi è stato negato il sesso orale sono anche colpa mia. Ero un'altra persona, allora. Non chiedevo mai quello che volevo, perché avevo paura che chiedere mi rendesse meno attraente. Ed è un pensiero che hanno molte donne, che credono sia più importante soddisfare i desideri degli uomini che i propri. Sapete, per "tenerseli." Anche le donne più forti, più sicure di sé e progressiste sono vittime di questo modo di pensare. Io sono finalmente riuscita a liberarmi della mia debolezza nel campo sessuale, e ora non solo ho il coraggio di chiedere quello che voglio, ma anche di rifiutarmi di fare ciò che non voglio fare: i pompini.

Segui Alison Stevenson su Twitter.