FYI.

This story is over 5 years old.

Tuttifrutty - La Provacostume

Benvenuti su Tuttifrutty, una rubrica che parla di cose da mangiare, cose da non mangiare e, nel caso specifico, di come non mangiarne troppe.
11.5.12

Benvenuti su Tuttifrutty, una nuova rubrica che parla di stuzzicherie e sfiziosità alimentari, e di tutto quello che ci sta intorno.

Partiamo da un aneddoto: ho trascorso i miei radiosi 17 anni a Rockwood, Pennsylvania. Dove ho imparato che un’alimentazione basata sul consumo quotidiano di ali di pollo fritte, icecream float e root beer ti fa esplodere i linfonodi del collo, e ti lascia con uno strascico infinito di problemi metabolici.

È dove ho guadagnato il mio miglior soprannome di sempre, derivato dalla totale impronunciabilità del mio cognome, e ora nome di questa rubrica: Tuttifrutty.

L’intento è parlare in maniera generalista di tutto quello che riguarda il cibo, ma non volevo iniziare con un alimento specifico, tantomeno con una ricetta, piuttosto trattando un argomento di privazione degno di un #TEMACALDO: la PROVACOSTUME.

Provacostume non è altro che l’espressione primaverile che sostituisce la più sgradevole parola dieta. Espressione che voglio credere coniata dai moderatori di Forum.alfemminile.com insieme alla locuzione Candida Recidiva.

Se anche voi siete entrati in pieno sbatta cicciottine sui fianchi, due sono i percorsi che vi si pareranno davanti agli occhi da qui al momento in cui infilerete un due pezzi o, nella migliore delle ipotesi per i maschietti, uno speedo:

1. **LA DUKAN**

O “dell’addio ai carboidrati”

In breve:

Pierre Dukan, medico generico francese, dopo vent’anni di studi sui problemi di obesità, nel 2000 pubblica il libro sull’alimentazione con il titolo migliore di sempre, Non riesco a dimagrire. Vende tantissimo in Francia, poi in Inghilterra, e poi ovunque. Nel marzo di quest’anno viene accusato dall’Ordine dei Medici Francesi di aver trasformato la medicina in business (#graziealcazzo), e in questo esatto momento si trova in un’aula di tribunale a difendersi dopo aver pubblicamente chiesto di introdurre come materia d’esame, all’equivalente francese della nostra maturità, “il giusto peso”.

La dieta:

Quattro fasi, che possiamo facilmente riassumere in:

ciao carboidrati, benvenute proteine, almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, e mai più senza la crusca d’avena.

Cose da sapere:

Sul sito ufficiale della Dukan, alla modica cifra di qualche euro al mese puoi acquistare le chiavi del tuo appartamento virtuale, dove raccontare sotto forma di diario la tua avventura verso la magrezza. Il forum ha delle gradevolissime feature: tutti ti chiameranno Dukaniana/o scatenando in te un forte senso di appartenenza, e il tuo avatar può essere dotato di un pratico righello motivatore con variabili infinite.

In foto, tra i migliori esempi di “righello motivatore”

2. LA TISANOREICA

O “delle buste pronte”

In breve:

Gianluca Mech, aka Il Profeta è l’erede unico di una dinastia di famiglie immolate alla religione della Decottopia® o “terapia delle dieci piante”. Storie di curarsi con le erbe, insomma. Prezzemolino dei salotti TV, Mech è l’ideatore del Metodo Tisanoreica®, un sistema dietetico, NO, MEGLIO! Un nuovo approccio al dimagrimento! Un percorso mirato al BENESSERE!

L’unico stralcio di biografia presente sull’internet è fornito dal Blog di Luca Sardella, non credo ci sia bisogno di dire altro.

La dieta:

Tutto come sopra, MA inseriamo le buste! Altrimenti definite PAT (Porzioni Alimentari Tisanoreica®), le buste contengono combinazioni di alimenti, erbe, vitamine e sali minerali. Una volta immerse nell’acqua, le buste si scioglieranno, e una volta cucinate, “imiteranno magistralmente i sapori degli alimenti tradizionali.” Grazie Gianluca, per aver concretizzato i miei sogni di cibo futuribile.

Cose da sapere:

La Tisanoreica® dura 40 giorni! Si trova in farmacia! Esiste una linea interna, un po’ una limited edition dello stare bene, che si chiama Nature Fashion, e annovera tra i suoi prodotti:

zuppa di pollo al curry

frappè al gusto di caramello

crema alla banana.

SPOILER ALERT: Costo totale dell’operazione: tra i 500 e i 600 euro. Non perderete mai più di otto chili, quindi con un veloce calcolo spenderete circa 75 euro ogni volta che la vostra bilancia scenderà di una tacchetta grande.

Nella foto, Il Profeta insieme alla “diva internazionale”.

In conclusione

La provacostume è un momento fondamentale di ogni primavera di ogni anno. Va onorata e vissuta con la giusta ansia. Ecco perché abbiamo deciso di fornirvi due comodi modelli per affrontarla.

Se pensate di essere immuni da questi problemi, sbagliate. Ricordatevi che l’ipertiroidismo (l’unico motivo valido per cui una persona possa mangiare costantemente senza ingrassare) può essere temporaneo, e quindi arriverà anche per voi il momento in cui comincerete, inesorabilmente, a gestire il cibo con grande ansia.

Nel frattempo, però, godetevi questa gif rappresentativa di una delle cose migliori legate al cibo successe nelle serie TV dell’ultimo mese: Fat Betty Draper.