Pubblicità
analisi

Cos'è cambiato dopo un anno di bombardamenti contro lo Stato Islamico?

È da più di un anno che la coalizione guidata dagli americani ha cominciato un'offensiva contro lo Stato Islamico. Ecco con quali obiettivi, risultati e conseguenze.

di Landon Shroder
18 settembre 2015, 1:55pm

Foto via Flickr / The US Army

È passato poco più di un anno dall'inizio della campagna di bombardamenti lanciata dagli Stati Uniti contro l'autoproclamato Stato Islamico in Siria e in Iraq. L'obiettivo dell'operazione aerea - conosciuta con il nome di Inherent Resolve - e della successiva missione di addestramento è stato quello di "umiliare e distruggere" l'IS. Alla fine di luglio la conta era ferma a circa 20,000 incursioni aeree, che si differenziano tra attività di supporto, scorta e interdizione; quasi 5,200 di queste hanno comportato l'impiego di almeno un'arma.

Gli attacchi aerei americani hanno colpito 10,000 obiettivi diversi portando alla morte di 15,000 combattenti dell'IS. Almeno 62 paesi si sono uniti alla coalizione - inclusi stati arabi di primo piano come Arabia Saudita, Giordania ed Emirati Arabi Uniti - sebbene abbiano preso parte soltanto a una piccola parte dei bombardamenti. Allo stesso tempo, la presenza americana totale sul fronte iracheno, includendo nel conteggio anche i ruoli di supporto e addestramento, è salita a 3,550 truppe.

Il costo totale degli attacchi aerei si aggira attorno ai 3,5 miliardi di dollari. Si tratta di una frazione del budget annuale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, che supera i 650 miliardi di dollari, ma pur sempre una somma considerevole se messa a confronto con i circa 10 miliardi di dollari della spesa militare annuale del governo iracheno. Questo significa che ogni combattente di IS ucciso dai raid aerei americani è costato agli Stati Uniti circa un quarto di milione di dollari.

Dopo un anno di bombardamenti giornalieri, dunque, siamo vicini a sconfiggere il cosiddetto Stato Islamico?

La valutazione dipende da come, in questa ambigua guerra conto l'IS, definiamo il significato di "vittoria".

"Di ISIL [uno dei nomi con cui è conosciuto lo Stato Islamico, ndt] abbiamo colpito le strutture di comando e controllo, le linee di rifornimento, i combattenti, i leader e l'infrastruttura economico-militare," ha detto a VICE News il comandante Elissa Smith, portavoce del Pentagono. "In Iraq ISIL ha perso la libertà di operare nel 30 per cento del territorio che controllava alla fine di Agosto 2014."

Il risultato è che IS non è più in grado di lanciare offensive rilevanti in Iraq. Anche se possono sempre condurre attacchi contro obiettivi vulnerabili, il potenziale di espandersi oltre la propria sfera di influenza attuale rimane limitato. A causa dei bombardamenti americani, inoltre, la sua capacità di raggrupparsi rapidamente e muoversi attraverso il campo di battaglia è stata ridimensionata in modo considerevole.

Questo elemento non ha solamente ridotto l'abilità di contrattaccare e fornire supporto ad altri combattenti sotto assedio, ma ha anche causato sconfitte significative a Tikrit, Jebel Sinjar, Haditha, Kobane e altre città chiave in Iraq e in Siria.

Gli attacchi aerei hanno comunque i loro limiti e devono essere accompagnati dalle truppe di terra, le quali possono mettere in atto azioni che vanno dalle piccole incursioni di anti-terrorismo fino a combattimenti convenzionali. Sfortunatamente, a causa del collasso quasi totale delle Forze Armate irachene avvenuto nell'estate del 2014, scarseggiano soldati locali che siano in grado di combattere l'autoproclamato Stato Islamico con efficacia.

"La campagna di terra non è guidata dalla coalizione e di conseguenza a loro spetta solamente un ruolo di supporto nella pianificazione," ha detto a VICE News Paul Stanley, esperto di difesa e direttore commerciale di una compagnia di sicurezza privata in Iraq. "Perciò la campagna aerea assume l'aspetto di una reazione opportunistica… tuttavia, l'impressione generale è che essi non siano il moltiplicatore di forze che ci aspettavamo."

Questo succede perché IS non rispetta le convenzionali regole di guerra, circostanza che spiega parte del travolgente successo del gruppo. L'esercito iracheno deve essenzialmente combattere l'IS su tre fronti: come una forza armata convenzionale, come una forza di anti-terrorismo e come una forza di contro-ribellione.

Tutto ciò porta alla creazione di quello che viene comunemente descritto come un conflitto asimmetrico, o di quarta generazione. Uno stile di guerra che dipende da strategie e tattiche che possono favorire una forza militare più piccola e adattabile come quella dell'IS—un gruppo che è unicamente adatto per i fitti territori urbani di Ramadi, Fallujah, Mosul e Raqqa nei quali si è insediato.


Foto via Wikipedia

"Il modo più veloce per aumentare la potenza contro l'IS è quello di facilitare l'accelerazione della campagna aerea," dice a VICE News Mike Knights, esperto di affari militari e sicurezza al Washington Institute. "Questo renderebbe più facile alle forze di terra il compito di guadagnare terreno, anche nel loro stato attuale di sfacelo."

Tuttavia i vantaggi portati dalla campagna aerea possono velocemente trasformarsi in uno svantaggio se le popolazioni civili rischiano di essere colpite. Questo è diventato un problema per gli Stati Uniti che sono stati estremamente esitanti ad ammettere vittime civili. Il gruppo di monitoraggio Airwars sostiene che la campagna aerea guidata dagli Stati Uniti abbia portato all'uccisione di un numero stimato tra i 489 e i 1,247 civili.

Sebbene inevitabili in questo tipo di conflitto, le morti civili sono state aggravate dalla mancanza di truppe americane sul campo di battaglia. Rassegnati a ruoli di addestramento e supporto nel corso dell'ultimo anno, gli advisor americani non sono stati in grado di raccogliere intelligence sul campo o indirizzare gli attacchi aerei nell'intento di minimizzare le perdite civili. Al contrario, gli Stati Uniti hanno speso le proprie forze sull'addestramento e la preparazione dell'esercito iracheno impegnato a svolgere queste essenziali funzioni di combattimento. Finora gli 11,000 soldati che compongono le truppe irachene hanno completato un addestramento base, come ha spiegato Smith a VICE News. Molti hanno poi ultimato qualche corso di specializzazione individuale, quali addestramenti per cecchini, per l'uso di mortaio e attrezzatura ingegneristica e per la ricerca di ordigni esplosivi improvvisati.

Ciononostante, le morti civili favoriscono il messaggio settario dell'IS, il quale può sfruttare le vittime tra i Sunniti per supportare il proprio messaggio politico. Ancor di più dato che gli Stati Uniti stanno aiutando un apparato di sicurezza iracheno che è entrato nel controllo di forze miliziane sciite, conosciute come Hashd al-Shaabi.

Il successo conto lS, inoltre, non può essere misurato puramente in termini di bombe sganciate o soldati addestrati. Anche se il Pentagono ha comunicato un piano tattico per combattere l'IS, gli obiettivi politici a lungo termine non sono stati ben articolati, e questo ha messo in discussione la legittimità della missione americana in Iraq e in Siria. Ray Odierno, il Capo di Stato Maggiore uscente dell'esercito americano, ha reiterato questo punto nel corso dell'ultima conferenza stampa prima di lasciare il ruolo. "Ci sono dei limiti alla potenza militare," ha detto. "Abbiamo avuto risultati, ma sono stati risultati a breve termine perché non abbiamo tenuto conto del versante politico e di quello economico."

Parte del problema politico che sta limitando le possibilità americane di sconfiggere lo Stato Islamico deriva da un'incapacità di riconoscere che Siria e Iraq rappresentano oggi un unico campo di battaglia, e non due paesi adiacenti che si sono ritrovati a combattere lo stesso nemico.

Gli attacchi aerei americani possono prendere di mira l'IS in entrambi i paesi, ma dove finisce un confine comincia una linea politica differente. Nel corso dell'anno passato non è stato messo in atto un singolo piano per affrontare la complessa situazione IS in modo unitario. L'Iraq e la Siria, perciò, rimangono scollegati tra loro per quanto riguarda la politica americana. A beneficiarne è l'IS che può sfruttare le differenze di approccio.

"Abbiamo messo in chiaro che l'afflusso di foreign fighters in Siria, e poi al di là del confine verso l'Iraq, è un grosso problema, poiché continuano a portare nuove risorse e combattenti sui campi di battaglia della Siria e dell'Iraq nord-occidentale," ha spiegato a VICE News il portavoce del Dipartimento di Stato Michael Lavallee.

Per ridurre l'afflusso di foreign fighters sarebbe tuttavia necessaria una ridefinizione della strategia americana, di modo che venga riconosciuta l'erosione del confine tra Siria e Iraq. Ma così facendo gli Stati Uniti ammetterebbero tacitamente che i confini del califfato esistono realmente. Ciò comporterebbe conseguenze politiche molto significative sia sul territorio nazionale che all'estero.

"L'ISIS è un nemico singolo che si estende attraverso un confine che ora è arbitrario," ha detto a VICE News Cory Mills, ex ranger dell'esercito americano e ora CEO di Pacem Solutions, azienda che si occupa di difesa in Iraq. "Poiché la loro ideologia è globale non hanno bisogno di seguire le tradizionali regole di guerra per estendere il califfato. Questo presenta un problema reale per gli Stati Uniti."

Tale è il dilemma che gli Stati Uniti si trovano ad affrontare mentre l'operazione Inherent Resolve entra nel suo secondo anno e la guerra conto l'IS è indirizzata verso una situazione di stallo.

È improbabile che gli Stati Uniti incrementino la strategia presente prima delle prossime elezioni presidenziali. Questo offre all'IS il tempo di rafforzare la propria autorità sui territori che già controlla, portando a una stabilizzazione e normalizzazione della vita nel califfato. Se ciò dovesse succedere legittimerebbe l'IS, rendendo molto più complicato sconfiggere il gruppo sia militarmente che politicamente.

"Il tempo è un fattore importante in questo conflitto and noi lo stiamo trattando come se non lo fosse," Knights ha aggiunto. "Inoltre ci accontentiamo di muoverci lentamente, ma così facendo i benefici per il nemico sono enormi."

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook
Segui Landon Shroder su Twitter: @LandonShroder

Ha contribuito all'articolo Ryan Faith

Foto via Flickr / The US Army [CC BY 2.0]