FYI.

This story is over 5 years old.

La guida di VICE alla Corea del Nord

Siamo stati in Corea del Nord, quando Kim Jong Il era al massimo della sua potenza.
19.12.11

Entrare in Corea del Nord è stata una delle imprese più assurde e ardue che VICE abbia mai dovuto affrontare. Dopo un tira e molla durato mesi con i loro rappresentanti, i coreani ci hanno detto che avrebbero concesso il visto d'ingresso nel Paese a 16 giornalisti perché assistessero e documentassero i Grandi Giochi di Massa di Arirang a Pyongyang. Dieci giorni prima della data fissata per la partenza, hanno detto "No, non può venire più nessuno." E poi "Ok, ok, potete venire, ma come semplici turisti." Non avevamo la più pallida idea di cosa volesse dire. Sapevano già che eravamo giornalisti, e se laggi˘ scoprono che sei un giornalista quando invece dovresti essere un turista, ti sbattono in galera. A noi la galera non piace. E, potremmo scommetterci, ancor meno ci piacerebbe la galera in Corea del Nord. Ma siamo partiti, direzione Cina settentrionale. All'aeroporto, il consolato nordcoreano si è preso i nostri passaporti e tutti i nostri soldi, e ci ha portato al ristorante. Eravamo seduti con tutti i membri della spedizione, quando improvvisamente gli altri commensali hanno alzato i tacchi, e sono entrate delle donne che hanno iniziato a cantare canzoni patriottiche nordcoreane. Il nostro pensiero era: "Guardate, siamo reduci da 20 ore di volo. Abbiamo il jet-lag. Non possiamo andarcene a letto?" ma un ragazzo del LA Times che era nel nostro gruppo ci ha detto: "Tutti quanti, qui, fanno parte della polizia segreta. Se non vi mostrate entusiasti non otterrete i visti d'ingresso." Allora ci siamo ubriacati, siamo saltati sul palco e abbiamo cantato con le ragazze. Il giorno dopo abbiamo avuto i visti. È stato il primo indizio di quanto sarebbe stato bizzarro il viaggio in cui ci stavamo imbarcando…

- Shane Smith, fondatore di VICE