Contro l'esercito, contro il vecchio regime, contro la Fratellanza

FYI.

This story is over 5 years old.

News

Contro l'esercito, contro il vecchio regime, contro la Fratellanza

In larga parte ignorati dai vari schieramenti, venerdì al Cairo i giovani del movimento Ahrar hanno manifestato per l'applicazione dei principi rivoluzionari nel rispetto dell'Islam.
2.9.13

Dopo la deposizione militare del presidente egiziano Mohammed Morsi, l'Egitto è entrato in una nuova fase di subbuglio. Al momento nel paese vige un rigido coprifuoco dalle nove di sera fino alle sei del mattino—tranne il venerdi, in cui i civili devono essere in casa prima delle sette di sera. Lo scorso mese, oltre mille persone (considerando i dati ufficiali) hanno perso la vita nel sanguinoso braccio di ferro tra l'esercito egiziano e i membri della Fratellanza Musulmana. Gli scontri non hanno lasciato indifferenti i rivoluzionari, che hanno continuato a invocare l'allontanamento dalle scene dell'esercito. Molti avevano programmato di protestare in occasione del rilascio di Hosni Mubarak, ma le manifestazioni programmate sono stati cancellate.

Pubblicità

Venerdì, una corrente rivoluzionaria in larga parte ignorata e riemersa dopo la crescente polarizzazione della società egiziana è scesa in piazza sotto l'insegna del movimento Ahrar, che ripudia sia il regime militare che la Fratellanza Musulmana invocando il rispetto dei principi rivoluzionari in accordo con l'Islam. A fine giornata, alcuni esponenti del movimento hanno riferito della morte di 6 persone, uccise negli scontri con la polizia.

Wail Gozly ci ha inviato delle foto e un filmato di quel giorno.

Altro dall'Egitto:

Il giorno della rabbia al Cairo