Guarda Bon Iver che suona un pezzo per una sola persona

Quelli della Blogothèque hanno "rapito" una ragazza da un festival, le hanno messo una benda sugli occhi e l'hanno portata in un seminterrato. Ad aspettarla c'era Bon Iver.
18.10.17

L'arte di Justin Vernon è qualcosa di profondamente intimo. Sappiamo tutti qual è la storia del suo album di debutto, For Emma, Forever Ago: era folk d'alto artigianato, nato dal cuore spezzato di Justin e dai suoi tentativi di non morire assiderato nella baita sperduta in cui aveva deciso di mettersi a scrivere. Anche se la sua musica della sua band, negli anni, ha assunto qualità sempre più corali e magniloquenti, è come se Vernon provasse sempre a mantenere un legame con il senso di solitudine che sta alle radici della sua opera. La cosa è palese nel primo episodio di "One2One", una nuova serie di video de La Blogothèque, in cui il nostro suona "8 (circle)" per una sola fan "rapita" dal pubblico di un suo concerto e portata bendata in una stanza.

Pubblicità

Questa è la seconda volta che Vernon si esibisce per un micro-pubblico quest'anno, come dimostra questo video che lo riprende mentre suona in un mini-locale in Svezia assieme ad Aaron Dessner dei National. Insomma, a Justin piace tenere un basso profilo. Ma una domanda sorge spontanea: chi è più a disagio, nel video della Blogothèque?

Sicuramente non Vernon, tutto concentrato a suonare le corde giuste e a cantare le note più alte del pezzo senza stonare. Anche se non ci fosse nessun altro nella stanza, per lui sarebbe tutto ok. Probabilmente a prendersi un po' male è stata la protagonista del video, presa a casaccio dal festival a cui era andata assieme ad alcuni amici e portata in un seminterrato un po' troppo simile al set di Saw con una benda sugli occhi. E anche se sembra essere felice del concerto esclusivo a cui sta assistendo, il suo sguardo dice tutto:

Quando il tuo amico ti fa ascoltare una canzone che ha scritto e fa un po' schifo ma sai che devi essere gentile

Segui Noisey su Instagram, YouTube e Facebook.

Leggi anche: