Nel triste mondo dei siti di incontri per razzisti
Collage realizzato con le immagini degli utenti Flickr Kevin Dooley ed Erick Aguirre.
Attualità

Nel triste mondo dei siti di incontri per razzisti

Tra alt-right, razzismo e nazionalismo, il 2016 ha segnato il ritorno a galla di un certo tipo di persone. Che, almeno quello, hanno qualche difficoltà a trovare una partner.
Mack Lamoureux
Toronto, CA
20 dicembre 2016, 1:12pm

È un mondo difficile per i razzisti.

Se l'odio per il diverso è sempre esistito, nel 2016 sembra sia tornato più in forma che mai. Un po' come Pulp Fiction per John Travolta a inizio anni Novanta, l'elezione di Trump, l'alt-right, le fake news e la xenofobia hanno riportato in voga una valanga di merda, e ci hanno costretti—anche qui, è proprio quello che è successo a Travolta—a fare i conti con i risvolti più folli, fetenti, osceni della nostra civiltà.

Ora: anche se non è un pensiero che facciamo molto spesso, dietro ognuno di questi account che condividono bufale e sentenze razziste c'è una persona in carne e ossa (quasi sempre un uomo).

Com'è la loro vita? È divertente? Normale? Davvero c'è qualcuno che si accoppia con quegli alter ego reali? Immagino che abbiano costantemente il respiro molto, molto pesante, no?

Per rispondere ad almeno una di queste domande ho fatto quello che avrebbe fatto ogni persona sana di mente e deciso di capire se la popolarità effimera dell'alt-right su internet si sta trasformando in una vita amorosa di successo per i suoi sostenitori.

La mia fonte primaria è stata un uomo che si descrive come "nazionalista bianco" e membro dell'alt-right, che ha lanciato un sito di incontri per la sua triste gente.

"La nostra società, il sistema scolastico e i media hanno fatto nascere un'ideologia anti-bianchi. E se vuoi stare con le persone simili a te, ti accusano," mi ha detto quest'uomo, che chiamerò Stonewall.

"Quando cominci a esprimere queste idee a una ragazza, quella pensa subito che sei un razzista o una persona orribile e ti lascia solo perché hai detto la tua."

"È dura."

Ma quindi, come fanno i razzisti a trovare una compagna? Be', per molti, internet è la risposta.

Usare su Ok Cupid o altri siti di incontri descrizioni come "Se non sei bianca, non mi scrivere" è un classico, ma per molti non è abbastanza. È qui che entrano in gioco siti come WASP Love, Where White People Meet, e Stormfront (noto forum di estrema destra)—tutti siti che, programmaticamente o meno, aiutano i razzisti a trovare l'amore.

Ho iniziato il mio viaggio in questo mondo assurdo con una semplice ricerca su Google per "appuntamenti alt-right". Sono così finito sul sito WASP Love, che si autodefinisce come un luogo per cristiani tradizionalisti, nazionalisti bianchi, confederati, sudisti e l'alt-right.

"I patriarchi dell'Antico Testamento mettevano in guardia gli uomini, perché sposare donne straniere avrebbe portato all'idolatria," dice un post di Stonewall, che è il fondatore del sito. "Dobbiamo obbedire alla saggezza dei nostri padri sposandoci solo con donne della nostra razza."

La pagina di Stonewall su WASP Love. Sì, ho creato un account con il nome del decimo Primo ministro canadese. Screenshot dell'autore.

Stonewall, cristiano conservatore dell'Alabama, mi ha detto di aver creato il sito all'inizio del 2016. Gli iscritti, per ora, sono circa 300. Dice che non è un concept originale e che i siti d'incontri per suprematisti della razza bianca nascono spesso, ma spariscono altrettanto in fretta.

Stonewall mi ha spiegato che nessuna sua storia è finita per motivi ideologici, ma che ha amici a cui è successo, e conosce un sacco di nazionalisti bianchi che non riescono a uscire con ragazze nuove. Ma ha aggiunto che il mercato dell'online dating dedicato alla categoria è in fiore.

"Daily Stromer [_un sito neonazista_] è bello grosso, qui negli Stati Uniti," dice. "C'è spazio per chi la pensa come noi, l'alt-right è in pieno boom, e penso continuerà a crescere."

Stonewall mi ha detto di essere contento della crescita del suo sito, nella sua breve esistenza, ma c'è ancora un piccolo problema.

"Quello che dobbiamo fare ora è trovare membri donne," dice Stonewall. "Ovviamente, capirai da solo perché, l'alt-right e tutto quello che le ruota intorno è un mondo a predominanza maschile. Ma ci sono un sacco di donne che possiamo coinvolgere."

Sul sito gli utenti possono scriversi, creare gruppi e condividere aggiornamenti—in pratica, è un po' un Facebook ridotto ai minimi termini.

Stonewall sta spingendo il sito su molte pagine Facebook dell'alt-right e dei nazionalisti bianchi. Una volta faceva pubblicità anche su Twitter, ma poi gli hanno chiuso l'account per incitazione all'odio.

Dice anche di essere stato bersaglio di attacchi da parte di molti siti neonazisti, incluso Stormfront, i cui membri lamentavano il fatto che WASP Love fosse un sito d'appuntamenti per razzisti cristiani, discriminando così gli atei e i pagani del gruppo—assurdo, no?

"Parte del problema è che molti nazionalisti bianchi sono pagani," dice. "Su molti forum ti dicono che devi trovarti una ragazza tradizionalista e darle la pillola rossa." Ora, dare la pillola rossa non è un termine che riguarda solo la comunità dell'online dating razzista: anche se con nomi diversi, è un concetto che si ritrova in tutti gli anfratti di internet.

La storia della pillola rossa (o, come altro lo chiamano i razzisti, il "risveglio") viene dalla scena di Matrix in cui a Neo vengono offerte una pillola blu e una rossa—ma l'idea è ancora più antica. È un processo di lavaggio del cervello che prevede che il soggetto (in questo caso la partner) venga isolato dalle idee che contrastano con la tua e convinto ad adottare il tuo credo. Questo, spiega Stonewall, è un approccio amoroso che i neonazisti usano da tempo.

Sono finito così su Stormfront, che si pregia del dubbio onore di essere, secondo Wikipedia, "il primo sito internet a tema odio razziale." Lanciato nel 1996 da un ex leader del KKK per assicurarsi che il movimento per il white pride non morisse, il sito ha milioni di visualizzazioni al mese, e dopo le elezioni di Trump è diventato ancora più popolare. Si dice che le visualizzazioni del sito siano cresciute di un milione tra il 15 settembre e il 30 novembre di quest'anno.

E nelle viscere di questo sito c'è una strana sezione, che farebbe ridere se non fosse quello che è, dedicata ai "single bianchi" che vogliono incontrarsi e propagare la specie. Consiste in gran parte in suprematisti bianchi che rispondono a domande preimpostate nel disperato tentativo di trovare l'anima gemella.

Prendete, per esempio, questo post dell'utente Boeck. Si descrive come un 25enne muscoloso che vuole sposarsi e "avere molti figli." Gli interessi di Boeck sono "la Germania e la cultura tedesca, il nazionalsocialismo, Hitler, il golf, la chimica e la genealogia" e la sua donna ideale dovrebbe essere "da uno a sette anni più giovane di me... 100 percento bianca MA meno tedesca di me... atletica, razzista, nazista, rispettosa, e che pensi che sono l'uomo migliore del mondo."

Un altro utente, Joshua83, ha scritto un post fiume in cui sostiene di "volersi sposare e avere bellissimi figli ariani" e che gli piacciono "il razzismo, la storia... la difesa della Razza Bianca, e gli antichi valori tradizionali." Come fatto curioso su di sé, cita il fatto di essere casto e vergine.

Gran parte del post è poi dedicata agli attributi della donna ideale di Josh, che includono l'essere "casta e vergine, preferibilmente scozzese o tedesca, ma l'importante è che sia 100 percento bianca," e "pulita, onesta, leale (sia alla razza che a me e ai nostri figli)."

Infine c'è Where White People Meet, sito "non razzista", dedicato a persone bianche che, be', lo dice il nome, vogliono incontrare persone bianche. Paradossalmente, il fondatore del sito mi dice che tutti possono iscriversi, indipendentemente dalla razza. Ok, strano.

Il sito è spesso citato nei post su Stormfront—prima era promosso e consigliato, ma poi è stato abbandonato per ragioni a cui arriveremo tra un attimo. Il fondatore dice di aver preso l'idea da siti come JDate e BlackPeopleMeet.com. A gestirlo è una coppia dello Utah, e il figlio fa da supervisor per assicurarsi che, per quanto possibile, non ci siano cose troppo evidentemente razziste.

"L'ho fatto per pari opportunità," ha dichiarato al _Washington Post _il fondatore del sito, Sam Russell. "Non sono affatto razzista. Una volta sono uscito con una donna di colore. Ho anche aiutato a crescere un ragazzo afroamericano... Penso solo che sia ipocrita dire, 'alcuni possono farlo, altri no'."

Se WWPM è spesso raccomandato sui forum razzisti, ci sono anche quelli che dicono che ormai troppe minoranze hanno "invaso" il sito.

"Il sito è già pieno di ispanici, di indiani alla ricerca della green card, e dei neri che arrivano sempre a guastare la festa," ha scritto un utente di Stormfront proprio poco dopo il lancio del sito.

Ora, il solo fatto che questi siti esistano non significa che funzionino. Come ha fatto capire Stonewall, il problema principale è che i gruppi di alt-right e nazionalisti sono per lo più costituiti da uomini. Ci sono, certo, alcune donne, ma sono poche.

Una delle pagine più visitate di Stormfront è quella dei "consigli amorosi", piena di uomini che cercano una bella donna bianca e costumata. Alcuni sono così disperati che minacciano di abbandonare il razzismo (orrore!) o di vivere per sempre soli.

"Sono un uomo bello e intelligente, laborioso, ricco, il problema è che non riesco a trovare una brava ragazza," scrive un cuore infranto. "Non mi accontenterò di meno."

"Meglio restare solo."

Be', noi ce l'auguriamo che tu non propaghi la tua stirpe, amico. Così, mentre i razzisti si godono il proprio ritorno, noi possiamo almeno godere per il fatto che non scopano.

Non è molto, ma nel 2016 ti accontenti di quel che hai.

Segui Mack Lamoureux su Twitter.