Pubblicità
Siria

Dentro la scuola dei futuri jihadisti

Il giornalista di VICE News Medyan Dairieh ha ottenuto un accesso esclusivo all'interno di Al Nusra, il gruppo di ribelli affiliati ad Al Qaeda, per scoprire come è organizzato e come fa crescere le nuove generazioni di combattenti.

di Sally Hayden
12 novembre 2015, 8:30am

Foto di Medyan Dairieh/VICE News

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

In una classe nel nord della Siria, nella provincia di Aleppo, l'insegnante sta per cominciare la lezione. "Oggi impareremo qualcosa sulla fede e le credenze." 

Tutti i ragazzini indossano uniformi militari. Abu Baser, il professore, si rivolge a loro: "Cosa significa la parola fede?". Poi gli chiede di ripetere una frase: "Le vittorie della guerra appartengono a Dio e al suo messaggero."

Ci troviamo nell'accademia religiosa dei 'Cuccioli di Leone', una delle tante scuole gestite dal Fronte al Nusra, l'affiliato siriano di al Qaeda. Qualche mese fa, il videomaker Medyan Dairieh ha ottenuto un accesso senza precedenti all'interno del gruppo, trascorrendo del tempo con i coordinatori del fronte di combattimento e con la nuova generazione di giovani cresciuta seguendo una rigorosa educazione militare.

All'interno del materiale raccolto, si vedono bambini cantare: "Oh mamma, non essere triste, io ho scelto la terra del jihad. Asciuga le lacrime, sono venuto soltanto per combattere gli Ebrei," oppure, "Il nostro leader Osama bin Laden che spaventa l'America con il potere della sua fede e della sua pistola."

E all'unisono, poi, intonare un altro motivetto: "Tutti i cristiani e un messaggio per l'America, la vostra tomba è in Siria, il nostro fronte vincerà."

Un ragazzo proveniente da Idlib. (Foto di Medyan Dairieh)

Gran parte dei bambini che frequentano l'accademia 'Cuccioli di Leone' proviene da famiglie legate ad al Qaeda—anche se ci sono delle eccezioni. Sono addestrati per credere che morire per il jihad li renderà martiri, e rischiano di raggiungere le decine di migliaia di bambini soldato che vengono usati e abusati nei conflitti di tutto il mondo.

Abu Anas - uno studente arrivato dall'Uzbekistan - sta ancora imparando l'arabo. Ha detto a VICE News che sente la mancanza della sua famiglia, ma non ha nostalgia dell'Uzbekistan perché "lì il jihad non è ben visto e ci chiamano terroristi. Hanno paura di noi. Non vogliono il jihad, non vogliono le leggi di Allah." Ha anche aggiunto che suo padre "è morto da martire," ma non ha voluto dire dove.

Un suo compagno di classe ha spiegato di esser stato costretto a frequentare la scuola perché la sua famiglia vuole che diventi un combattente mujaheddin.

Gli studenti durante un viaggio scolastico. (Foto di Medyan Dairieh)

Al Nusra controlla alcuni territori nelle province di Aleppo e di Idlib. Attualmente, il gruppo sta combattendo su tre fronti: contro il regime siriano, contro le forze turche e contro il sedicente Stato Islamico (IS).

"I giovani istituiranno un califfato, secondo le tradizioni del profeta, e diffonderanno il messaggio del jihad," ha detto a VICE News l'insegnante dei bambini.

Nonostante crescano circondati dalla guerra, i bambini riescono comunque a fare molte delle cose tipiche dell'infanzia. Fanno sport; frequentano un parco divertimenti ormai abbandonato, dove le vetture dell'autoscontro sono rimaste senza elettricità; nuotano in piscina.

Molti dei bambini hanno assistito a eventi drammatici. Come un bambino di Idlib, che ha detto: "Ho visto gli Alawiti uccidere uomini e massacrare donne e bambini."

"Molti di loro non hanno conoscenze religiose," ha proseguito. "Io gli insegno e gli parlo, ma se non vogliono ascoltare, dovrò usare la spada."

Abu Omayer frequenta l'accademia. A VICE News ha spiegato che da grande vuole diventare un attentatore suicida. (Foto di Medyan Dairieh)

Abu Khatab al Maqdisi, il membro di al Nusra incaricato di fare da guida a VICE News, ha parlato con orgoglio degli studenti. "Se Dio vuole, questi leoncini guideranno la nazione e porranno fine all'oppressione. Speriamo che sarà una generazione potente… Gli insegnanti stanno facendo del loro meglio e lavorano con le risorse disponibili per far crescere questa generazione, che in futuro guiderà il jihad."

 "Quando vedo bambini come questi, che crescono nel segno dell'obbedienza verso Dio… educati correttamente, che tra poco avranno l'età giusta per andare nei campi di addestramento e usare le armi," ha spiegato nel tragitto in auto dal fronte alla base aerea Abu al-Duhur a Idlib, al Maqdisi. "Sarà la prossima generazione a portare il peso del jihad e a guidare la nazione, sia in Siria che fuori, se Dio vuole. Uno desidera tornare bambino e stare con loro, vedete?"

La mappa mostra l'attuale suddivisione territoriale della Siria in zone di controllo. (Foto di VICE News)

Nella scuola, Abu Ashak aveva detto che suo padre e suo fratello combattono per il Fronte al Nusra a Qalamoun, dove sono sotto l'assedio dello Stato Islamico e dell'esercito libanese. Il bambino ha detto che non li vede da due anni.

"Mio padre mi ricorda Osama bin Laden, che ha terrorizzato e combattuto gli americani, e un giorno mio padre sarà come lui," ha continuato. "Io voglio essere come il figlio di Osama. Passa il tempo a predicare e ha iniziato a studiare il Corano quando era molto piccolo, quindi è diventato sceicco molto giovane. È per questo che è importante pensare già da ora al mio futuro."

Abu Ashak ha detto che frequentare l'accademia è stato vitale perché "mi aiuta a prepararmi per il giorno del giudizio, ma è anche importante andare a scuola per assicurarmi un futuro. Bisogna programmare il proprio futuro."

Gli studenti al Nusra durante un viaggio ricreativo spingono gli autoscontri per ovviare alla mancanza di elettricità. (Foto di Medyan Dairieh)

Nel frattempo, il fratello più piccolo di Abu Ashak, Abu Omayer, ha detto che di essere stato mandato all'accademia dai suoi genitori. "Voglio essere un attentatore suicida per il bene di Allah," ha spiegato, sorridendo timidamente.

Lo sceicco Abdu Salam, un leader del fronte al Nusra che non si è mai fatto riprendere prima d'ora, ha rilasciato a VICE News un'intervista esclusiva. "La differenza tra la prima generazione di al Qaeda e la seconda è che la prima doveva operare in segreto nelle aree sotto il controllo dei tiranni, come in Siria o in altri paesi," ha detto. "Poi si è passati ai combattimenti diretti come parte di un gruppo."

"La nuova generazione, Dio sia lodato, ha visto la vera faccia di al Qaeda. Dio ha reso le cose semplici per loro… Questa nuova generazione di al Qaeda è più consapevole, quindi sappiamo che questa battaglia, se Dio vuole, ha un esito già stabilito: la vittoria contro il regime e la fondazione di un nostro Stato Islamico."

Una lezione di educazione sportiva per i 'Cuccioli di Leone'. (foto di Medyan Dairieh)

Gli studenti di una delle scuole di al Nusra. (Foto di Medyan Dairieh)

Nella classe di una delle scuole di al Nusra, nel nord della Siria. (Foto di Medyan Dairieh)


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Segui Medyan Dairieh su Twitter: @MedyanDairieh
Segui Sally Hayden su Twitter: @sallyhayd

Tagged:
VICE News
IS
al qaeda
aleppo
al Nusra
medio oriente
Stato Islamico
combattenti
ribelli