Pubblicità
El Salvador

In foto: dentro Cojutepeque, il peggior carcere di El Salvador

Questa ex caserma militare convertita in carcere riservato era un labirinto oscuro di celle e di settori pieni di spazzatura. Il sovraffollamento era soffocante, con quasi 1.300 persone stipate dentro uno spazio progettato per accomodarne 400.

di Pau Coll
03 agosto 2016, 8:10am

Foto di Pau Coll/RUIDO Photo.

El Salvador è il paese con il più alto tasso di sovraffollamento carcerario del continente americano. La prigione di Cojutepeque, in particolare, era probabilmente il penitenziario con le condizioni umanitarie peggiori.

Questa ex caserma militare, convertita in un carcere riservato ai membri della gang Barrio 18, era un labirinto oscuro di celle e di settori pieni di spazzatura.

Il sovraffollamento era soffocante, con quasi 1.300 persone stipate dentro uno spazio progettato per accomodarne 400. E questo è solo uno dei fattori che ne hanno portato alla chiusura, il 16 giugno scorso.

Situato nel centro della città di Cojutepeque, capitale del dipartimento di Cuscatlán in El Salvador, questo carcere era il feudo della fazione dei "rivoluzionari" della gang Barrio 18. Per problemi di sicurezza, in America Centrale le prigioni sono divise tra i membri delle gang e "civili".

È difficile stimare la capienza di questa ex caserma militare trasformata in prigione, perché ogni angolo è stato adattato per stipare i detenuti. La versione della direzione varia anche a seconda della persona a cui si chiede. La realtà approssimata è che circa 1.300 prigionieri vivevano insieme in uno spazio progettato per 400 persone.

Secondo l'ultimo rapporto sulla sicurezza dei cittadini elaborato dalla OSA (Organizzazione degli Stati Americani), El Salvador è il paese con il più alto sovraffollamento carcerario del continente americano. Con una capienza totale di 10.000 posti, nelle carceri si contano più di 34.700 detenuti.

Quando è stato chiesto ai membri della gang qual era la cosa peggiore della vita in questa prigione, la risposta è stata unanime: "Cazzo, stiamo davvero stretti". Anche la protesta contro i capi dei tre settori che esistevano a Cojutepeque è esemplificativa: "Chiediamo solo condizioni di vita più adatte agli esseri umani."

A causa dell'estremo sovraffollamento del carcere, tutto il pavimento era cosparso di fluidi e spazzatura che emanavano un odore soffocante. I detenuti avevano accesso all'acqua solo per un'ora durante il giorno e una di notte. La mancanza di igiene è stata direttamente collegata a problemi di salute, come la comparsa e la diffusione di funghi o scabbia tra i prigionieri.

Cella 1 del settore 2. Secondo chi la abita, circa 180 persone venivano rinchiuse in questa cella per 12 ore. Le celle non avevano l'elettricità e la maggior parte nemmeno le finestre, e anche durante il giorno era impossibile vedere nulla. Per mancanza di spazio, nei cortili coperti erano state allestite delle amache di plastica in cui dormivano i detenuti che non entravano nelle celle.

El Salvador è uno dei paesi più violenti al mondo. Nel paese è in corso una guerra tra Mara Salvatrucha e Barrio 18.

Durante il 2015, a El Salvador ci sono stati 6.640 omicidi violenti. L'equivalente di un morto ammazzato ogni 1.000 abitanti, in un paese con una popolazione totale di 6,34 milioni di persone.

Anche il cibo era oggetto di denunce costanti da parte dei detenuti. "Pochissima varietà, e a volte non bastava per tutti." Anche se le famiglie potevano portare cibo nelle carceri di El Salvador, i detenuti affermano che è molto difficile che ricevere l'autorizzazione o superare i controlli di sicurezza.

Anche se le condizioni di vita a Cojutepequeerano insopportabili, la rivendicazione principale dei detenuti era per il loro diritto a programmi di riabilitazione come lezioni scolastiche o laboratori pratici. Nel carcere esisteva una piccola area studio con dei laboratori, ma la possibilità per i detenuti di usarla era minima a causa della mancanza di personale docente.

Con quasi 35.000 detenuti e un sovraffollamento del 241 per cento, El Salvador è da anni il paese con le prigioni più piene del continente americano, seguito dalla Bolivia, con il 233 per cento, e da Haiti con il 218 per cento. Queste cifre si traducono in condizioni di vita subumane per i detenuti di questi paesi.

Un'oscurità quasi totale dominava in gran parte delle celle. Lo spazio calpestabile era minimo, perché ogni angolo veniva usato per dormire. Membri della gang hanno sviluppato un sistema speciale per spostarsi nell'oscurità, che consisteva nell'avanzare intrecciando le braccia con altri per evitare di scontrarsi.

Sebbene il carcere di Cojutepeque sia stato chiuso, il numero dei detenuti nel piccolo paese centroamericano non sembra aumentare.


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Tutte le foto sono di Pau Coll/RUIDO Photo