FYI.

This story is over 5 years old.

A8N3: Propensione al bere

Quindi te ne vai in prigione...

La Executive Prison Consultants aiuta i ricchi che vanno in prigione a superare indenni il declino da “capi del mondo” allo status di galeotti comuni in attesa di uscire.
27.3.12

I ricchi hanno alle loro dipendenze persone pronte ad aiutarle in ogni momento della loro vita, dalle bambinaie agli autisti, dai commercialisti ai consulenti aziendali. Ma chi li assiste quando vengono condannati e portati in una prigione federale? Il compito spetta alla Executive Prison Consultants LLC, una società fondata da Richard Zaranek (ex colletto bianco) per aiutare i criminali non violenti e benestanti a veleggiare all’interno del confuso e kafkiano sistema giudiziario, per superare indenni il declino da “capi del mondo” allo status di galeotti comuni in attesa di uscire. Abbiamo parlato con Richard e gli abbiamo chiesto del suo lavoro. VICE: Mettiamo che venga accusato di un crimine federale e che mi ritrovi in un mucchio di guai. Come mi puoi aiutare?
Richard Zaranek: Quello che cercheremmo di fare è patteggiare con il pubblico ministero, tentando di migliorare la situazione del detenuto e insistendo per inserirlo all’interno di una struttura adatta a lui o lei. In sostanza, prepareremmo un pacchetto di informazioni per dimostrare al giudice il perché la sentenza dovrebbe favorire l’imputato. Quanto sono gravi i crimini, di solito?
Non si tratta di molestie, stupri, omicidi, rapine a mano armata, armi o violenza. Di solito si tratta di casi interni al mondo dei colletti bianchi, un mondo in cui spesso si firmano documenti o si ignorano informazioni a cui si sarebbe dovuta prestare più attenzione. Il caso classico riguarda il versamento di qualche tangente data per evitare dei controlli, roba di questo tipo, cose da tutti i giorni. Noi identifichiamo gli aspetti positivi, ci facciamo avanti, e chiediamo al giudice di considerare la faccenda dal nostro punto di vista. Cosa succede quando uno dei vostri clienti viene condannato?
Ci impegniamo nella formazione, istruzione e preparazione di chi è costretto ad affrontare il nuovo stile di vita. Una volta incarcerato—dal giorno in cui varca la soglia della prigione fino al rilascio—il nostro assistito deve affrontare una serie di problemi mai avuti prima. Che tipo di problemi?
Il cambiamento fondamentale riguarda il tipo di ambiente, un contesto improntato esclusivamente al rispetto delle regole. All’interno occorre rispettare un certo tipo di norme e per molti colletti bianchi la cosa è un enorme cambiamento. Di punto in bianco si trovano costretti a seguire gli ordini degli agenti penitenziari. Si ha a che fare con persone che guadagnano nove o dieci dollari l’ora, scarsamente istruite. Un po’ una realtà capovolta.
Esattamente. I malviventi e i criminali alla base della piramide sociale si trasformano nei tuoi capi, e per evitare tutta una serie di problemi è necessario adattarsi nel migliore dei modi alla nuova situazione.