Droga

Le smart drugs ti rendono più creativo? Ne ho prese un po' per scoprirlo

Non è andata esattamente come mi aspettavo.
23.2.17
Immagine dell'utente Wonker via Flickr.

I nootropi, o smart drugs, o farmaci intelligenti, sono l'esatto opposto delle droghe ricreative. Le droghe ricreative le prendi per divertirti di più e meglio. Le smart drugs le prendi per lavorare di più e meglio. Dato che viviamo in una cultura già ossessionata dalla produttività, non c'è bisogno che io faccia notare che raggiungere uno stadio di produttività maggiore attraverso supplementi chimici non è solo totalmente innecessario, ma è anche abbastanza triste.

Pubblicità

Che è proprio quello che pensavo delle smart drugs ogni volta che mi comparivano nel feed. Come se fossero solo un'altra fregatura che prometteva di rendere più produttivi gli agenti di borsa—o un altro supplemento nutrizionale inefficace di cui nessuno ha bisogno.

Ma poi mi sono chiesto: e se non fossero solo per gli agenti di borsa? E se potessero rendere persone come me—tizi creativi che scrivono, fanno yoga e creano arte—più concentrati e produttivi? E se potessero aiutare le persone che cercano di far evolvere la coscienza umana a farla evolvere più in fretta? Ho cominciato a immaginarmi Bernie Sanders e Noam Chomsky amplificati.

E ho deciso di provarle.

Il primo nootropo che ho provato è stata la combinazione del sito AlternaScript, OptiMind e RestUp. Ognuno contiene un cocktail di sostanze nootrope, e non è difficile immaginare quale sia l'upper e quale il downer. Sulla confezione c'erano righe su righe di informazioni e dosaggi. Produttività facile, sto arrivando.

Il primo giorno di OptiMind, avevo il jet lag e un po' di hangover. Speravo che qualcosa nella confezione che mi strizzava l'occhio con il suo "Benvenuto a un nuovo Te" avrebbe alleviato i sintomi. Non è successo. Un'ora dopo aver preso la pillola, avevo la spiacevole sensazione dell'overdose da caffeina. E continuavo a cagare. Ho fatto tutto quello che dovevo fare, ma senza davvero impegnarmici.

I due giorni successivi non sono stati diversi. Mi svegliavo. Prendevo la pillola. Cagavo. Facevo cose, forse più in fretta del solito, ma non ero più concentrato del solito. Non volevo scrivere. Non volevo fare cose creative. Procrastinavo qualunque cosa non fosse un compito ben chiaro. Non sapevo se il RestUp funzionava o no, ma dormivo bene. Dormo sempre bene, comunque, quindi non so che dire.

Pubblicità

Al quarto giorno di OptiMind, ho notato dei cambiamenti. Mi sentivo davvero più concentrato. Ho depennato tutta la lista di cose che volevo fare da settimane. Ho fatto sei lavatrici e sistemato gli scaffali della cucina a seconda del contenuto in calorie. Pensavo in modo organizzato, come se fosse un elenco. Le mie lezioni di yoga, sia quelle a cui partecipavo sia quelle in cui insegnavo, hanno trovato una struttura rigida.

Ero estremamente attento ai miei allievi. Dopo una lezione di due ore sull'Ayurveda, mia moglie mi ha dato un cinque e mi ha detto, "È stato favoloso. Sei stato perfetto tutta sera." E non sono sempre così. Di solito comincio a perdere il filo dopo 90 minuti di lezione e domande, soprattutto dopo le nove di sera. Quella roba funzionava.

Ha continuato a "funzionare". Solo che la parte creativa ancora non si manifestava. Ma è difficile essere un genio della letteratura se il tuo cervello sminuzza ogni pensiero in compiti e passi volti a uno scopo finale. Potevo provarci, ma avrei dovuto considerare ogni step come necessario al progresso della narrativa.

Insomma, ho passato una settimana da automa molto organizzato, molto efficiente. Mi sentivo come se avessi preso farmaci per l'ADHD, senza i dolori e gli sbalzi emotivi. Mi piaceva, ma mi mancavano i piccoli dettagli che amo della vita: il ritmo rilassato delle mattine, il pattern dello yoga, l'impulso creativo.

Il secondo esperimento con le smart drugs me l'ha offerto Nootropics.com. A differenza di quella di AlternaScript, la confezione di Nootropics.com non aveva istruzioni, solo cinque confezioni di pillole bianche. Nonostante le ricerche online, non avevo la minima idea di quali o quante pillole prendere.

Pubblicità

Mi sentivo un po' uno stronzo a stare addosso a persone che mi avevano dato farmaci gratis, ma dato che il mio lavoro era scriverne, ho contattato il loro servizio clienti due volte, ottenendo infine una email di risposta. Nell'email mi suggerivano di leggere il loro sito, e mi descrivevano alcune possibili combinazioni di pillole.

Ma l'email diceva anche che avrei dovuto provare una sola pillola per volta. Ma anche che le pillole funzionano meglio quando le prendi combinate. Ma anche che la chimica intrinseca di ogni persona è diversa. Insomma, si paravano il culo a livello legale e mi davano una vaga indicazione.

Ho deciso di provare l'Adrafinil, che preso un giorno sì e uno no migliora la concentrazione e il livello di allerta, e il L-Theanine, che preso tutti i giorni migliora la qualità del riposo.

L'Adrafinil non è uno scherzo. Pensavo che prendere nootropi sarebbe stato un po' come prendere vitamine, una cosa che sì, ti fa bene, ma non ha reali effetti osservabili. No. Questa era speed pura. A differenza dell'OptiMind, che non ti dà l'impressione di prendere una droga, l'Adrafinil mi faceva sentire troppo stimolato, in modo spiacevole e su cui non avevo alcun potere. La prima volta l'ho preso alle 9 del mattino, e poi non sono riuscito ad addormentarmi fino a ben oltre mezzanotte. Magari per voi non è strano, ma di solito riesco a stare sveglio oltre le dieci di sera solo nella feste comandate.

Pubblicità

Mi è salito mentre ero passato da mia moglie, che fa l'insegnante d'asilo, al lavoro. Era una bella giornata. I quattrenni stavano benone. E io non riuscivo a concentrarmi su niente perché ero davvero troppo impaziente e laborioso. Ero davvero davvero troppo SVEGLIO per giocare con loro (anche se adoro giocare con i bambini).

Dunque, ho passato tutto quel tempo in cui ero al meglio delle mie possibilità a scrivere il nuovo grande romanzo americano? No. Non ho scritto. La scrittura è per persone con idee interessanti, che hanno la pazienza di sintetizzarle in una forma che anche le altre persone possono capire.

"La tua esperienza non mi sorprende," mi ha detto Ilene Ruhoy, neurologa al Centre for Healing Neurology, quando le ho chiesto cosa mi stava succedendo. "Uno dei metaboliti dell'Adrafinil è il Modafinil, che usiamo per trattare la narcolessia."

Ah, quindi, ok, posso comprare farmaci per trattare la narcolessia in internet, senza prescrizione? Ottimo.

"Prima di usare qualunque nootropo bisognerebbe almeno consultare un medico," mi ha detto Ruhoy. "L'uso di supplementi, soprattutto se combinati, dovrebbe sempre essere monitorato, dato che molti hanno profili di tossicità e possono interagire non solo con altri farmaci, ma anche tra di loro. Voglio che tutti stiano attenti."

Quindi, sì, ora sono fatto di speed. La stessa speed che mi darebbe un dottore se cominciassi ad addormentarmi ovunque. E non sono sotto controllo medico. E le persone che me l'hanno venduta non sanno nulla di me, non hanno chiesto nulla, e sono state molto vaghe nel rispondere alle mie domande.

E non sto scrivendo bene.

Essenzialmente, chi vende smart drugs online è uno spacciatore. Non fraintendetemi. Mi piacciono le droghe e non ho niente contro gli spacciatori. Ma alcuni spacciatori sono meglio di altri. Alcuni vogliono che tu abbia l'esperienza migliore possibile (così da continuare a essere un loro cliente), e altri vogliono renderti dipendente (così che tornerai da loro per forza), e altri ancora ti vendono una caramella alla liquirizia spacciandola per fumo (storia vera) per fare soldi.

Non sto dicendo che non dovreste usare le smart drugs. Sto solo dicendo che dovreste stare attenti a chi ve le vende.

Questo articolo è tratto da Tonic.