La formula magica di Facebook per determinare i tuoi 9 migliori amici

Il modo in cui Facebook classifica i nostri amici è un mistero.
11.11.15

Lo abbiamo provato tutti, quel momento in cui il tuo compagno di classe delle superiori con cui non parli da decenni, o quell'ex-collega risalente a quattro lavori fa che avevi letteralmente rimosso dalla testa appare nel box amici del tuo profilo Facebook, e tu ti chiedi cosa diavolo ci facciano lì.

Il mio ragazzo non usa mai Facebook, e noi due non lo usiamo mai per interagire tranne forse qualche evento in comune—niente foto, commenti, mi piace, tag, relazioni, nulla. Nonostante ciò, quando gli ho chiesto (per questa indagine) di andare sul suo profilo e di dirmi chi avesse nel suo box degli amici, eccomi lì. Ero la prima di tutti.

La sua risposta? "È perché continui a controllarmi, smettila!" Ha ragione? Come Facebook gestisca l'ordine degli amici è ancora un mistero. La maggior parte di noi tende a non organizzare per categorie i propri amici, ma un algoritmo lo sta facendo al posto nostro, e senza che noi lo possiamo controllare.

Chi sta "stalkerando" chi è una delle informazioni più private e preziose che Facebook possiede

In più, c'è una sorta di diceria che serpeggia tra i vari utenti dei social media secondo la quale se qualcuno che conosci appena appare in cima alla tua lista degli amici, allora significa che quel qualcuno ti sta stalkerando.

Una rapida ricerca su Google rivela anni di domande ansiogene postate su forum come Quora e Reddit in cui ci si chiede come Facebook ordini la lista degli amici, tutte domande fatte da persone preoccupate che qualcuno possa scoprire i loro profili preferiti, e frustrate dal fatto che quel signor sconosciuto continua ad apparire in cima alla lista. La paura è che la loro cotta possa essere scoperta. "C'è questa ragazza con cui mi vedo che continua a chiedermi notizie di quelle 9 ragazze che appaiono in cima alla mia lista di amici, e io non ho idea del perché siano lì," ha detto un nervoso redditor.

"La mia ex è lì, seconda sul podio della lista amici, anche se non parliamo da mesi e non controllo il suo profilo da altrettanto tempo. Ho parlato con un sacco di altre persone, ma perché lei è ancora lì?" ha chiesto un altro utente su un forum.

Non c'è modo di conoscere la risposta esatta a queste domande perché i dettagli degli algoritmi di Facebook sono ovviamente segreti. Ma ci sono una serie di cose che sappiamo che potrebbero aiutarci a definire dei fattori che entrano in gioco quando si tratta di ordinare la lista amici: abbiamo degli indizi, dopotutto. Delle tracce lasciate da Facebook.

Ci sono alcune sezioni del social network che vogliono dedurre automaticamente quali siano i tuoi migliori amici. Se clicchi sulla sezione "amici" del tuo profilo, appariranno tutte le persone presenti nella tua rete di amici, dalle persone con cui interagisci di più a quelle con cui interagisci di meno. Un campione "vetrina" di questa lista appare nella parte sinistra del tuo profilo. Un altro gruppo di nomi vengono scelti per apparire in cima, e altri nomi appaiono da soli quando punti il tuo cursore sulla barra di ricerca in alto.

Come probabilmente avrai notato, Facebook ha recentemente introdotto liste di amici che organizzano la tua rete per categorie. Alcune sono generate automaticamente, e si basano sul lavoro o sui luoghi in cui hai vissuto. Gli "amici stretti" invece vengono scelti dall'utente, ma Facebook fornisce dei suggerimenti su chi potresti inserire. È una sensazione strana: una forza invisibile che ti dice quali sono le persone più importanti della tua vita.

La paranoia generatasi attorno a questo argomento si focalizza sul misterioso Box dei Nove, la selezione dei nove amici che appaiono sulla pagina del tuo profilo.

"Ragazzi, per favore, aiutatemi," ha scritto un utente su un forum. "I nove amici che vedo sul mio profilo sono gli stessi che loro vedono sul loro, di profilo? E quelle nove persone sono quelle con cui interagisco di più pubblicamente o privatamente? Nelle ultime settimana è apparsa una ragazza nel box del mio ragazzo. Non hanno mai interagito pubblicamente, ma lei ha avuto una cotta per lui in passato, quindi sono un po' preoccupata."

Facebook mi ha spiegato che quei nuovi amici che appaiono sul tuo profilo sono una sorta di "consiglio" del social network.

In altre parole, sono le persone con cui l'algoritmo crede dovresti interagire. Oppure, se qualcun altro sta visitando il tuo profilo Facebook, è un campione di persone in qualche maniera connesse con loro con cui dovresti interagire per stabilire una relazione con questi visitatori esterni. Ha senso: è nell'interesse del business model di Facebook connetterci con più persone possibili e farci usare il social network il più possibile. (Visto che ad oggi si contano circa 1,5 miliardi di utenti, sembra che il loro approccio stia funzionando.)

Gli algoritmi che ordinano la lista amici tengono conto di quanto tu interagisca con determinate persone, e anche quando tu lo abbia fatto. Quindi, quel tuo vecchio amico delle superiori apparso nel tuo box potrebbe essere un modo di Facebook per dirti di risentirlo. Dall'altro lato, mostra anche le persone con cui hai recentemente stretto amicizia, principalmente per incoraggiarti a interagire sin da subito, anche se non lo avete mai fatto prima. L'algoritmo tiene in conto anche gli ultimi post delle persone, dando la precedenza a chi posta di più, spiega l'azienda.

E a volte, sì, è semplicemente random, mi ha detto Facebook.

Gli algoritmi di Facebook si evolvono in continuazione—è la ricetta segreta dell'azienda e gli ingredienti mutano spesso e volentieri per promuovere le novità del social network. Fino a qualche anno fa, Facebook usava un algoritmo chiamato Edgerank. Teneva d'occhio tre fattori per determinare la vicinanza sociale, l'affinità, il peso e i conflitti: quanto interagisci con qualcuno, come lo fai e quanto tempo fa l'hai fatto l'ultima volta.

La formula attuale è più complessa. Usa il machine learning e si basa su migliaia di data point per determinare la prossimità sociale delle persone. Supponendo però che i soggetti siano gli stessi, l'equazione darà un peso diverso a diversi tipi di interazione: essere taggato in una foto o andare allo stesso evento con qualcuno fa presupporre un rapporto stretto con quella persona più che un like a un post o un commento sulla bacheca.

Si possono trovare altre informazioni scorrendo il proprio registro attività. Facebook tiene nota di qualsiasi cosa facciate sul sito: basta cercare per vedere tutte quelle piccole interazioni di cui magari vi siete dimenticati, e tracciare una linea tra queste e la classifica dei vostri amici fatta dall'algoritmo. Quegli amici "casuali" che compaiono sulla pagina del vostro profilo o nella chat potrebbero acquisire un po' più di senso.

Uso Facebook con una certa parsimonia, quindi un semplice commento o una tag nell'ultimo anno o anche solo una richiesta di amicizia accettata bastano per spingere qualcuno nella top 10 o 20. Ho tristemente scoperto di avere avuto più contatti di quanto credessi con un paio di persone che pensavo fossero solo passate per la mia pagina—un commento di passaggio qua o là, o la comune fidelizzazione a un paio di gruppi li hanno fatti salire rapidamente in classifica.

Facebook ha sempre sostenuto che gli algoritmi di classifica degli amici tenessero conto solo delle interazioni pubbliche, non delle chat private o delle visite ai profili. "Gli amici che compaiono nell'unità Amici sui profili non sono basati su informazioni private, tipo il numero di volte che avete visualizzato le loro pagine. Invece, usiamo una vasta gamma di segnali pubblici, come like o commenti recenti a un vostro post, per scegliere quali amici mettere lì sopra," mi ha detto un portavoce.

"Usiamo sistemi diversi per diverse unità (la casella Amici sulla vostra pagina, la lista di contatti in Chat, etc). Per ognuna di queste unità sviluppiamo una classifica che funziona al meglio per quei prodotti, ma, come per la casella degli Amici sul profilo, non usiamo le informazioni private che non potrebbero essere rivenute altrove (per esempio, le visualizzazioni del profilo)."

Per un sacco di persone, la cosa puzza lo stesso. Ovviamente Facebook parla così. Chi fa "stalking" a chi è una delle informazioni più private che Facebook detiene, e sbandierarla, persino in modo indiretto, potrebbe essere un disastro sia per il sito che per molti utenti. Magari sembra triviale, ma non lo è. La moneta di scambio su Facebook sono le relazioni personali, e il fatto che non sappiamo esattamente fino a che punto siamo controllati o se possiamo fidarci alimenta le paure e le insicurezze della gente.

Per mettere alla prova la domanda dello stalker, ho fatto un profilo Facebook fantoccio, ho aggiunto solo me stessa (la vera me stessa), e ho iniziato a seguire maniacalmente ogni mia azione per diversi giorni. Questo amico fantoccio non è mai comparso in nessuna delle mie liste importanti di amici su Facebook. In caso cambi qualcosa, aggiornerò l'articolo.

Ho fatto qualche altro (totalmente ascientifico) esperimento. Ho confrontato la mia lista di amici con il mio registro attività per vedere quali interazioni avessi avuto con ognuno dei nove prescelti, e ho controllato come cambiava il loro ordine nel corso dei giorni. Il risultato è stato abbastanza logico. Se taggavo la gente nelle foto o viceversa, salivano in cima alla lista. Dopo un paio di giorni senza interazioni, scalavano un paio di posizioni più sotto.

Un paio di cose, però, mi hanno sorpresa. Ho scoperto che le persone che io tendo a spiare compaiono in certe parti del sito—non nei nove sulla mia pagina profilo, ma nei suggerimenti su chi dovrei includere nella mia lista di "amici stretti" secondo Facebook. I nomi delle mie vittime sono comparsi anche nella lista di suggerimenti che si è generata automaticamente quando ho digitato una lettera dell'alfabeto nella barra di ricerca (che è condizionata ovviamente dalle ricerche precedenti, e include le persone che non avete tra gli amici ma di cui avete visto le foto o il profilo—ricordatevi, Facebook vuole che troviate queste persone e vi mettiate in contatto con loro).

Ho anche provato uno strumento realizzato da alcuni sviluppatori, che attinge all'API di Facebook per svelare la vostra classifica di amici. Il fatto che certi nomi nella lista comparissero in un certo ordine era davvero un mistero, ma le persone che avevo spiato erano più in alto, senza dubbio. Per quanto possa avere in comune con loro qualche interesse o gruppo, era evidente che le persone che avevo cercato e di cui avevo guardato profili e foto erano schizzate in cima alla classifica nascosta nel codice sorgente.

Più è basso il numero, più è alta la prossimità sociale. Facebook non dice su quali dati si basi questo calcolo, ma a giudicare dall'esperienza personale questa lista mette a fattore visite del profilo, chat private, e le interazioni con gli amici in comune.

La cosa buona è che ora gli utenti hanno un po' di controllo in più sugli amici che compaiono sulla pagina, e possono influenzare i dati fornendo un feedback a Facebook. L'invito a prendervi cura delle liste di amici distinguendoli tra "amici stretti," "famiglia" e via dicendo, è un modo per offrirvi un maggiore controllo sui post che compaiono sul vostro News Feed, ma è anche un sistema per garantire a quegli amici stretti una posizione migliore nella vostra lista. Al contrario, segnare qualcuno come "conoscente" potrebbe rendere meno probabile che questa persona compaia nelle famose caselle. Se volete essere davvero sicuri, potete darvi allo spionaggio professionale e creare un profilo falso per compiere i vostri atti di stalking. Perché non dovete illudervi: Facebook sta registrando ogni dato.

Leggi anche: Il tasto "non mi piace" di Facebook non è quello che sperate

Leggi anche: Come la statistica mi ha liberato da Facebook