FYI.

This story is over 5 years old.

Gli uomini sono più bravi delle donne a morire male

Il British Medical Journal testa il limite della "Teoria dell'Idiozia Maschile".
15.12.14
La testa nella bocca di un coccodrillo? Perché no. Immagine: Shutterstock

I Darwin Awards, che premiano ironicamente le azioni più stupide che comportano la perdita di capacità riproduttive, sono un must per gli appassionati di umorismo nero da almeno 30 anni. Ma per uno studio pubblicato sul British Medical Journal i dati dei riconoscimenti sono stati usati come base per supportare l'ipotesi che "gli uomini sono idioti e gli idioti fanno cose stupide."

La ricerca, irriverente e ironica quanto i Darwin Awards stessi, ha analizzato statisticamente i vincitori del concorso dal 1995 al 2014.

Pubblicità

"Delle 413 nomine dei Darwin Awards 332 sono state verificate e confermate dalla Giuria dei Darwin Awards," hanno scritto gli autori, medici professionisti della Newcastle University.

"Di queste solo 14 erano nomine condivise da candidati uomini e donne—solitamente coppie troppo avventurose in posizioni compromettenti—lasciando così 318 casi validi per effettuare analisi statistiche," hanno continuato.

Su questi 318, solamente 38 erano donne—un numero piuttosto convincente per sostenere il fatto che gli uomini battono di gran lunga le donne nell'ambito delle morti idiote, con un 88,7 percento delle nomine. Gli autori hanno usato questi dati per supportare l'idea di una "teoria del maschio idiota" (MIT).

Per essere uno studio ironico va riconosciuto che che il team ha proceduto con la massima diligenza, discutendo una grande quantità di fattori come selection bias, consumo di alcol e biologia evolutiva.

Non si ferma, non si fermerà. Immagine: Shutterstock

"Una spiegazione alternativa di questi dati è che ci sia un qualche tipo di selection bias," scrivono gli autori. "Le donne potrebbero essere più propense a nominare degli uomini per i Darwin Awards, o potrebbe esserci una propensione di genere all'interno della Giuria. Potrebbero esserci anche pregiudizi nel riportare gli avvenimenti. O i candidati uomini potrebbero essere più degni di nota delle candidate donne."

Gli autori hanno anche considerato alcune possibili strategie per futuri approfondimenti sul tema.

"Crediamo che questa teoria meriti ulteriori ricerche, e, avvicinandoci al periodo festivo, abbiamo intenzione di condurre studi sul campo e uno studio sperimentale—su uomini e donne, con e senza alcol—nel contesto semi-naturale di una cena natalizia," hanno scritto, probabilmente ridacchiando sotto i baffi.

Forse questo fatto riguarda il fenomeno più ampio di come il British Medical Journal abbia iniziato a festeggiare il periodo natalizio come se fosse il primo di aprile. La pubblicazione è solo l'ultima di una lunga serie di studi ironici che vengono pubblicati sull'edizione natalizia della rivista. Tra i piatti forti del passato ci sono sondaggi sulle reazioni di uomini e donne alla vista di un uniciclo e lo studio delle proprietà genetiche della magia.

Forse dovremmo chiederci il motivo per cui siano così poche le riviste che pubblicano studi ironici. Dov'è finito il tuo humor, Nature? Forse potrebbe essere proprio questo l'argomento clou della prossima edizione natalizia. Per ora siamo sicuri che il divario di genere evidenziato dai Darwin Awards non sarà uno di quegli ambiti in cui le donne si batteranno per l'uguaglianza di genere.