Pubblicità
americhe

Perché gli amanti del caffè possono 'gioire' per la siccità in Brasile — ma solo per poco

Oggi il Brasile produce il 30 per cento del caffè del mondo. Ma gli effetti del cambiamento climatico potrebbero causare una diminuzione dei raccolti - e della qualità del caffè

di Marie Doezema
06 aprile 2016, 7:10am

Foto di Christof Stache/AP

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Per le coltivazioni di caffè in Brasile, gli ultimi due anni sono stati difficili. Ora, però, sembra che la situazione stia iniziando a migliorare — almeno temporaneamente.

In seguito a una siccità da record, gli esperti del settore prevedono che il raccolto di quest'anno sarà abbondante e di alta qualità. Per i consumatori si tratta di una vittoria a tutto campo: caffè più buono a un costo inferiore.

Jason Sarley, un analista di Coffee Review, una pubblicazione online californiana punto di riferimento per la comunità degli appassionati di caffè, spiega che il momento positivo per il caffè brasiliano è dovuto in gran parte a El Niño. Il fenomeno climatico, infatti, ha portato nella regione un po' della pioggia che si aspettava da tempo.

Sebbene queste siano notizie fantastiche per gli amanti del caffè, Sarley precisa subito che il raccolto record di quest'anno sarà solo un evento temporaneo.

"Ci si attende una produzione eccezionalmente abbondante," racconta. "Ma generalmente la siccità ha fatto calare la produzione e la qualità del caffè, e ci si aspetta che in futuro la situazione peggiori a causa degli effetti dei cambiamenti climatici."

'I caffè migliori sono come un mazzo di fiori... sono un'esperienza di gioia che altera la mente.'

Nonostante la legge del mercato - secondo cui il costo per i consumatori diminuisce con l'aumento della domanda - valga per la vendita del caffè all'ingrosso, i mercati di nicchia non saranno granché influenzati dalla produzione eccezionale di quest'anno.

"Non si può fare un collegamento tra quello che sta succedendo in Brasile e il mercato specialistico dei prodotti di qualità premium," dice Sarley. "I caffè di fascia alta si manterranno probabilmente sullo stesso prezzo."

Per capire la differenza tra la produzione di massa e i mercati di nicchia, è necessario prima avere bene in mente qualche nozione base sul caffè: la distinzione tra le due varietà più conosciute, Arabica e Robusta.

"Il caffè ha fatto la sua prima apparizione sul confine tra gli altipiani dell'Etiopia e il Congo, e si è geneticamente diviso in due varietà principali, Coffea arabica, che cresce negli altipiani dell'Etiopia, e Coffea canephora, chiamata comunemente robusta, che invece prospera nei bassopiani del Congo," spiega Sarley.

"Gli altipiani dell'Etiopia sono un luogo dal clima più mite, e quindi l'Arabica è un cespuglio sempreverde che produce un frutto piuttosto delicato," aggiunge Sarley. "Possiede delle difese naturali come la caffeina e i polifenoli, i quali aiutano a prevenire le malattie. Tuttavia, con l'aumento generale dell'umidità e delle temperature dovute al riscaldamento globale, anche l'Arabica che cresce nelle zone più alte è diventata a rischio, dato che si tratta di una pianta abbastanza fragile."

La Robusta, invece, è una pianta con una migliore resistenza ai cambiamenti climatici. Ciò vuol dire che la produzione cresce di pari passo con l'aumento delle temperature.

"Sempre più spesso la Robusta viene innestata con l'Arabica per la sua robustezza e la sua resistenza," dice Sarley. "È una pianta molto più sana. Mediamente contiene la metà degli zuccheri e il doppio della caffeina e dei polifenoli che aiutano a proteggere la pianta."

Caffeina e polifenoli agiscono come una sorta di pesticida naturale, che contribuiscono alla difesa delle piante di caffè.

Gli esperti sono però preoccupati dall'impatto di queste 'sperimentazioni' sul sapore. Se l'Arabica è sotto minaccia, così lo sono anche la delicatezza e la complessità di gusto che questa varietà offre.

"I caffè migliori sono come un mazzo di fiori – sono floreali, cioccolatosi, fruttati, ricchi, esotici, complicati," commenta Sarley. "Sono un'esperienza di gioia che altera la mente."

Leggi anche: Queste foreste non arriveranno al 2050

L'interesse per i caffè di nicchia continua a crescere in tutto il mondo. Quando Blue Bottle ha aperto alcuni bar in Giappone, lo scorso anno, l'agenzia di stampa Associated Press ha riportato che alcuni clienti hanno aspettato in fila fino a quattro ore per bere una tazza di caffè.

"Il problema è che vediamo un aumento incredibile nella domanda di caffè di alta qualità, ma si fatica con la produzione," dice Sarley, stimando che l'industria del caffè di nicchia sia cresciuta di più del 400 percento negli ultimi 15 anni.

Dato che il Brasile produce più del 30 percento del caffè mondiale, il paese è l'epicentro delle preoccupazioni dovute all'intersezione tra riscaldamento globale e caffè. I coltivatori sono preoccupati, anche se, a oggi, buona parte dei consumatori sono ancora inconsapevoli.

Uno studio congiunto pubblicato lo scorso anno dal centro internazionale per l'agricoltura tropicale all'interno del programma di ricerca del CGIAR su cambiamenti climatici, agricoltura e sicurezza del cibo (CCAFS) si è concentrato in maniera specifica sulle proiezioni per la più delicata pianta dell'Arabica.

"Gli aumenti di temperatura e i cambiamenti nell'andamento delle precipitazioni diminuiranno i raccolti, ridurranno la qualità, e aumenteranno la presenza di insetti e malattie," prevede lo studio, il quale ha anche stimato che il Brasile vedrà un crollo del 25 per cento nella produzione di Arabica per il 2050.

Come nel caso dell'uva e del vino, gli scienziati prevedono che anche per il caffè, la questione del cosa cresce dove continuerà a evolversi con il cambio di temperature. Questo potrebbe essere un bene per alcune regioni, e un male per altre.

Leggi anche: Amburgo ha messo fuorilegge cialde di caffè e bottigliette di plastica negli uffici pubblici


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook