Esiste un social network per ricchi a cui puoi iscriverti con 7000 euro

Se c’è una cosa che ai ricchi piace più dei soldi, è parlare di soldi con altri ricchi. Ecco perché esistono club di golf, club per gentiluomini, e ora anche un esclusivo social network che risponde al nome di Netropolitan.

|
18 settembre 2014, 12:46pm

Se c’è una cosa che ai ricchi piace più dei soldi, è parlare di soldi con altri ricchi. Ecco perché esistono club di golf, corsi di golf, club per gentiluomini, e ora anche un esclusivo social network che risponde al nome di Netropolitan. La registrazione costa 9.000 dollari [6983 euro], a cui se ne aggiungono 3.000 per ogni anno di utilizzo. Su questa piattaforma si può discutere di “vini pregiati, macchine costose e affari redditizi senza essere giudicati”—ossia ciò che la gente normale pensa facciano i ricchi, piuttosto che quello che fanno veramente.

Il social network è la trovata di James Touchi-Peters, ex direttore dell'orchestra filarmonica del Minnesota, il quale con mia grande sorpresa ha abbastanza grana da essere considerato ricco. Ciò che rende il sito interessante, a parte il suo essere esclusivo, è la promessa di essere privo di pubblicità e completamente inaccessibile ai non membri (anche se una volta iscritti è disponibile una lista completa dei registrati). Ho chiamato James la mattina dopo il lancio per capire se si tratta di una grande idea per ricchi, o di un'idea geniale per spillare 9.000 dollari alla classe media.

VICE: Così avete ufficialmente lanciato Netropolitan, giusto?
James Touchi-Peters: Esattamente.

Come ha reagito il pubblico?
La reazione ha superato le nostre aspettative. Il nostro modello di business è relativamente unico, quindi sapevamo che avremmo attirato l'attenzione, ma non ci aspettavamo di certo una cosa del genere.

Fantastico. Pensi che il vostro modello avrà successo?
Il progetto è nato perché quando viaggiavo per lavoro mi sarebbe piaciuto entrare a far parte di una comunità in cui incontrare persone come me. So che è un po' da arroganti, ma sono un direttore d'orchestra, e come tale ho capito che la mia vita è diversa da quella di molte persone, molto diversa. Di conseguenza, cercavo un sito con persone che avessero più o meno le mie stesse esperienze, ma non ce n'erano. Mentre facevo ricerche per capire se la mia idea potesse essere realizzabile, sono rimasto scioccato—e lo sono tuttora—nel constatare che [nessun social network] utilizza un modello di business che altrove si usa da almeno cent'anni, ovvero far pagare una quota abbastanza alta così da scremare gli iscritti al momento della registrazione. È assurdo che nessuno ci avesse mai pensato.

Perché proprio 9.000 dollari? Perché non 50.000, per esempio?
Ci sono voluti due anni per rispondere a questa domanda. Il ragionamento che abbiamo fatto è stato questo: vogliamo una cifra abbastanza alta da scoraggiare la maggior parte di chi non rientra nel nostro target, ma allo stesso tempo non così alta da intimidire gli interessati, dato che si tratta di un modello nuovo. Molte persone mi hanno riferito—forse la cosa ti sorprenderà—che secondo loro la quota non è abbastanza alta. Non so se sei al corrente delle cifre applicate dai country club nel mondo reale, ma normalmente la quota d'iscrizione supera di gran lunga la nostra. Abbiamo pensato che, trattandosi di un nuovo modello di business online, non potevamo fare lo stesso, così con qualche ulteriore correzione siamo arrivati alla cifra di 9.000 dollari.

Capisco. Facendo un giro del sito ho notato che date molta importanza alla privacy. Ma se l'iscrizione è privata, come posso sapere se i miei amici ne fanno parte prima di decidere di registrarmi? Oppure ti iscrivi semplicemente e conosci altra gente ricca a caso?
L'idea del sito—mi è venuta in mente proprio stamattina, devo controllare la pagina delle vendite per vedere se c'è scritto—è che si tratta del classico social network, con la differenza che utilizziamo il metodo del 'follow' anziché la reciproca amicizia tramite richiesta. Pensiamo che la maggior parte della gente si iscriva per conoscerne di nuova.

Quindi è più come Twitter.
Riteniamo che le persone si iscrivano non tanto per parlare con i propri amici, ma per relazionarsi con individui che non conoscono.

Sul sito c'è scritto che hai cominciato con un gruppo di membri. Come sono state scelte queste persone?
Sono amici di amici di amici. Abbiamo anche contattato alcune organizzazioni, circoli e cose del genere, e sostanzialmente abbiamo offerto loro l'iscrizione gratuita. Dato che avevano tutti le qualifiche necessarie non era un problema averli tra noi. Adesso che abbiamo aperto le vendite non daremo più dati sul numero degli iscritti. Fino a martedì sì, ma ora non più.

Non c'è il rischio che qualcuno—che so, TMZ—racimoli 9.000 dollari, si iscriva e pubblichi una lista di tutti i membri? Non sarebbe un problema di sicurezza?
Potrebbe succedere, ma da parte nostra non riceveranno nessuna conferma o smentita riguardo ai nomi degli iscritti. Comunque sì, sappiamo che potrebbe succedere. Alcuni ci hanno detto, “9.000 dollari potrebbero non essere sufficienti per definire il vostro target.” Per come la vedo io, finché l'iscritto paga la quota iniziale, usufruisce del servizio e si comporta decentemente, siamo felici di averlo con noi.

Bene. Di che persone parliamo esattamente? Immagino che i miliardari non vogliano avere a che fare con i milionari. Quale dovrebbe essere il reddito minimo di un membro?
La risposta a questa domanda è un po' lunga, ma te la darò. Dunque, quando ho iniziato a fare ricerche per capire se il progetto fosse realizzabile non sapevo granché di ricchezza. Ora ti do qualche dato: una persona su 200 guadagna più di un milione di dollari all'anno. È lo 0,5 percento della popolazione mondiale. Negli Stati Uniti il numero sale a uno su 50 individui. La gente parla dell'un percento, ma si tratta del due percento. L'altra cosa che ho imparato è che esistono diversi livelli di ricchezza, e sono molto distinti fra loro. Partendo dal basso, c'è il livello di “ricchezza diffusa”, ossia le persone che guadagnano meno di un milione l'anno ma che vivono bene e amano spendere. Più in alto c'è il livello di quelli che io ho definito—non esiste una denominazione ufficiale—i “ricchi lavoratori”. Sono individui che guadagnano più di un milione di dollari l'anno ma che non possiedono beni significativi, o perché sono ricchi da poco o perché non risparmiano. In ogni caso, spendono molto. Dopodiché ci sono quelli che hanno più di 5 milioni di dollari di disponibilità liquida, comunemente chiamati i “veri ricchi”. Gli “ultra ricchi” sono persone con più di 30 milioni di disponibilità liquida. Di questa categoria fanno parte solo 200.000 persone in tutto il mondo; 15.000 sono i miliardari.

Il nostro target è diviso su due gruppi: i “ricchi lavoratori”, poiché sono individui che vanno a lavorare tutti giorni, malgrado il reddito, e lavorano sodo. Oltre a questi, abbiamo scoperto che esiste un gruppo di persone ricche, non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, che vivono in piccole città o paesini e che potrebbero non avere nessuna rete di relazioni con persone simili, nel mondo reale. Infatti nell'area in cui vivono ci sono pochissime persone con il loro stesso reddito, e a nostro avviso anche questi potrebbero beneficiare del nostro social network. Consentirebbe loro di avere delle relazioni sociali che di solito non hanno. Ecco, questi due gruppi rappresentano il nostro target.

Quindi si tratta come minimo di milionari.
Sì, esatto. E in tutto il mondo ci sono 30 milioni di persone che guadagnano più di un milione di dollari l'anno. Spero che adesso tu capisca perché, guardando questi dati, sono giunto alla conclusione che si tratta di un mercato non sfruttato. Quando poi ho scoperto che nessuno aveva provato a utilizzare questo modello di business online, anche se funziona benissimo nella realtà concreta, è stato un gioco da ragazzi.

Se una persona non è soddisfatta può disattivare il suo account e ottenere un rimborso?
Non offriamo rimborsi per la quota iniziale, no. Questo perché non vogliamo che qualcuno paghi e acceda al servizio solo per fare il pagliaccio, costringendoci a espellerlo per poi riottenere il denaro. Noi offriamo l'iscrizione per un anno, dopodiché se il servizio non è stato soddisfacente, si può sospendere l'iscrizione. Una volta pagata la quota iniziale sei un membro per sempre, e non è possibile cancellare l'account. In altre parole se non paghi la quota annuale il tuo account viene sospeso, ma se vuoi riutilizzarlo in seguito non c'è alcun problema. Quindi se paghi la quota iniziale diventi membro per l'eternità.

Perché l'età minima è 21 anni? I ricchi sono ricchi, non avete sentito parlare dei Rich Kids di Instagram?
Sì, ho sentito. Ma la scelta dei 21 anni dipende dalla legislazione dei vari stati in materia di maggiore età. Inoltre, secondo alcuni membri dello staff sarebbe stato strano ritrovarsi a parlare con un 18enne o 19enne di bevute e così via, capisci. Negli Stati Uniti il consumo d'alcol per quella fascia d'età è illegale. Unendo queste due cose abbiamo deciso di fissare a 21 anni l'età minima.

Permettete la diffusione di contenuto per il solo pubblico adulto? Non parlo dell'alcol, ma di pornografia e simili.
Non ne abbiamo mai parlato, ma suppongo di no. Confesso che prima d'ora non ci eravamo mai posti la domanda, me ne dovrò occupare. In ogni caso credo che non lo permetteremo, no.

Quanto avete lavorato per lanciare il sito?
Ho fatto due anni di ricerche personali per stabilire la fattibilità del progetto. Da quando abbiamo deciso di procedere sono passati altri due anni. Quindi in tutto fanno quattro anni di lavoro.

Ho guardato la sorgente della pagina e sembra che sia stata fatta con WordPress. Potrebbe essere un problema per chi ne fa uso. WordPress è abbastanza sicuro? Mi sembra una piattaforma un po' troppo popolare per costruirci su un club di milionari.
Non posso rilasciare dichiarazioni circa la piattaforma che abbiamo utilizzato, ma posso dire che siamo estremamente convinti che sia tutto molto sicuro. Questo è quanto.


Uno screenshot della sorgente del sito, con tanto di tema scelto.

Dato che ti consideri un esponente di questa alta società, volevo chiederti qual è la cosa più costosa che possiedi.
Hai chiesto alla persona sbagliata, perché a me non piacciono le cose. [Ride] Sono uno di quelli a cui piace spendere per un'esperienza, non per le cose. Anzi. [Ride] Ma è solo il mio punto di vista. Sono un musicista e adoro comprare esperienze, sensazioni. Relativamente parlando conduco una vita abbastanza modesta. Non mi piace possedere cose, ma non ho niente contro le persone a cui piace. Un paio di anni fa ho avuto una lunga discussione sull'esistenza delle Aston Martins. Non ne voglio una, ma sono felice che esistano e che le persone le comprino, perché sono dei capolavori. 

Ho letti che sei stato un DJ, e un compositore. Perché ti sei voluto dedicare a questa attività imprenditoriale?
In realtà per 20 anni sono stato il proprietario di una compagnia di software. Non lo dico perché penso che non sia molto in linea con il mio lavoro di musicista, ma è stato parte della mia vita per un discreto periodo di tempo. Ho portato avanti diversi progetti relativamente importanti anche se tu non sai che ne ho fatto parte, e non ti dirò di cosa si tratta. Diciamo semplicemente che non sono esattamente un novellino nel settore.

Segui Jules Suzdaltsev su Twitter.

Altro da VICE
Vice Channels