FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Perché la cannabis sintetica è così tossica?

Dopo le ricerche sulla correlazione tra cannabis sintetica e rischio di ictus e gli ultimi incidenti in Florida, negli Stati Uniti si è tornati a parlare di spice.
5.12.13

A poco a poco si solleva un vocio tra i passanti nel centro di St. Petersburg, dove un corpo giace immobile sul marciapiede, coperto da un telo di plastica. È stato per un accendino rubato? O per una bicicletta? Non ha alcuna importanza. Alla fine Kenneth Robert Sparkle ha dato di matto. Proprio come aveva annunciato.

Il pomeriggio del 24 settembre, Sprankle ha preso in "prestito" un'ascia gialla e rossa dei vigili del fuoco da una camionetta che aveva risposto a un allarme presso i Princess Martha Apartments. Ha iniziato la sua serata fumando cannabis sintetica, per poi imbracciare l'ascia e girovagare per il centro. Le telecamere di sicurezza l'hanno ripreso mentre camminava con l'arma appesa alla cintura, apparentemente ignaro degli spettatori che lo osservavano tenendosi a distanza di sicurezza. I testimoni hanno dichiarato di averlo visto in uno stato di agitazione, ma nessuno si era preoccupato di avvisare la polizia fino a che Sprankle non ha iniziato a gridare minacce incomprensibili ai passanti e a inseguire alcuni di loro lungo i marciapiedi affollati.

Pubblicità

La polizia di St. Petersburg ha rapidamente risposto alla chiamata d'emergenza. Il piccolo gruppo che si dava alla fuga ha girato un angolo ed è corso verso gli agenti. Alcuni momenti dopo, Sprankle è comparso con l'ascia sollevata. Appariva poco cosciente, e ignorava l'ordine di gettare l'ascia. Nel momento in cui ha tentato di avvicinarsi ancora, con l'ascia alzata, l'ufficiale Damien Schmidt gli ha puntato una pistola al petto e ha fatto fuoco.

Dopo cinque colpi il corpo di Sprankle si è accasciato sul marciapiede. Le ferite al petto sono state fatali. Aveva 27 anni.

Una foto segnaletica di Sprankle poco più di un mese prima della sua morte. Foto gentilmente concessa dall'ufficio dello sceriffo della contea di Pinellas.

Sprankle soffriva di disturbi mentali. Era bipolare e schizofrenico. A gennaio si era trasferito dalla Pennsylvania in Florida, sperando che le spiagge e il clima tropicale potessero alleviare la sua depressione. Ma sbagliava. Quando è stata intervistata dal Tampa Bay Times, sua zia ha dichiarato, "È stata la sua prima grande avventura. Credo non sia semplicemente stato in grado di gestirla."

Non ne ha mai avuto la possibilità. I suoi problemi sono peggiorati. Era intrappolato a St Petersburg. È diventato indigente e ha cominciato a frequentare Williams Park, una zona frequentata da drogati e spacciatori. Ha smesso di curarsi. È stato arrestato per aver rubato una bicicletta. Si è gettato davanti a una macchina in corsa. Ha sputato in faccia a un operatore sanitario. Ha tentato di strangolarsi con le lenzuola ospedaliere. Ha tentato di annegarsi nel Mirror Lake dopo aver fumato crack.

Pubblicità

L'elenco dei suoi arresti (a cui è estremamente semplice accedere in Florida) è stato di otto fermi da marzo. Inoltre nelle settimane precedenti alla sua morte è finito sotto la tutela della legge Baker per la salute mentale per ben due volte—per un totale di sette volte dal marzo di quest'anno. A volte per sua richiesta, a volte no.

Ad un certo punto, in questo mix caotico di eventi, la cannabis sintetica è entrata nella sua vita.

L'ascia brandita da Kenneth Robert Sprankle durante il suo accesso d'ira nel centro di St Petersburg. Foto gentilmente concessa dal Dipartimento di Polizia di St Petersburg.

Non stiamo parlando dell'erba che nascondete nel cassetto dei calzini. Questa erba, infatti, ha poco in comune con i germogli appiccicosi.

Spesso definita "spice", la cannabis sintetica è un termine in realtà molto generico che si riferisce a una vasta gamma di prodotti cannabinoidi sviluppati negli anni Ottanta dal Dottor John W. Huffman e dal suo team di scienziati, nella speranza di curare malattie come la sclerosi multipla. Molti dei prodotti della prima e della seconda generazione, come la JWH-018 o la JWH-007, portavano le iniziali di Huffman. Le generazioni successive, dai nomi certamente più aggressivi, includono AKB48, o XLR-11.

Sono disponibili in polvere, o miscelate con erbe. Alcuni mettono ammollo varie erbe come la damiana, la lavanda e il loto blu in una soluzione di cannabinoidi che spesso include oppiacei sintetici, broncodilatatori e ninsetticidi come il timolo. In alternativa, fanno in modo che i prodotti chimici evaporino nelle erbe. Questa tecnica si è tuttavia rivelata inaffidabile, creando punti in cui le sostanze sono più concentrate.

Pubblicità

Una volta che il raccolto sintetico è pronto viene confezionato in pacchetti con il nome del marchio, ad esempio Spice, K-2, Pandora's Box, Atomic Bomb, Ultra Haze o Toxic Waste. Gli effetti più comuni variano fra uno stato uno stato di euforia a lievi allucinazioni.

Gli ingredienti sono raramente scritti sulla confezione, mentre spesso sull'etichetta compare l'avvertimento "non destinato al consumo umano". A differenza della marijuana, con cui è praticamente impossibile andare in overdose, un uso massiccio di cannabis sintetica può provocare allucinazioni intense, palpitazioni, incapacità nell'articolare suoni, vomito, eccessi psicotici, paranoia, agitazione, tremori, innalzamento della temperatura corporea e attacchi di cuore.

Un cittadino della Florida ripreso dopo aver fumato cannabis sintetica. Foto concessa dall'utente YouTube o0Nightshadez0o.

Parlando con alcuni consumatori, molti spiegano che spesso si ha la sensazione che il cuore stia per esplodere. Uno dei miei informatori voleva essere sicuro che informassi le persone che questa sostanza non ha niente a che fare con la marijuana. Se siete fortuati vi sballerà. Se non lo siete, vi ritroverete accasciati sul pavimento di un ospedale in preda agli spasmi, oppure a inseguire i vostri vicini con oggetti contundenti.

Uno studio recente, “Ischemic stroke after use of the synthetic marijuana 'spice," pubblicato l'8 novembre su Neurology dai ricercatori dell'Università della Florida del sud, traccia un collegamento fra l'uso di cannabis sintetica e l'ictus.

Pubblicità

I ricercatori hanno presentato il caso di due ragazzi, fratello e sorella, che hanno avuto un ictus dopo aver fumato erba sintetica JWH-018 appartenente allo stesso lotto. Lo studio fa notare anche come l'aumento di ictus normalmente associati alla marijuana è collegato all'incremento del consumo di cannabis sintetica.

Sostanzialmente, fumare cannabis sintetica è un po' come fare la roulette russa con la chimica del vostro cervello. E un tempo, tutti i tipi di cannabis sintetica venivano venduti su internet e nelle aree di servizio di tutti gli Stati Uniti. Quel tempo è passato? Non proprio.

Il governo federale ha dato un giro di vite alla questione nel 2011, come avviene normalmente quando la gente inizia a morire. Quell'anno, la DEA ha aggiunto molte sostanze—tra cui la JWH-018—all'elenco di quelle controllate dalla legge.

Nonostante la repressione continua, la cannabis sintetica viene ancora prodotta. Per aggirare le nuove leggi i produttori hanno modificato le loro ricette, facendo sì che ogni divieto serva solo a introdurre nuove sostanze chimiche di cui non si conosce l'effetto.

A ottobre, il procuratore generale della Florida Pam Bondi ha introdotto due provvedimenti d'emergenza in grado di aggiungere temporaneamente nuovi composti alla lista delle sostanze proibite. Bondi spera che la legislatura della Florida le vieterà definitivamente nella sessione del 2014.

E nonostante gli sforzi della polizia, negli ultimi anni la zona di Tampa è stata un focolaio per la produzione della cannabis sintetica. Nel 2012, una squadra investigativa di ABC Action News ha scoperto diverse imprese coinvolte nella vendita. Tra queste c'era un'attività di Tampa, Baba Wholesale, che dopo essere stata scoperta, ha fatto perdere le sue tracce per—probabilmente—trasferirsi in una città con reporter meno ficcanaso. Quando sorpreso dal team di ABC e interpellato circa gli effetti nocivi che il suo prodotto potrebbe avere sui ragazzi, il capo della Baba, George Chalita, ha chiesto cinicamente "Perché dovrei preoccuparmi di qualcosa su cui non ho nessun controllo?"

Pubblicità

Non siamo a conoscenza della marca di cannabis sintetica che fumava Ken Sprankle prima del suo accesso d'ira. È bastata la sua storia di abuso di droghe, la sua malattia mentale, e i suoi comportamenti autolesionisti per chiudere la questione nel momento in cui ha esalato l'ultimo respiro. Anche se la questione circa l'uso della forza è ancora accesa, l'ufficiale che ha sparato a Sparkle è stato scagionato da tutte le accuse.

In una strana successione di eventi, Ashton Stottler, che sosteneva di essere stato inseguito da Sparkle, è stato arrestato nove giorni dopo per resistenza a pubblico ufficiale e possesso di cannabis sintetica. Secondo i documenti del tribunale, ha ammesso la colpevolezza e ha scontato 35 giorni di carcere.

Ma l'episodio dell'ascia non è l'unico in cui Stottler si sia trovato faccia a faccia con una lama. A gennaio ha accoltellato 13 volte un uomo che si era introdotto in una casa dell'Arkansas in cui si trovava con una signora, e lo aveva attaccato. Autodifesa, ha sostenuto.

Peccato che avesse tentato di ricucire le ferite dell'uomo con il filo interdentale prima dell'arrivo dei poliziotti. Spero che fosse alla menta.

Altra droga:

Sali nelle ferite