Pubblicità
Salute

Perché alcune persone fanno pipì molto più spesso di altre

Quello che mangi, quello che bevi, il tuo livello di stress e persino il meteo: tutto ha conseguenze sulla tua vescica.

di Kate Willsky
11 aprile 2019, 8:05am

Foto via Unsplash.

Alcune persone fanno pipì più spesso di altre, è così. Io ormai l'ho accettato, faccio parte di questa categoria. Nella vita di tutti i giorni, questo significa preoccuparsi costantemente di dove sia il bagno più vicino, e riflettere a lungo prima di bere un ultimo sorso d'acqua prima di andare a dormire. Il mio amico Tony, che ha il mio stesso problema, sceglie sempre il posto corridoio in treno e in aereo, e al cinema consuma più energie per capire "quando è il momento migliore per andare in bagno, rispetto a quelle che impiega per seguire la trama del film." Non è un dramma, ma è un po' fastidioso. E onestamente, la domanda che mi faccio più spesso è: perché? Perché io sì e gli altri no?

In media, una persona fa pipì dalle sei alle otto volte al giorno, anche se da quattro a dieci volte è considerato nella norma. Ma per chi soffre di "minzione frequente"—termine medico piuttosto banale che indica chi va molto spesso in bagno—quel numero è molto più alto. I motivi possono essere i più disparati, dalle patologie del condotto urinario ai calcoli alla vescica, dai problemi alla prostata fino al diabete.

Purtroppo, quando non ci sono i sintomi di una patologia chiara (come nel mio caso) può essere difficile stabilire quale sia la causa che ci fa sentire lo stimolo della pipì molto più spesso rispetto agli altri. "Ogni cosa che fai ha conseguenze sulla vescica: quello che mangi, quello che bevi, il tuo livello di stress e anche il meteo," spiega Michael Ingber, urologo del New Jersey. Elencate di seguito, ecco solo alcune delle cause potenziali di questo problema.

Il tuo corpo produce più urina rispetto alla media

Di solito, quando una persona fa spesso pipì è perché sente l'urgenza di farla, anche quando la sua vescica è quasi vuota. Ma nel caso di chi soffre di poliuria, il corpo produce effettivamente una maggiore quantità di urina, fino a cinque volte superiore ai tre litri giornalieri medi di un adulto. Ci sono anche alcuni fattori esterni che possono influire, come il diabete, l'assunzione di determinati farmici o (ovviamente) il bere tantissima acqua.

Sei molto stressato

Lo stress è in grado di scatenare una lunghissima serie di conseguenze fisiologiche, tra cui anche la necessità di fare pipì molto spesso. Innanzitutto, stress e ansia possono fare in modo che il sistema limbico (quello che controlla la risposta “fight or flight”) ignori gli stimoli del cervello che tengono a bada il nostro desiderio di fare pipì. Inoltre lo stress fa aumentare i livelli di cortisolo, che possono inibire gli ormoni antidiuretici (ADH), scatenando il bisogno di fare pipì più spesso. L'ADH normalmente aumenta la quantità di liquidi riassorbiti dal corpo, senza questo elemento la quantità di liquidi assorbiti diminuisce e aumenta l'urina accumulata. "Ci sono diversi studi che confermano come lo stress abbia un impatto reale sulla frequenza con cui si urina," dice Ingber.

Mangi qualcosa che irrita la vescica

Tutti sappiamo che alcuni cibi possono irritare lo stomaco o l'esofago, ma anche la vescica è piuttosto sensibile agli alimenti. In generale, i più grandi colpevoli sono i cibi speziati e acidi, ma nella lista completa di cibi da tenere sotto controllo fornita dalla Cleveland Clinic ci sono anche le aringhe sott'aceto e le fragole (no, non insieme, che orrore). "Esistono cibi che irritano la bocca e poi esistono cibi che stimolano una reazione della vescica e ti fanno venire più voglia di fare pipì," spiega Anita Ackerman, urologa del New Jersey.

Bevi le cose sbagliate—o semplicemente bevi troppo

L'alcol irrita la vescica e causa uno stimolo maggiore a urinare. Come probabilmente saprai già, anche la caffeina può avere lo stesso effetto, per via delle sua proprietà diuretiche.

Hai freddo

Quando sente freddo, il corpo restringe automaticamente i vasi sanguigni negli arti per garantire l'afflusso di maggiore quantità di sangue nella parte centrale del corpo, e scaldarlo. Questo aumenta la pressione sanguigna in quella zona, facendo sì che il corpo senta il bisogno di tornare alla normalità espellendo i liquidi in eccesso (ovvero, facendo pipì).


Guarda anche: 10 domande che hai sempre voluto fare a un'urologa:


Bevi troppo poco

Per quanto possa sembrare strano, anche non bere abbastanza può farti sentire maggiormente lo stimolo della pipì. Questo accade perché quando assumi pochi liquidi l'urina è più concentrata (ha un colore più intenso) e risulta più irritante per la vescica—che cerca di espellerla il più rapidamente possibile, mi spiega Ackerman.

È colpa dei farmaci

Ti è mai capitato di prendere un farmaco per un problema, per poi improvvisamente ritrovarti con un problema nuovo? È vero, succede. Fare tanta pipì è uno degli effetti collaterali di alcuni farmaci: tra questi ci sono i farmaci per l'alta pressione, gli ansiolitici, gli antidepressivi e gli antibiotici.

È la tua testa

"Mi è capitato di incontrare persone che dovessero fare pipì frequentemente per via di un disturbo psicologico," mi spiega Ackerman. "Non c'era altra spiegazione medica per quell'impellente necessità." Questo potrebbe essere legato a esperienze di incontinenza e infezioni delle vie urinarie, una soglia più bassa di sopportazione oppure semplice noia.

Hai una vescica iperattiva

La "vescica iperattiva" è un termine piuttosto ampio che indica quando la vescica si contrae involontariamente, dandoti l'impressione di dover andare in bagno senza che sussista l'effettivo bisogno. Ora, le ragioni di queste contrazioni sono ancora poco chiare. I fattori che potrebbero provocarle sono tanti, dal diabete agli psicofarmaci fino alla caffeina in eccesso.

O una vescica piccola

Le dimensioni contano. La vescica piccola è tra le scuse che si sentono più spesso, anche se nessuno sa se sia vero o abbia idea di come verificarlo. In media, la vescica di un adulto dovrebbe contenere circa 450 ml, ma in alcuni casi questa quantità si riduce drasticamente. "Chi nasce con una vescica piccola, non potrà mai tenere lì dentro la stessa quantità di urina di chi ha una vescica più grande," dice Ackerman.

E poi c'è il problema della nicturia, di chi fa troppa pipì durante la notte, ovvero più di una volta nel corso della nottata. Oltre a tutti i fattori che possono provocarla citati qui sopra, aggiungiamo in questo caso anche l'apnea del sonno, che rilascia un enzima detto peptide natriuretico atriale (ANP) che stimola i reni a produrre più urina, secondo Ackerman.

A prescindere da come e quanto fai pipì, ecco i consigli che dovresti seguire per limitare il problema:

Monitora quello che ti succede

Tieni traccia di quello che mangi, bevi, e di quanto spesso fai pipì per cercare di capire se c'è un modello ricorrente. Oppure, per renderti conto che è tutto nella norma e non c'è niente di cui preoccuparsi.

Fai attenzione a quello che mangi

È un consiglio abbastanza ovvio, ma inizia eliminando alimenti e sostanze che irritano maggiormente la vescica (sì, hai capito bene, meno caffeina e meno alcol).

Cerca di ridurre lo stress

"Quando i miei pazienti sono persone giovani che hanno problemi di minzione frequente, cerco di lavorare sull'eliminazione dello stress, per esempio lavorando con le visualizzazioni guidate," dice Ingber. Le visualizzazioni guidate sono una tecnica usata in meditazione per gestire tensione e sofferenza in cui il paziente è incoraggiato a visualizzarsi, nella propria mente, in un luogo calmo e sereno, e a rilasciare i muscoli del pavimento pelvico.

Allena la vescica

Se appena senti un piccolo stimolo vai a fare pipì, il tuo corpo si abituerà a quella frequenza. Cerca di allenarlo con degli "svuotamenti programmati"—fai pipì ogni 30 minuti per un paio di giorni, che tu senta lo stimolo oppure no; poi aumenta gli intervalli di 15 minuti ogni giorno. Così facendo, la vescica potrebbe aumentare la propria capacità e prendere confidenza con la sensazione di trattenere l'urina. Come spiega Ackerman, "Se resisti allo stimolo e riempi la vescica, puoi aumentare la sua capacità di trattenere."

Altrimenti, puoi sempre accettare questa condizione e continuare la tua vita normalmente. Per quanto mi riguarda, ora che sono incinta, fare pipì più spesso è diventato normale, e in qualche modo non mi disturba più come prima. Personalmente, l'unico problema della minzione frequente era un leggero imbarazzo. Ora che lo so, cerco semplicemente di farla il più spesso possibile, assecondando le esigenze della mia piccolissima vescica.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI.