salute

Dovremmo davvero smettere di mangiare l'olio di cocco

"Puoi spalmartelo sul corpo, ma è meglio non 'introdurlo' nel corpo."
22 giugno 2017, 5:15am
Foto via Flickr/mealmakeovermoms

Secondo Goop, il sito di lifestyle di Gwyneth Paltrow, l'olio di cocco è una sostanza miracolosa. I benefici dell'olio di cocco—quello organico e vergine, ovviamente—sarebbero "praticamente infiniti": "si può usare al posto dell'olio vegetale o del burro per sughi, fritture e ricette di ogni tipo" ed è "delizioso e depurativo." Ma Gwyneth non è l'unica: sono molti i guru del settore che considerano l'olio di cocco una medicina miracolosa in grado di prevenire qualsiasi cosa dall'Alzheimer all'obesità. Insomma, l'olio di cocco sta vivendo i suoi 15 minuti di celebrità.

Questa settimana però la American Heart Association ha pubblicato un comunicato in cui afferma che in realtà assumere olio di cocco (come cibo, s'intende) non fa per niente bene. Non ha mai fatto bene. Non farà mai bene. Secondo il comunicato, che cita una serie di studi scientifici, non dovremmo proprio consumarlo.

Il problema principale dell'olio di cocco, secondo la AHA, è che l'82 percento dei grassi che contiene sono saturi. Ha più grassi saturi del burro, del grasso di mucca e del lardo di maiale. In quanto pieno di grassi saturi, l'olio di cocco alza il colesterolo LDL—il cosiddetto colesterolo "cattivo"—e quindi può contribuire al manifestarsi di malattie cardiovascolari. E la AHA vuole che sappiate che le malattie cardiovascolari sono "la principale causa di morte al mondo, responsabile di 17 milioni di decessi l'anno."

"La maggior parte delle prove, ottenute sia tramite l'osservazione che tramite i test, supporta l'idea che sia meglio rimpiazzare i grassi saturi che si trovano nei prodotti animali con quelli insaturi contenuti in determinati oli vegetali," ha spiegato a Munchies Alice H. Lichtenstein, scienziata e direttrice del Cardiovascular Nutrition Laboratory alla Tufts University. "L'olio di cocco è un olio sì vegetale, ma è particolare e ricade nella definizione di 'oli tropicali'. Gli oli tropicali contengono alte concentrazioni di grassi saturi. Quindi il miglior consiglio che posso dare è di rimpiazzare l'olio di cocco con altri oli vegetali."

Da dove è nata allora l'idea per cui l'olio di cocco farebbe bene alla salute? Probabilmente da vecchi studi sulle diete, secondo cui i trigliceridi a media catena (o MCT) stimolano il metabolismo. Ma l'olio di cocco contiene solo una piccola quantità di MCT—dal 13 al 15 percento circa—e altri studi hanno affermato che una quantità così bassa non ha alcun effetto sul metabolismo e sulla perdita di peso.

"Quando li si consuma in quantità sufficiente, i trigliceridi a media catena aumento la spesa energetica e migliorano il metabolismo," ha spiegato a Munchies Marie-Pierre St-Onge, una ricercatrice del New York Obesity Research Center della Columbia University che ha studiato gli MCT. "Questo non è il caso dell'olio di cocco. Per ottenere lo stesso risultato con l'olio di cocco bisognerebbe assumere oltre sette volte la quantità di MCT in esso contenuta, ma questo vorrebbe dire anche assumere molti più grassi saturi."

Come ha spiegato ancora Marie-Pierre St-Onge, "in questo momento c'è bisogno di studiare ancora l'impatto del consumo di piccole quantità di olio di cocco per capire se questo alimento possa essere inserito in una dieta salutare. Nel frattempo perché non scegliere le alternative che sappiamo già avere la capacità di abbassare il colesterolo?"

L'olio di cocco possiamo continuare a spalmarcelo sulla pelle e sui capelli, se ci va. "Puoi spalmartelo sul corpo, ma è meglio non introdurlo nel corpo," ha concluso Frank Sacks, l'autore principale dello studio sul tema. Per tutto il resto c'è l'olio d'oliva.

Thumbnail via Flickr. Questo articolo è tratto da Munchies.