relazioni

Come e perché ho tradito tutti i ragazzi con cui sono stata

Una confessione.

di Ruth Faj
07 novembre 2017, 5:00am

Foto di Chloe Orefice.

Abbiamo fatto due chiacchiere con Aniah, assistente sociale 25enne che vive a North London e che ha tradito tutti quelli con cui è stata fin da quando il suo primo ragazzo le ha spezzato il cuore, alla tenera età di 16 anni.

Ho avuto il mio primo fidanzato serio a 16 anni. Era estate, la scuola era finita ed ero eccitatissima: mi sentivo una donna fatta e finita. Ero cresciuta, pensavo. Ci siamo conosciuti a un concerto, uno di quelli a cui non potevi mancare se eri un adolescente a Londra in quegli anni. Siamo stati insieme per tre anni. Ero innamorata, ossessionata, completamente fusa per quel ragazzo. Poi le cose sono cambiate—mi dava appellativi infamanti, mi faceva sentire inadeguata, piccola. Ero dipendente da lui, e lui mi ha lasciata.

Ero distrutta. Ma ce l'ho fatta lo stesso, mi hanno preso all'università. Poi ha ricominciato a chiamarmi, mi diceva che aveva sbagliato, che mi amava. Come ho detto, alti e bassi. Ma quando dico che ero fedele, lo ero. A 19 anni ho sentito dire che aveva una ragazza, ma non sapevo quando: era sempre con me. Una ragazza mi aveva pure chiamato qualche volta per dirmi di lasciare in pace il suo fidanzato, ma ogni volta che glielo chiedevo, lui negava tutto. Non avevo prove. Quell'anno ci siamo lasciati del tutto. Emotivamente è stato devastante, soprattutto quando ho cominciato a vedermi comparire su Facebook le foto della sua ragazza (perché sì, esisteva eccome). Non voglio mentire, quella situazione mi segnata, e ho deciso che da allora in avanti sarei stata io a fottere gli altri.

Mi piace avere il controllo della relazione. Mio padre è un pastore protestante, quindi i miei fratelli e io siamo cresciuti in un ambiente molto rigido. E io sono la più grande, quindi ho subito più degli altri. Non appena avevo la possibilità di sgattaiolare fuori e mentire per non finire nei guai con i miei, lo facevo. Sono una gran bugiarda. Non che ne vada fiera, penso solo sia molto utile.

Quanto alle mie relazioni con gli uomini, direi che il bisogno di controllo è una delle ragioni principali per cui mi viene facile tradire. Mi piace essere al di sopra di tutto, essere al comando e libera di gestire come voglio i miei sentimenti e le mie attese. Non ho intenzione di lasciare queste cose in mani altrui, visto che della maggior parte degli ragazzi non mi fido. A ogni nuova relazione mi assicuro al 100 percento di avere il controllo, e di conseguenza il potere di avere un ragazzo qui e uno là dove mi serve. Tutto come dico io. Ho il coltello dalla parte del manico.

Ho avuto quattro relazioni serie. Il numero due e il numero tre erano bravi ragazzi. Il numero due l'ho incontrato all'università, il secondo anno. Prima di lui facevo quello che volevo e stavo con chi volevo. Facevo la bella vita, avventure di una notte, sperimentazione. Ma quando l'ho incontrato ci sono caduta di testa, e questo mi ha spaventato. Sentivo che mi stavo innamorando, e che avrei cominciato a vedere cose che non esistevano. Ho cominciato a concentrarmi su quella che chiamavo "assenza di comunicazione": se non mi rispondeva ai messaggi in un certo lasso di tempo o non mi diceva che era fuori con i suoi amici, la prendevo come una buona motivazione per tradirlo. Tradirlo un sacco di volte.

Avete forse presente com'è vivere in un campus—tutti sanno cosa stanno facendo gli altri. Lui non credeva alle voci sulle corna, ma io l'ho lasciato comunque e mi sono messa con uno dei ragazzi con cui lo tradivo. È durata sei bellissimi mesi, ma frequentava l'università in un'altra città e io ho appositamente deciso di iscrivermi molto lontano da lì per non vederlo. È molto più facile tradire se non vivi nello stesso posto. Niente menzogne, niente costruzioni. Ok, magari qualche bugia sì, ma ci siamo capiti.

Forse sono impegno-fobica (solo un pochino). In ognuna di queste relazioni arrivava sempre il momento in cui pensavo 'Questa persona mi piace, mi interessa,' ma poi entravo nel panico e mandavo tutto a puttane. Sentivo che la risolutezza mi abbandonava, che i muri cadevano, che il senso di controllo di cui avevo bisogno perdeva la presa—è l'amore: non puoi controllarlo. Allora cominciavo a sentirmi sola o sbagliata. A volte però c'è anche il fatto che il sesso fa cagare o non è abbastanza. Non è una scusa a caso. Dovrei dirglielo, no? O lasciarlo. Non so perché non lo faccio, dovrei chiederlo a uno psicologo. Ma quando ti avvicini a qualcuno, quando ti abitui a qualcuno, non puoi che sperare che le cose migliorino—ma non succede, davvero.

Prendete il mio ultimo ragazzo: durante i primi sei mesi l'ho tradito in continuazione. Lui l'ha scoperto, ma siamo rimasti insieme per altri tre anni. Abbiamo deciso di lasciarci tutto alle spalle, di cominciare da capo, ma non ci siamo mai riusciti È stato stupido da parte nostra pensare che avrebbe potuto funzionare. Ogni volta che litigavamo mi schiaffava in faccia che l'avevo tradito, e che avrei potuto farlo di nuovo. Quei tre anni sono stati una perdita di tempo per entrambi.

Certo, mi dispiace che l'abbia scoperto. Quella cosa l'ha cambiato, ha cambiato la nostra relazione: è diventato meno amorevole—altro motivo per cui l'ho tradito di nuovo. Non sono di quelle che tradiscono i fidanzati con amici o conoscenti dei fidanzati: c'è un limite. Prova a immaginare che i suoi amici siano lì a cena, e che tu te ne sia fatta un paio. Fuori discussione. Mi sono messa delle regole. Niente famiglia, niente amici, niente colleghi. Niente social.

Mi vergogno ad ammettere che tradisco—o che tradisco così tanto. Alcuni penseranno che sono il male, ma se mai mi sposassi smetterei. Con i voti coniugali viene un patto, soprattutto in ambito religioso. Detto questo, un matrimonio aperto potrebbe essere interessante. Non lo escluderei—non del tutto, comunque. Ma mentire alle spalle di mio marito? Non penso che lo farei. Tradire è una cosa che fai quando non hai un anello al dito.