Atlantide, UFO e viaggi nel tempo: il Mistero del Triangolo delle Bermuda

Le onde anomale potrebbero essere la causa di alcune delle misteriose scomparse di imbarcazioni, eppure la gente continua a tirare in mezzo Atlantide, gli alieni e i tunnel spazio-temporali.
14 agosto 2018, 2:30pm
Immagine: Alphaios

Il Triangolo delle Bermuda è una delle regioni più temute al mondo a causa dei racconti che circolano su tutti le imbarcazioni che lo avrebbero attraversato facendo perdere le loro tracce. Il destino di queste navi e aerei viene spesso attribuito a eventi soprannaturali che avrebbero luogo all'interno di questo "Triangolo del Diavolo", come vengono definiti i quasi 1.300 chilometri quadrati di oceano compreso tra i vertici di Miami, Porto Rico e Bermuda.

Gli scienziati hanno sfatato il mito che queste acque siano particolarmente pericolose, sottolineando in più occasioni che non c'è nulla di fuori dalla norma se le imbarcazioni spariscono in una delle regioni più tempestose e trafficate dell'oceano, dove abbondano le scogliere e i fondali pericolosi. Secondo la Guardia Costiera e la Marina degli Stati Uniti, il triangolo non miete un numero insolito di vittime rispetto ad altre zone attraversato da grandi volumi di traffico navale.

Il vero mistero del Triangolo delle Bermuda ha molto più a che fare con la longevità delle teorie cospirazioniste estremamente diffuse che lo riguardano. Le persone proiettano i loro incubi peggiori e le fantasie più sfrenate su questo lembo di oceano, accreditando le sue sparizioni agli alieni, a portali spazio-temporali, alla civiltà perduta di Atlantide e a innumerevoli altre cause paranormali.

Anche nel 2018, questa tradizione è ancora molto popolare — al momento, il regista Sam Raimi sta lavorando a un film sul triangolo delle Bermuda a base di ”squali, vichinghi e nazisti,” secondo ScreenRant.

A dire il vero, le spiegazioni dei complottisti sono radicate nella realtà, almeno nella misura in cui nel Triangolo delle Bermuda si sono verificati casi reali di imbarcazioni che sono andate effettivamente perdute. Esaminare il numero di incidenti mortali all'interno della regione è effettivamente impressionante. Diverse navi con i loro equipaggi sono scomparse nel Triangolo senza lasciare traccia durante tutto l'Ottocento e altre sono state misteriosamente abbandonate, come la nave Rosalie recuperata nel 1840. L'unico membro dell'equipaggio rimasto a bordo era un canarino, ma non ha voluto raccontare nulla di quello che era successo agli altri.

La scomparsa della USS Cyclops nel 1918, insieme ai 306 membri del suo equipaggio e ai suoi passeggeri, ha segnato la più grande perdita di vite umane nella storia navale degli Stati Uniti non legata a situazioni di guerra. Questo evento ha influito significativamente e in modo comprensibilead alimentare le paranoie legate all'area. Ma è stato solo dopo una serie di tragedie avvenute negli anni Quaranta che la tradizione americana delle storie di fantasmi legate al mare ha trovato uno sfogo nel mito del Triangolo delle Bermuda.

La USS Cyclops, 1911. Immagine: United States Naval History and Heritage Command

Oltre che dalla perdita delle due navi gemelle Cyclops — la USS Nereus e la USS Proteus — gli anni Quaranta sono stati caratterizzati da una serie di aerei scomparsi nella zona. La sparizione del Flight 19 nel 1945 è diventata particolarmente nota quando anche un aereo di salvataggio anfibio inviato a cercare il relitto è scomparso senza lasciare traccia.

Nel 1950, il reporter di Miami Edward Van Winkle Jones ha descritto alcuni degli incidenti della regione in un articolo della Associated Press. Un altro scrittore, George X Sand, ha ripreso questo filone nel 1952, in un editoriale intitolato ”Sea Mystery At Our Back Door” pubblicato sulla rivista Fate, in cui ha stabilito le dimensioni geografiche del triangolo. Nello stesso anno, il reporter Allan Eckert ha raccontato varie sparizioni di aerei, tra cui il Flight 19, per l'American Legion. Quest'ultimo ha anche aggiunto la dimensione extraterrestre che sarebbe diventata centrale per le incarnazioni più recenti del mito facendo circolare la voce che gli aerei spariti fossero ”volati su Marte.”

Ma il vero capostipite di tutti i miti moderni riguardanti la regione è stato lo scrittore Vincent Gaddis, che ha coniato e diffuso il termine "Triangolo delle Bermuda" in un articolo del 1964 intitolato “The Deadly Bermuda Triangle.” Gaddis è riuscito a far passare per buone tutta una serie di nozioni pseudoscientifiche — oltre a rivestire un ruolo importante nella mitologizzazione del Triangolo, ha anche dato vita a leggende urbane sulla combustione spontanea.

Leggi Anche: Gira questo articolo ai tuoi amici che credono alle scie chimiche

E così è stata la polveriera cospirazionista si è infiammata e, nonostante la buona volontà di scienziati e scettici che hanno cercato di spegnerla riportando i fatti nel corso degli ultimi cinque decenni, questa brucia ancora oggi. Se non altro, dato il diffondersi di teorie pseudoscientifiche nell'era online, potremmo aspettarci che anche le manifestazioni più selvagge del Triangolo delle Bermuda affiorino dagli angoli più profondi e strani di internet. Solo pochi giorni fa, sono circolate voci su un'astronave aliena scoperta sul fondo marino del triangolo, tanto per capirci.

Ma nonostante le persone trovino spiegazioni di qualsiasi tipo riguardo le sparizioni nella regione, dai nazisti che attraversano portali spazio-temporali fino a Cthulhu, il Triangolo delle Bermuda non è un buco nero geografico. È un posto realmente spaventoso, ma solo per motivi molto più banali che la sua topografia è insidiosa, le tempeste che si verificano nell'area sono di grande intensità, ed attraversato da un'enorme quantità di veicoli che operano per alcuni dei porti più trafficati d'America.

Nella regione può presentarsi anche il pericoloso fenomeno delle "onde anomale", secondo gli scienziati dell'Università di Southampton. Queste onde spaventosamente potenti possono essere generate da tempeste e onde oceaniche che si scontrano — un fenomeno relativamente comune nel Triangolo delle Bermuda, che è soggetto a uragani. La prima onda anomala rilevata direttamente, nota come onda Draupner, ha attraversato il Mare del Nord della Norvegia il 1 ° gennaio 1995 e superava i 25 metri di altezza. Nel 2016, un'onda anomala alta più di 18 metri è stata osservata nell'Atlantico del Nord. In alcuni casi, queste formazioni possono superare anche i 30 metri di altezza, secondo quanto riporta il New York Times.

Nel documentario di BBC/Channel 5 The Bermuda Triangle Enigma, andato in onda il 31 luglio, il team di Southampton ha presentato una ricerca che suggerisce che queste onde possono essere responsabili di alcuni dei naufragi più devastanti nella storia della regione. Gli scienziati hanno simulato l'impatto delle onde anomale su navi come l'USS Cyclops ed esperimenti di laboratorio hanno rivelato che le grandi navi sono particolarmente vulnerabili nella loro punto mediano a causa del loro stesso peso quando vengono bombardate da queste onde, quindi è possibile che il Cyclops che pesava 20.000 tonnellate possa essere stato affondato da onde di questa portata.

Le onde anomale costituiscono solo una delle molte spiegazioni scientifiche per i naufragi di navi e i dispersi nel triangolo delle Bermuda — anche le bolle di metano, errori delle bussole e la corrente del Golfo sono state considerate come cause possibili.

In ogni caso, le leggende associate alla regione riguardano maggiormente il bisogno umano di avere spiegazioni soprannaturali per tragedie strazianti che rapimenti alieni, civiltà perdute o una eventuale brama di sangue del mare.

Questo articolo è comparso originariamente su Motherboard US.