FYI.

This story is over 5 years old.

Europa

Dentro al supermercato inglese che vende ai poveri il cibo 'salvato' dalle discariche

In Inghilterra sono nati i primi 'supermercati comunitari' che vendono a prezzi stracciati alimenti, ancora commestibili, destinati a finire in una discarica.
16.5.16
Foto via Community Shop

Come anche in Italia, ogni giorno nel Regno Unito tonnellate di cibo ancora commestibile vengono buttate nella spazzatura. Allo stesso tempo, però, più di un milione di britannici non ha abbastanza soldi per nutrirsi in modo adeguato. Non è difficile capire che c'è qualcosa che non va a livello di sistemico.

C'è qualcuno che però ha trovato il modo di rimediare agli sprechi. Si tratta di John Marres, il quale da anni si occupa della redistribuzione del cibo in eccesso.

Pubblicità

Fin dagli anni Settanta, la sua azienda ricicla gli alimenti destinati a finire in discarica. Non si tratta di pomodori marci o lattine di fagioli scadute, ma di articoli confezionati in modo sbagliato, invenduti, o di cui i supermercati ne hanno ordinato un quantitativo eccessivo. Oltre a prodotti che potrebbero essere mangiati dagli uomini —e che invece vengono usati per nutrire gli animali.

L'idea originale di Marren è stata quella di prendere questo cibo e venderlo nei negozi di usato — principalmente nelle vicinanze di stabilimenti alimentari, dove il personale sapeva già che questi prodotti erano commestibili.

Il 'supermercato comunitario' di West Norwood a Londra. Foto per gentile concessione di Community Shop.

Poi, però, di fronte a dati sulla povertà alimentare sempre più negativi, Marren si è reso conto che il suo business avrebbe potuto avere una funzione sociale: ridistribuire cibo alle persone bisognose.

Così, quattro anni fa ha iniziato a creare "negozi comunitari" nelle zone che avrebbero tratto il maggior beneficio da questa iniziativa.

Per capirne di più abbiamo visitato due di queste aree, Goldthorpe nello Yorkshire e West Norwood a Londra.

Dietro alle porte d'ingresso di colore arancio si nasconde quello che potrebbe tranquillamente essere un piccolo supermercato locale. Ci sono scaffali ripieni di cibo, alcuni meno ordinati di altri, ma tutti con etichette e indicazioni per i clienti.

Qualsiasi articolo disponibile qui dentro sarebbe già finito in discarica, se non fosse stato per questo negozio.

Leggi anche: 25 euro per un grappolo d'uva, i prezzi sono fuori controllo nel nord del Canada

Non tutti possono usare il "negozio comunitario". Solo chi vive nelle vicinanze ed è in grado di dimostrare di avere un reddito basso può diventare un membro per sei mesi, accedendo così alla possibilità di acquisire cibo a prezzi molto più bassi rispetto alla grande distribuzione.

A Goldthorpe si contano 500 membri, mentre West Nortwood ne ha 750 circa, tutti con età e motivazioni diverse.

Pubblicità

Perlustriamo i corridoi per vedere che cosa si può trovare. Vasetti di salsa di pomodoro, lattine di fagioli, pacchetti di biscotti al cioccolato, formaggio, un frigorifero pieno di carne, cibo per animali, prodotti per l'igiene intima.

Vediamo anche alcune confezioni di caviale recuperate dalla discarica.

"Per noi non si tratta solo di prodotti a buon mercato, ma di cibo di qualità. Vogliamo che la gente riesca a ottenere di più dai propri soldi," spiega Clara Widdison, manager del negozio di West Norwood.

"Per esempio, potresti andare in un supermercato normale e comprare del prosciutto a fette per una sterlina. Probabilmente sarà di bassa qualità, riempito d'acqua e non avrà un buon sapore. Non sarà molto nutritivo. Ma se vieni qui con la stessa sterlina può ricevere un prodotto di alta qualità."

Il Community shop di West Norwood include anche un bar, da cui si sprigiona un odore intenso di cumino e di cipolle. La chef è Trish James. Servono bacon e sandwich di salsiccia a colazione al costo di una sterlina e mezzo (circa 1.90 euro), e pasti caldi.

Oggi si può scegliere tra curry di ceci o di manzo, servito in grandi quantità su piatti tondi con l'accompagnamento di riso, pane naan, pakora e bhaji di cipolle. Ci sono persino pasticcini al cioccolato. E come il cibo venduto nel negozio, tutto proviene da eccedenze alimentari.

"Devo cucinare qualcosa con quello che ho," spiega James. "Una volta ci hanno portato della carne, e quindi ho preparato del curry. Altre volte avevamo cuori e fegati, e in un'occasione persino ostriche. Ci piace servire pietanze uniche da far provare alle persone, forse per la prima volta."

Pubblicità

James inoltre fa l'inventario di ciò che è in vendita nel negozio e crea un menù che espone su un cartello con i costi. In questo modo le persone possono comprare gli ingredienti necessari per cucinare un buon pasto a casa.

"Dopo aver aperto il supermercato, abbiamo presto realizzato che a ridurre l'accesso al cibo non era solo il fatto di non avere soldi per comprarlo," aggiunge Widdison. "Alcune persone non hanno le capacità o i mezzi per cucinare, e alcuni addirittura non hanno la cucina. Riteniamo che tutti dovrebbero avere la possibilità di consumare ogni giorno un pasto caldo, per questo motivo abbiamo aggiunto dei bar ai nostri negozi."

Mentre sedevano a tavola con i loro clienti, Widdison e il suo team hanno scoperto la complessità di ragioni per cui le persone hanno problemi a nutrirsi. Hanno iniziato a offrire più ampi servizi per aiutare la gente a pagare i debiti, a trovare un lavoro, a riqualificarsi e persino ad aprire una propria attività, salvandoli dalla trappola della povertà alimentare.

"È molto importante che i nostri membri sappiano che abbiamo investito su di loro, e che crediamo che ne valga la pena," dice Widdison. "I banchi alimentari svolgono un lavoro incredibile, ma una volta che hai il cibo e hai superato la crisi immediata, quello di cui hai bisogno è sostegno per riconquistare una posizione di controllo. Che è quello che facciamo. Vogliamo ristabilire la relazione delle persone con il cibo. Ciò che prima era causa di angoscia e di paura, può diventare nuovamente un simbolo di celebrazione e di salute."

Pubblicità

Le risate provenienti dal bar mentre i clienti abituali condividono il pranzo ne è la prova. I supermercati spesso sono dipinti come i criminali della catena alimentare, ma se ce ne fossero di più così potrebbero essere davvero rivoluzionari.

Leggi anche: Nonostante Expo, la fame a Milano è ancora un problema sociale


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Tutte le foto per gentile concessione di Community Shop.

Questo articolo è stato pubblicato da Munchies.