Droga

Ecco perché fumare erba potrebbe impedirti di entrare negli USA per sempre

Dato che negli Stati Uniti il possesso, la vendita e il traffico di marijuana sono tutti reati federali, uno straniero che ammette di aver fumato marijuana rischia di essere espulso a vita dal paese.
5.5.16
Foto di Tanjila Ahmed via Flickr

Lo scorso ottobre, Camila è scesa da un aereo a Los Angeles — pochi minuti dopo avrebbe finalmente rivisto David, con cui aveva una relazione a distanza.

Lei e David si erano conosciuti durante un viaggio in Ecuador: lei viveva in Cile, lui negli Stati Uniti. Ora, due anni dopo, erano pronti a fare sul serio: Camila era stata ammessa a un master all'Università del Colorado a Boulder, e David stava per chiederle di sposarlo.

Pubblicità

Ma Camila non è riuscita a mettere piede fuori dall'aeroporto di Los Angeles, perché gli agenti gli agenti della polizia doganale - che hanno segnalato Camila per la frequenza e la durata dei viaggi che aveva fatto negli Stati Uniti - l'hanno trascinata in una stanza, dove l'hanno interrogata. (I nomi di Camila e David sono stati modificati per proteggere la loro identità.)

"Hanno rovistato nel mio portafoglio, nelle mie valigie e poi nel cellulare, tra le email e le foto," ha spiegato Camila in un'intervista via Skype. "Hanno visto che ero stata in Colorado, allora mi hanno chiesto di fargli vedere le mie foto del Colorado e hanno visto le immagini di un negozio di marijuana."

Poi gli agenti le hanno chiesto, sotto giuramento, se avesse mai fumato marijuana. "Ho detto di averla provata in Colorado. Ho pensato fosse normale — fumano tutti in Colorado, e lì non è illegale," ha detto Camila.

Anche se il Colorado ha legalizzato l'erba, però, fumare marijuana è ancora illegale per il governo federale. E dato che il possesso, la vendita e il traffico di marijuana sono tutti reati federali, l'ammissione di una di queste azioni - anche senza essere condannati - può portare all'espulsione dei cittadini stranieri.

Per questo gli agenti dell'ufficio immigrazione hanno trattenuto Camila in una stanza dell'aeroporto per 15 ore, poi l'hanno rispedita in Cile e le hanno vietato di mettere piede negli Stati Uniti per il resto della sua vita.

Pubblicità

Stando all'avvocato Scott Railton, che si occupa di immigrazione, negli ultimi anni i casi come quello di Camila si presentano con maggiore frequenza — di pari passo con la crescente diffusione della legalizzazione della marijuana,

"Un certo numero di stati ha legalizzato [la marijuana] per scopi medici e per uso ricreativo, ma la legge federale ritiene ancora la marijuana e i suoi derivati sostanze da proibire," dice Railton. "È davvero un problema per i cittadini stranieri, perché l'autorità nei loro casi spetta al governo federale."

Railton, che ha scritto diversi articoli legali sulle punizioni inflitte agli stranieri per aver consumato marijuana, spiega che le leggi sull'immigrazione sono severe per quanto riguarda tutte le sostanze illegali. L'Immigration and Nationality Act vieta l'ingresso negli Stati Uniti ai cittadini stranieri "condannati per, o che hanno ammesso di aver […] violato le leggi di uno stato, degli Stati Uniti o di un paese straniero in merito alle sostanze illegali."

Il caso di Camila rappresenta il culmine di questa pratica; tuttavia, Railton dice che l'intera vicenda è perfettamente legale. Le leggi federali permettono al Dipartimento della Sicurezza Interna di controllare i telefoni cellulari e i computer portatili senza un mandato, come hanno fatto nel caso di Camila.

Leggi anche: L'industria della marijuana legale negli Stati Uniti vola — ma ha un problema con i contanti

"Possono fare anche domande sotto giuramento," aggiunge Railton, spiegando che se una persona non risponde alle domande, può essere immediatamente espulsa dal paese. "Per attuare l'espulsione, è sufficiente che sia un funzionario alla frontiera o al consolato a valutare l'inammissibilità."

Railton, che lavora nella zona settentrionale dello stato di Washington, vicino al confine canadese, dice che il problema è particolarmente rilevante nella sua zona: nel suo stato l'erba è legale, e le persone vengono interrogate spesso quando entrano nel paese.

Pubblicità

Gli agenti non chiedono solo di ammettere di aver usato droghe, ma Railton afferma che impediscono agli stranieri con permesso di soggiorno di entrare se dichiarano di voler lavorare nei campi di marijuana — l'attività è considerata come parte del traffico di droga, quindi illegale secondo l'Immigration and Nationality Act.

Gli agenti possono anche negare l'ingresso alle persone che affermano di voler visitare i negozi di marijuana, dice Rialto.

Railton fa notare che anche il possesso di una tessera per l'uso medico della marijuana potrebbe essere sufficiente a provocare un interrogatorio degli agenti doganali — che potrebbe a sua volta portare all'espulsione.

"A volte la polizia doganale perquisisce i portafogli delle persone. Non fate viaggi internazionali con la tessera per la marijuana medica addosso," ha consigliato in una recente presentazione per la Northwestern American Immigration Lawyers Association. "Il problema potrebbe presentarsi ai checkpoint, o se mostrata volontariamente. La tessera in sé non prova alcuna violazione delle leggi sulle sostanze illegali, ma potrebbe portare a un interrogatorio che decreta l'inammissibilità."

Leggi anche: In Colorado, sempre più 'turisti della marijuana' si sballano troppo e finiscono al pronto soccorso

I promotori dell'uso della marijuana come Morgan Fox, direttore delle comunicazioni del Marijuana Policy Project, dicono che i casi come quello di Camila evidenziano la necessità di porre fine al proibizionismo federale per la marijuana.

"Le persone da tutti gli Stati Uniti possono recarsi in uno stato dove la marijuana è legale e consumare responsabilmente una sostanza che è più sicura dell'alcool, senza dover temere l'arresto. Tuttavia, i cittadini stranieri rischiano di essere discriminati, espulsi, e tenuti fuori dal paese perché il loro comportamento risponde ed è monitorato dalle forze di sicurezza federali in modo molto più ampio," dice Fox.

Pubblicità

"Questa è solo l'ennesima ragione per cui i divieti federali sulla marijuana devono finire, e l'erba dev'essere rimossa dalla lista delle sostanze illegali."

Per Camila, il prezzo da pagare è stato sia a livello personale che professionale: dato che è stata espulsa a tempo indeterminato dagli Stati Uniti, lei e David si sono lasciati; ha anche dovuto rinunciare all'opportunità di studiare per un master negli Stati Uniti.

C'è una possibilità perché lei possa fare ritorno negli Stati Uniti - richiedere l'esenzione del bando al governo federale, sostenendo di avere diritto a entrare negli Stati uniti - ma alcuni esperti di immigrazione spiegano che servono molti soldi per pagare un avvocato che segua il caso, e il governo approva molto raramente le esenzioni alle persone che sono state espulse negli ultimi due anni.

"Sono stata espulsa per essere stata onesta con gli agenti. Non mi sono mai ritrovata in una situazione del genere. Non ho mai commesso un reato," dice Camila con gli occhi pieni di lacrime. "Non ha alcun senso."


Segui VICE News Italia_ su Twitter, su Telegram e _su Facebook

_Segui _Meredith Hoffman_ su Twitter: @merhoffman_

Foto in apertura di Tanjila Ahmed su Flickr

Questo articolo è stato pubblicato su VICE US.