FYI.

This story is over 5 years old.

ambiente

30 anni dopo il disastro, attorno a Chernobyl si mangia ancora cibo contaminato

Ad aprile ricorrono i trent'anni da uno dei peggiori disastri nucleari della storia: i ricercatori hanno scoperto livelli di radioattività pericolosamente alti nel grano, nel latte e in altri cibi consumati in Ucraina e in Russia.
10.3.16
Foto di Sergey Dolzhenko/EPA

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Circa trent'anni dopo il disastro nucleare di Chernobyl, i residenti delle zone contaminate che circondano i resti della centrale sono ancora pericolosamente esposti ad alti livelli di radiazioni, soprattutto nel cibo che mangiano.

Alcuni ricercatori, che stanno studiando la contaminazione dei cibi prodotti in Ucraina e in Russia, hanno scoperto che il livello degli isotopi radioattivi è significativamente più alto - in alcuni casi fino a 16 volte - dei limiti per il consumo umano. I risultati dello studio sono stati diffusi da un rapporto di Greenpeace pubblicato mercoledì.

Pubblicità

"Questi disastri continuano non solo per decine o centinaia di anni, ma forse per millenni," ha detto Shawn-Patrick Stensil, analista di Greenpeace e co-autore del rapporto. "Abbiamo rilevato livelli di contaminazione ancora molto più alti dei limiti accettabili."

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l'incidente di Chernobyl, avvenuto il 26 aprile 1986, ha rilasciato livelli di radioattività 200 volte superiori alle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki.

Leggi anche: Gli animali selvatici si sono impossessati della zona di esclusione di Chernobyl

I ricercatori ritengono che l'isotopo nucleare cesio-137 sia particolarmente preoccupante, visto che viene assorbito facilmente dalle piante. Livelli alti di questo isotopo sono stati individuatinel latte, nei funghi selvatici e nella carne.

I 50 campioni di latte raccolti nella regione di Rivne, che dista 200 chilometri da Chernobyl, "contenevano tutti livelli di cesio-137 sopra i limiti stabiliti in Ucraina per il consumo di umani adulti, ed erano tutti significativamente sopra i limiti per i bambini" — come si legge nel rapporto.

I campioni di grano raccolti nei campi della regione di Kiev, a circa 50 chilometri da Chernobyl, avevano livelli di isotopi radioattivi che, in alcuni casi, avevano più del doppio dei livelli consentiti per il consumo umano.

Anche i funghi secchi, raccolti dalla foresta della regione di Rivne e conservati dalle famiglie del posto, avevano livelli di cesio-137 sedici volte più alti del limite.

Pubblicità

"Questi isotopi circolano nell'ecosistema in modi che non avevamo mai immaginato," ha spiegato Stensil. "Se vivi vicino a un bosco, fa ormai parte del tuo stile di vita: queste comunità dovranno essere continuamente decontaminate."

Anche gli incendi boschivi potrebbero presentare un rischio di ricontaminazione, perché rilasciano nell'atmosfera le particelle radioattive contenute negli alberi. Il rapporto ha rilevato che tra il 1993 e il 2003 sono divampati più di 1.100 incendi nella cosiddetta "zona di esclusione" di Chernobyl.

I problemi economici in Ucraina impediscono a molte persone di evitare il cibo contaminato. Secondo i dati della Banca Mondiale, l'economia del paese si è contratta del 12 per cento nel 2015. Una ribellione pro-Russia nell'est del paese ha contribuito a ridurre le risorse del paese. Stando al rapporto, molti programmi di monitoraggio lanciati post-Chernobyl per misurare i livelli di contaminazione radioattiva sono stati sospesi per motivi economici.

"Per monitorare il cibo nel lungo termine ci vogliono tanti soldi," ha detto Stensil. "Quindi molte di queste questioni sono politiche."

Migliaia di bambini, anche quelli nati 30 anni dopo il disastro, bevono ancora regolarmente latte contaminato.

"Abbiamo il latte e ci facciamo il pane da soli — e sì, sono contaminati," ha detto Halina Chmulevych, una madre single di due bambini citata nel rapporto. Vive 200 chilometri a ovest di Chernoby , e sostiene ci sono poche possibilità di mangiare cibo privo di radiazioni. "Certo, sono preoccupata, ma cosa posso fare? Mia madre si è ammalata di cancro subito dopo il disastro di Chernobyl ed è morta."

Pubblicità

Leggi anche: Uno sversamento di petrolio ha creato pesci deformi in un fiume del Quebec

L'incidenza dei tumori alla tiroide nei bambini che vivono in Ucraina, e che sono stati esposti alle radiazioni dopo il disastro di Chernobyl, è 9,7 volte più alta di quelli che non sono stati esposti. Secondo il rapporto, le persone che hanno lavorato per ripulire il sito della centrale presentano un'incidenza più alta di leucemie e tumori al seno.

Stabilire un nesso causale tra eventi specifici e alti tassi di tumori è difficile. Le persone sono esposte continuamente anche a fonti naturali di radiazioni da cibo, aria e sole. Ma uno studio effettuato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha rilevato che il forte aumento nell'incidenza di tumori alla tiroide nei bambini che vivono nelle zone contaminate in Ucraina, Bielorussia e Russia "è dovuto agli alti livelli di iodio radioattivo rilasciato dal reattore di Chernobyl nei giorni seguenti al disastro."

I ricercatori ammettono di non sapere ancora quale possa essere l'impatto nel lungo termine dei disastri nucleari. "Stiamo facendo degli esperimenti su due gravi incidenti per capire come i radioisotopi si spostano nell'ambiente col passare del tempo," ha spiegato Stensil, facendo riferimento al disastro di Chernobyl e a quello di Fukushima avvenuto in Giappone nel 2011. "Stiamo scoprendo che ci vorranno generazioni perché questi radioisotopi siano nuovamente stabili. In tutto questo tempo, i sopravvissuti che vivono nella zona saranno ancora a rischio."

Pubblicità

Lo studio indica che misure semplici e pratiche potrebbero ridurre il consumo di cibo contaminato — come importare il fieno di cui si nutrono gli animali da altre regioni non contaminate. Ma auspica anche misure più importanti, come l'abbandono in toto dell'energia nucleare, e una compensazione governativo per i sopravvissuti, che copra la riduzione del reddito e i rischi per la salute che hanno dovuto subire.

"Gli effetti di questi disastri sono irreversibili, dal punto di vista ambientale e da quello sociale," dice Stensil. "Abbiamo delle soluzioni che possono sostituire l'energia nucleare. Dovremmo usarle."


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Segui Elaisha Stokes su Twitter: @ElaishaStokes