Tech by VICE

Ada Lovelace, la donna che ha capito per prima il vero potenziale dei computer

La storia di Ada Lovelace, la matematica dell'800 che prima di tutti aveva compreso le potenzialità dei computer.

di Victoria Turk
14 ottobre 2015, 9:50am

Ritratto ad acquarello di Ada Lovelace, opera di A. E. Chalon, c. 1838 (tagliata). Immagine: Science Museum/SSPL

L'eredità di Ada Lovelace è, forse, tanto contenziosa quanto colorata è stata la sua vita come matematica donna nel 1800. È considerata dai più come "la prima programmatrice di computer," un encomio che ha portato alcuni critici a fare i pignoli a proposito del ruolo specifico che la donna avrebbe avuto nell'ideazione dell'algoritmo che è stato pubblicato a nome suo. Questo dibattito, però, non coglie il significato profondo della sua eredità: Lovelace è stata la prima a capire il vero potenziale dei computer.

Lovelace è nota per la sua partecipazione al progetto della macchina analitica del matematico e ingegnere Charles Babbage, uno strumento che, pur non essendo mai stato completato, è ora considerato il precursore dei computer moderni.

"Il contributo più importante è stato capire che la macchina analitica potesse fare altro oltre a calcolare numeri," ha spiegato Suw Charman-Anderson, fondatrice del Ada Lovelace Day, una giornata che celebra le donne che lavorano nei settori tecnologici e scientifici, il 13 ottobre. "Ha capito che, riuscendo a ridurre qualcosa come la musica o l'arte in regole, si poteva usare la logica simbolica per programmare la macchina analitica in modo da generare grafiche e melodie. Nessuno ci aveva pensato, ai tempi."

Modello della macchina analitica, 1871 (la macchina non è mai stata completata). Immagine: Science Museum/SSP

Lovelace, che aveva una relazione lavorativa affiatata con Babbage, incluse il primo programma per computer tra le note della trascrizione di una delle sue lezioni. Si trattava della descrizione di un algoritmo per calcolare i numeri di Bernoulli (una sequenza numerica scoperta dai matematici nel 18esimo secolo) tramite la macchina analitica. Si dovevano inserire le informazioni nella macchina usando delle schede perforate simili a quelle usate dai telai meccanici, e la macchina poteva macinare calcoli più complessi di quanto sapesse fare la "macchina differenziale", progettata precedentemente da Babbage.

Lovelace ha immaginato le potenzialità dei computer prima che i computer esistessero.

Una mostra al Science Museum di Londra rende omaggio al lavoro di Lovelace: è curata da Tilly Blyth e Katherine Platt, ed esplora la storia della donna attraverso le lettere e le note da lei scritte e con l'aiuto dei prototipi e dei modelli delle macchine di Babbage.


"Charles Babbage aveva già scritto, in effetti, un programma per la macchina analitica in alcuni dei suoi quaderni d'appunti," ha spiegato Platt a proposito della collaborazione. "Ma Ada decise di includere un programma per i numeri di Bernoulli nei suoi appunti sulla macchina analitica; quella è stata una sua idea."

"Penso che l'idea filosofica generale dietro la macchina analitica fosse in gran parte dovuta ad Ada," ha proseguito. "È stato il suo riflettere sul potenziale della macchina a rappresentare un contributo a dir poco unico."

In pratica, Lovelace ha immaginato le potenzialità dei computer prima che i computer esistessero.

Schede perforate da inserire nella macchina analitica, c. 1879. Immagine: Science Museum/SSPL

Era ovviamente insolito per una donna scegliere una carriera nelle scienze e nelle tecnologie durante l'epoca Vittoriana, ma la posizione sociale privilegiata in cui era nata ha significato possibilità diverse per Lovelace. Figlia del "pazzo, cattivo e pericoloso a conoscersi" poeta inglese Lord Byron, ha probabilmente avuto una vita priva di momenti di noia. È stata la madre—l'intellettuale Annabella Milbanke—a fornirle un'educazione scientifica e matematica, e a presentarla ai pionieri di queste discipline, come—per esempio—Charles Babbage.

Alcune delle lettere di Lovelace presentate alla mostra lasciano trasparire la sua passione verso le scienze e la matematica, per non parlare della sua personalità ambiziosa. Una di queste lettere testimonia il fatto che la donna scrisse allo scienziato Michael Faraday, il quale declinò il suo invito a lavorare insieme. Era disinvolta rispetto al proprio talento e scriveva di possedere "facoltà che in genere non co-esistono. Una capacità analitica profonda e un'immaginazione fervida che gioca sulla superficie di queste serie e insondabili profondità."

"Prendeva il proprio lavoro—in particolare quello sulla macchina analitica svolto con Charles Babbage—davvero sul serio," ha detto Platt. "Vedeva i concetti matematici su cui stava lavorando come le prime fasi di una carriera in scienze e matematica."

Dentro la mostra dedicata ad Ada Lovelace. Immagine: Science Museum

Lovelace è morta nel 1852, all'età di 36 anni—la sua promettente carriera è stata stroncata troppo presto. Quest'anno si festeggiano i 200 anni dalla sua nascita, con diversi eventi programmati a sostegno del contributo apportato nelle materie scientifico-tecnologiche dalle donne, nel passato e nel presente. Charman-Anderson ha detto di aver lanciato l'iniziativa del Ada Lovelace Day dopo essere rimasta tristemente colpita dalla mancanza di relatrici donne alle conferenze di tecnologia, e di aver scelto la matematica come rappresentante perché "Sembrava incarnare bene le sfide che le donne affrontano nei settori tecnologici."

Il sessismo onnipresente nei settori scientifico-tecnologici echeggia forse nella controversia che perseguita il ruolo di Lovelace nella storia della programmazione informatica. Secondo Charman-Anderson il problema alla base del dibattito è un'idea sbagliata su come funzioni una collaborazione, ma ha anche aggiunto che le persone non sembrano altrettanto smaniose di distruggere l'autorialità del lavoro svolto da pionieri della scienza uomini.

"Nella sfera maschile, chi pubblica per primo è autore e inventore," ha detto. "A quanto pare, se una donna pubblica per prima, ci deve essere per forza qualcun altro che l'ha fatto prima di lei."