FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

"Se fuma, è finita" - abbiamo parlato con cinque straight edger delle loro abitudini

Anche se sembrano una cosa lontana, ci sono ancora persone che si dichiarano straight edge e non bevono, non fumano né praticano sesso occasionale. Ne abbiamo incontrato qualcuno per fargli delle domande.
16.3.16

La sottocultura straight edge è nata come reazione alle tendenze autodistruttive associate al punk nei primi anni Ottanta, quando il nucleo degli straight edger ha deciso di utilizzare il potenziale liberatorio del punk e dell'hardcore per conquistarsi un mondo sobrio e migliore, lontano da droga e promiscuità. Il movimento scelse come marchio una X sul dorso della mano, derivato dalla X che veniva fatta sui polsi dei minorenni nei locali perché non venissero serviti loro alcolici.

Pubblicità

Ancora oggi quel simbolo adorna le copertine di qualche gruppo hardcore o corpo umano sotto forma di tatuaggio, così come ci sono ancora persone che si riconoscono in questa corrente. Abbiamo parlato con cinque di loro per discutere delle loro scelte di vita.

Tutte le foto per gentile concessione degli intervistati

Thomas, 24 anni. Straight edge da quattro anni.

Thomas ha deciso di diventare straight edge a 21 anni, quando è passato alla dieta vegana e ha deciso di rifiutare il sesso occasionale. "Il sesso occasionale non mi attira più. Mi sembra di trattare l'altra persona come un oggetto sessuale, e non di darle l'amore che merita. È una pratica disumana e non voglio averci niente a che fare." Un tempo considerava il sesso una cosa così sacra da voler arrivare vergine al matrimonio, così da essere sicuro di condividerlo con qualcuno di "speciale." "Ma a 22 anni ho iniziato ad avvertire un'enorme pressione, che arrivava principalmente dai miei coetanei," ha spiegato. "Se decidi di non fare sesso ti senti diverso, e pensavo che se avessi trovato quella giusta non avrei infranto le regole degli straigh edge." Ma di app d'incontri ancora non ne vuole sapere.

"Con le sostanze è molto più difficile," ammette Thomas. Dopo il primo intoppo amoroso a 15 anni, l'alcol lo ha aiutato a evadere e a socializzare. Ma gli amici con cui passava le serate all'epoca non lo rendevano felice. "Ho capito che erano solo dei conoscenti con cui divertirsi, ma non c'era nulla di profondo. Per me è importante non dover nascondere quello che sono ed essere me stesso. Posso essere simpatico anche senza alcol e se non sono in vena non cerco di forzare le cose." Non sopporta neanche la perdita del controllo che deriva dalle sostanze. "Trovo imbarazzante il fatto che si assumano alcol e droghe per aprirsi e mascherare le proprie insicurezze."

Pubblicità

"Avevo paura di non essere accettato—l'alcol in particolare sembra essere considerato un importante strumento sociale. Da quando sono diventato straight edge, ho automaticamente quasi smesso di frequentare gente che pensa solo a divertirsi e non si prende cura di sé. Non sopporto le persone che hanno troppi rapporti occasionali e assumono droghe per hobby." Preferisce piuttosto rimanere a casa da solo, nel fine settimana. "Adesso ho degli amici con cui posso effettivamente parlare. Molte persone non sfruttano le loro potenzialità perché sono sempre fatte."

Neo, 22 anni. Straight edge da cinque anni.

"Una volta nel fine settimana bevevo e fumavo—sigarette ed erba," spiega Neo. "Poi a un certo punto uno dei mie più cari amici ha avuto un crollo a causa della droga. Non volevo rischiare di fare quella fine anche io, così ci ho riflettuto e da lì ho detto basta." La musica ha avuto un ruolo importante nella conversione di Neo. "Ascoltavo un sacco di hardcore e straight edge hardcore e mi ci sono identificato." Per lui, lo straight edge ha anche una componente politica che non deve essere sottovalutata: alla sua "attitudine mentale positiva" associa una netta posizione anti-fascista.

La decisione di astenersi dalle sostanze non ha avuto alcun effetto sulle sue relazioni: "I miei amici sono felici di avere un 'autista fisso', che è sempre pronto ad andare ai concerti." Ma è preoccupato per loro. "Sono ovviamente critico nei confronti di chi si fa sopraffare dall'alcol senza rendersene conto. Si dovrebbe essere sempre consapevoli di ciò che si consuma e di quello che si combina quando si è fatti o ubriachi." Quanto alle relazioni sentimentali, le prende molto sul serio: non riesce a immaginarsi di fare sesso con una persona di cui non è innamorato.

Julian, 24 anni. Straight edge da sette anni.

Julian dice che la decisione di diventare straight edge è stata difficile. Non ha mai bevuto molto, "forse perché non mi è mai piaciuto fare quello che facevano tutti gli altri. Ho capito quali erano gli effetti dell'alcol sugli altri già quando avevo 15 o 16 anni, e ho deciso che non avrei mai perso il controllo e non mi sarei mai comportato in modo folle. Per un periodo ho provato a non bere per niente, ed è andata bene. Poi, la prima volta che sono andato a un festival avevamo finito l'acqua e c'era solo la birra."

Pubblicità

Ha cominciato a seguire il movimento hardcore tramite un amico. "Lì ho capito che volevo essere straight edge." Nessuno dei suoi amici è straight edge, ma per lui non è un problema: "Ognuno fa ciò che gli pare. Finché uno è responsabile e non fa male agli altri, non mi interessa. Ho imparato a gestirmela. C'è stato un periodo in cui ero davvero estremista e odiavo chiunque facesse uso di una qualche sostanza." Ma quel modo di pensare non porta a niente: ognuno deve trovarsi da solo il suo stile di vita. E per lui, essere straight edge è una scelta di vita. "Vivi sapendo che continuerai a rifiutare sostanze fino a che ce la farai."

Per quanto riguarda le ragazze, non scende a compromessi: "Se fuma, è finita ancora prima di iniziare."

Anthony, 23 anni. È straight edge da tre anni.

"La mia è stata innanzitutto una critica diretta all'alcolismo, che per come la vedo io deriva dalla pressione sociale. Gli straight edge e l'harcore mi hanno offerto una via di fuga da questa imposizione," dice Anthony. Per lui, rifiutare le sostanze è collegato alla liberazione più che ad altre forme di astinenza. "Non ha niente a che vedere con l'ascetismo o la religione, è solo un rifiuto consapevole di pratiche sociali dannose." Ma è quando ha comunicato alla sua vecchia compagnia di amici che avrebbe smesso di bere che, spiega, ha avuto una chiara dimostrazione della pressione sociale associata all'alcol. "Insistevano, mi giudicavano." Gli piace ancora uscire e divertirsi, ma da lucido. "Nel frattempo, ho perso i contatti con i miei amici di sempre. Un sacco di miei nuovi amici sono straight edge come me."

Pubblicità

In generale però Anthony ha una visione più aperta sul sesso: "Non credo che ci sia niente di sbagliato se fai sesso sicuro e consensuale al di fuori di una relazione monogama—anche se odio definire il sesso 'occasionale'. La demonizzazione del sesso fuori da una relazione mi infastidisce."

Marcel, 25 anni. Straigh edge da tre anni.

Anche Marcel non beve da un sacco. "Bere non mi è mai piaciuto più di tanto, ho cominciato a farlo sempre meno, finché alla fine ho smesso del tutto," dice. Nello stesso periodo, ha smesso anche di farsi le canne, "anche se mi è sempre piaciuto di più fumare che bere." Ma ha capito che l'erba lo rallentava, e questa era una cosa che voleva evitare a ogni costo. Marcel è convinto che la sua decisione non abbia influito sulla sua personalità. "Per me l'astinenza è una cosa naturale—proprio come ad alcune persone non piacciono i broccoli e non li mangiano." Lo straight edge non gli mai ha creato problemi con il suo gruppo di amici. "I miei amici più stretti non bevono molto, quindi il fatto che io non beva non ha molta importanza. Un sacco di gente crede che abbia cominciato a odiare le persone che fanno uso di droghe a causa di questa mia astinenza. Ma la verità è che non sopportavo quella gente nemmeno quando bevevo."

Ma non gli interessa dire agli altri come vivere le loro vite: "Non credo che le droghe siano fighe, ma ognuno deve scegliere per sé. Se vuoi drogarti, fallo pure. Ma smetti di mitizzare le droghe." Marcel crede che le applicazioni d'incontri siano più affascinanti che biasimevoli. "Per me, essere straight edge significa stare lontano da cose che possono compromettere la mia capacità di ragionare. Il sesso non ha questo potere. Se due persone si piacciono, e per loro fare sesso non è solo un modo di dare sfogo a due ego danneggiati, allora non ci vedo nessun problema. Non incide sul mio essere straight edge. Se tutti cominciassero a far sesso in modo rispettoso, il mondo sarebbe un posto migliore."

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: