Salute

A che età la tua voce inizia a suonare 'vecchia'?

Abbiamo chiesto a un esperto quando, come e perché la nostra voce invecchia.
16 luglio 2020, 6:00am
quando invecchia voce
Foto di Sian Bradley.

La nostra voce cambia più volte nel corso della vita, e fin qui tutto bene. Ma mentre la sua trasformazione dall'infanzia all'adolescenza è ben presente nelle esperienze di tutti, quanti di noi si sono chiesti quando e come la voce inizia a suonare come quella di una persona anziana?

Abbiamo chiamato Michel de Kort, che nella vita dirige un coro olandese, fa il vocal coach e lavora anche come logopedista, per scoprire la risposta a questa domanda.

VICE: Sappiamo perché la nostra voce invecchia con noi?
Michel de Kort: Dunque, sappiamo un sacco di cose, ma non proprio tutto sull'argomento. Le persone più anziane tendono a produrre muco in eccesso. La voce diventa spesso meno robusta e più roca.

Si rammollisce, insomma.
Sì, detta in parole povere è questo che succede quando la voce invecchia. Il tessuto connettivo in tutto il corpo si indebolisce. Quando invecchi, perdi massa e volume muscolare, il che rende la voce più debole. Possono insorgere anche altri problemi. Se le corde vocali si separano un pochino e non sono più ben attaccate, ti viene la presbifonia. Che porta la tua voce a suonare più roca o più fioca.

Quand'è che la voce di una persona inizia a invecchiare?
Non c'è una risposta assoluta, ma in genere i primi segnali arrivano tra i 60 e i 70 anni. Dipende molto dal paese da cui viene una persona, però. L'olandese, per esempio, è una lingua molto di gola. Io lavoro in un ospedale di Uden, nella provincia di Brabant, nel sud dell'Olanda, e le persone lì usano molto la gola quando parlano [Michel imita una persona del Brabant e la sua voce suona acuta]. Quello che sto facendo fisicamente ora è ridurre lo spazio nella bocca e nella gola, che è un movimento intrinseco nell'inflessione di quest'area. La voce inizia a suonare come un cigolio in fretta, quindi quel tipo di suono è comune tra le persone qui.

Quindi il fatto che la tua voce suoni più o meno vecchia ha a che fare anche con l'accento o il dialetto particolare di una persona?
Esatto. È un elemento che rende il mio lavoro difficile, ma interessante. Molte persone in questa zona [_in Olanda_] parlano in modo particolare, spesso fai fatica a capire cosa dicono. La soluzione è spesso insegnare loro ad articolare meglio le parole usando le labbra. Fa una grossa differenza nella maggior parte dei casi.

Tra i tuoi pazienti ci sono anche persone che lavorano in radio o in TV?
Sì, perché è facile che sforzino molto la voce. Non insegno loro a prevenire i cambiamenti o l'invecchiamento della voce, ma gli spiego come usare al meglio la voce che hanno. La voce di ognuno di noi è uno strumento che cambia con il tempo. Alcune donne, quando vanno in menopausa, per esempio, perdono le note più alte. Non c'è niente da fare per impedirlo, per cui è meglio adattarsi e passare a un diverso tipo di voce.

Quando parli con una persona che non conosci al telefono, riesci a capire quanti anni ha?
Tu riesci a capire quanti anni ho io?

Mhhh... tra i 35 e i 50?
Sono un po' più anziano. Non è facile indovinare. Sono esperto di tecniche vocali, quindi le applico e attivo le mie note più acute [_per suonare più giovane_]. Fai anche tu la stessa cosa quando sei al telefono, a prescindere dal fatto che tu ne sia consapevole o meno. Con te, sento una voce e un'intonazione sicure e vivaci—potresti avere circa vent'anni, o forse trenta.

Ci hai preso, sono sulla ventina.
Bene, quindi quando diventerai più grande, è buono sapere che puoi attivare certe componenti della tua voce e modificarne il suono.

Con la giusta tecnica quindi puoi sembrare più giovane?
Assolutamente sì. Avevo in cura un uomo anziano qualche tempo fa che all'improvviso aveva cambiato voce. Sua moglie, che era venuta con lui alla seduta, si era messa a piangere. "Hai la stessa voce di una volta!" ha detto.

Certe lingue sono meglio per la voce di altre?
Può darsi. La voce di certe persone migliora quando parlano in inglese o francese, perché sono lingue con suoni molto più aperti.