Foto

Questo magazine racconta la Sicilia oltre i soliti stereotipi

Abbiamo parlato con i ragazzi di Suq Magazine di cosa deve cambiare nel modo in cui viene percepita la loro isola, e gli abbiamo chiesto qualche foto.

di Elena Viale
19 giugno 2018, 7:54am

Foto di Alessandra Lucca, per gentile concessione di Suq Magazine.

Tra una settimana sarà ufficialmente estate, e tutti ricominceremo a macchiarci di quel crimine legalizzato che si chiama turismo e di cui ci giustifichiamo in vari modi. Daremo il nostro contributo alla produzione di cloud interi di foto delle stesse cose e ci illuderemo di vivere la 'real experience'; e questo vale ovunque, anche in Sicilia.

Una normale dialettica o incomunicabilità tra quello che vedono i turisti e quello che sanno i local, dialettica su cui sono stati costruiti negli anni interi programmi televisivi e che si può sempre decidere di ignorare (ciao case in Kenya degli esponenti politici italiani), nel caso della Sicilia è più complessa—perché ci sono gli stereotipi positivi e quelli negativi, le mulattiere selvagge di Alicudi con Nanni Moretti che si scapicolla verso il traghetto e Totò Riina che raccoglie i pomodori ne Il Divo.

Quello che tutta una nuova ondata di produzione culturale siciliana sta cercando di fare è sostituire immagini ormai cristallizzate nel bene e nel male con immagini vitali, cioè reali. Suq Magazine è una di queste realtà, nata da un'idea di Francesco Cusumano—ma "il discorso da fare è il più collettivo possibile, noi siamo in sette e condividiamo lo stesso obiettivo e punto di vista," sottolinea subito Cusumano—e con l'idea di raccontare persone e luoghi "incontaminati e selvaggi", con un'attenzione anche alle aziende che lavorano nel campo del rinnovabile e del sostenibile.

Suq Magazine #1.

La rivista è solo l'inizio di quello che vuole diventare un destination brand, ovvero una start up con l'obiettivo di valorizzare il territorio e indirizzare le persone a un turismo meno superficiale. "Il suq originale, autentico, era un mercato di periferia, non centrale; e noi vogliamo spostare l’attenzione sulla periferia delle cose," continua Cusumano. "Palermo già si raccontava, Catania anche, noi volevamo raccontare il resto. Il mercato poi è un luogo dove vai alla ricerca, alla caccia di quella cosa che non sai nemmeno cos’è ma sai che è lì, alla ricerca del prezioso e del vero."

"Quello che accomuna molti di noi è che vivendo all’estero nutriamo un po’ un sentimento di nostalgia, perché devi sapere che i siciliani hanno questo filo legato alla Sicilia per cui in qualche modo devi tornare, o con un progetto o con un’idea o con qualcosa," spiega Cusumano. "E così è stato: il nostro desiderio come redazione è quello di contribuire a rilanciare un'immagine diversa della Sicilia."

Foto di Olga Segura Andreu, per gentile concessione di Suq Magazine.

Il team di Suq Magazine è composto da Antonella Salamone, Francesco Blancato, Alessandra Lucca, Angelo Fruciano, Luca Di Giacomo, Gianfranco Adamo e Marina Bocchetti. Puoi vedere il trailer di questo numero qui, e trovi la rivista in vendita qui.

Guarda le foto di Elena turista in Sicilia sul suo Instagram.

Altre foto da Suq Magazine #1 qui sotto:

Foto di Andrea Amendolia, per gentile concessione di Suq Magazine.
Foto di Angelo Fruciano, per gentile concessione di Suq Magazine.
Foto di Angelo Fruciano, per gentile concessione di Suq Magazine.
Foto di Francesco Cusumano, per gentile concessione di Suq Magazine.
Foto di Alessandra Lucca, per gentile concessione di Suq Magazine.