Se durante la pandemia hai cambiato gusti musicali, non sei solo

Da quando c'è il Covid-19 ascolti solo ambient, o metal, o non ascolti più niente? Abbiamo chiesto spiegazioni a una musicoterapeuta.
JT
Chicago, United States
HF
illustrazioni di Hunter French
Giacomo Stefanini
traduzione di Giacomo Stefanini
Italy
21.10.20
uomo con cuffie audio
Illustrazione: Hunter French

A marzo, quando è arrivato l’ordine di stare a casa in Illinois, ero pieno di belle speranze. Credevo che avrei usato tutto il tempo extra per scoprire nuova musica, colmare lacune ed esplorare le nicchie nascoste della discografia di artisti leggendari. Pensavo che magari avrei finalmente trovato il tempo di capire perché a così tanti miei amici piacciono i Phish o che avrei seguito i DJ set su NTS Radio. Ma non ho raggiunto nessuno dei due obiettivi (ok, dei Phish probabilmente non me ne frega proprio niente a prescindere). A parte le nuove uscite che dovevo ascoltare per lavoro, ho passato tutto questo tempo più che altro a guardare film o a guardare il vuoto. Da marzo, i miei ascolti sono stati completamente incostanti—tipo, la settimana scorsa non riuscivo a smettere di ascoltare il catalogo jazz di Bill Evans e il nuovo LP dei Fleet Foxes, ma oggi non mi va niente di niente—e ho scoperto che non sono l’unico.

Dopo aver fatto un sondaggio informale tra i miei follower su Twitter, chiedendo se le loro abitudini di ascolto sono cambiate durante la pandemia, ho ricevuto centinaia di risposte. C’è chi ha scoperto il metal e l’hardcore; altri si sono rifugiati nel caldo abbraccio dell’ambient, del jazz o della musica classica; qualcuno sostiene di ascoltare solo canzoni che amava da adolescente, e qualcuno sostiene di non stare ascoltando niente di niente. Ad esempio TJ Kliebhan ha scritto: “Sono sempre stato uno da rock/metal e ora ascolto solo jazz e ambient.” Jessica Collins, invece, ha detto: “Ora, non posso stare neanche un secondo senza musica. Penso di stare usandola come modo per soffocare i miei pensieri o per impedire al cervello di ficcarsi in un abisso di negatività.” Più di una dozzina di persone hanno dichiarato orgogliosamente di aver sviluppato un’ossessione per i Grateful Dead. La ex redattrice metal di Noisey, Kim Kelly, ha detto di aver abbandonato totalmente il metal e di stare ascoltando solo bluegrass e Bruce Springsteen. Anche se le risposte arrivate erano molto varie in fatto di genere, mood e frequenza, il denominatore comune è che per tutti c’è stata una sorta di rivoluzione nel rapporto con la musica quest’anno.

Non si tratta di un’esperienza fuori dall’ordinario, almeno secondo Jessica Pouranfar, musicoterapeuta. "Il modo in cui ascoltiamo la musica è psicologico e fisiologico,” ha detto. “La musica attiva moltissime aree del cervello contemporaneamente, in entrambi gli emisferi, legate alle emozioni, alla memoria, al linguaggio e al moto. Attiva il neurotrasmettitore della dopamina, che ti fa provare piacere. La musica può far diminuire i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress.” La musica è catartica, ma Pouranfar sottolinea che ha anche il potenziale di causare dolore se quello che si ascolta è legato a ricordi negativi o traumatici.

Queste risposte fisiologiche si trovano al centro del lavoro da terapeuta di Puranfar negli ospedali, dove si occupa di pazienti con una grande varietà di sintomi, dallo stress, all’ansia, al dolore fisico, all’insonnia, persone affette dal morbo di Alzheimer e altre patologie, usando interventi musicali e rilassamento guidato. “La musicoterapia è una disciplina con risultati dimostrabili, non vado dai pazienti per intrattenerli,” spiega Pouranfar. “Non bisognerebbe confondere la musicoterapia con l’idea di usare la musica in modo terapeutico, che è una cosa completamente diversa. Un sacco di gente dice ‘la musica è la mia terapia’, che va benissimo, ma non si tratta di musicoterapia con un terapeuta iscritto all’ordine.”

A ogni modo, Pouranfar ha detto che il modo in cui si ascolta la musica e le risposte emotive e fisiche che si provano sono importanti. “È stato rilevato che la velocità, il volume della musica e certi generi creano varie risposte fisiologiche negli umani, influenzando la frequenza cardiaca e respiratoria,” ha detto Pouranfar.

L’autore e musicista Keegan Bradford mi ha scritto che “il lockdown mi ha fatto ricominciare a correre perché impazzisco se resto fermo nel mio appartamento, e questo mi ha portato ad ascoltare molto più hardcore, proprio bordello senza senso a tutto volume che non ascolterei mai a casa.” Se hai un’esperienza simile alla sua, c’è un motivo. “La musica va a braccetto con l’esercizio fisico, e sappiamo che l’esercizio rilascia endorfine, come fa la musica,” ha detto Pouranfar.

Quella di essersi avvicinati a musica più potente, aggressiva e veloce durante la pandemia è stata una risposta diffusa al mio sondaggio, ma altrettante persone si sono invece date all’ambient, al jazz e a musica calma e strumentale. “È importante ascoltare musica che si accordi al nostro stato mentale per tempo, ritmo, frequenza, volume e testi,” ha detto Pouranfar. “A volte chi è ansioso ascolta apposta musica rilassante, ma ottiene il risultato di diventare ancora più ansioso. È perché la musica non va d’accordo con il suo stato d’animo.” Pouranfar dice che la cosa migliore è trovare una musica che rispecchi per bene il tuo umore e il tuo corpo e poi cambiare in modo graduale per migliorare il proprio stato psicofisico.

Il modo in cui ascoltiamo la musica è personale oltre che legato all’umore e all’attività che svolgiamo. Alcuni dati diffusi recentemente da Spotify mostrano che le playlist a tema “lavoro da casa” sono cresciute del 1400 percento da marzo e le playlist a tema “fare il pane” sono cresciute del 120 percento. La musica fornisce intrattenimento al lavoro e durante i viaggi. “Da quando c’è la pandemia, la libreria in cui lavoro si è trasformata praticamente in un ufficio postale,” ha detto uno dei miei contatti su Twitter, Sam Faulkner. “Posso indossare le cuffie perché più che altro devo processare ordini online e impacchettare libri tutto il giorno. Per la prima volta, ho imparato ad apprezzare il metal (specialmente il thrash metal) come spinta nelle giornate più noiose.”

Così ho imparato che ci scegliamo una colonna sonora per la vita, per i nostri sentimenti e le nostre attività, ma non avevo ancora idea del perché mi sono trovato ad ascoltare così poca musica. Meredith Johnston, una musicista di Oakland che si esibisce con lo pseudonimo Warm Human, si trova nella stessa situazione. “Ho smesso del tutto di ascoltare la musica, ascolto solo podcast,” ha detto. “Penso che sia perché la musica mi dà troppe emozioni, mentre sto cercando di sotterrare tutti i miei sentimenti e i podcast mi fanno sentire come se fossi circondata da persone che parlano di cose superficiali.”

Pouranfar mi ha ricordato che la musica può suscitare cattivi ricordi, ma anche ricordi che sono buoni eppure dolorosi da rivivere in questo momento. “Se sei triste perché non puoi andare ai concerti a causa del COVID, potresti non voler ascoltare i tuoi gruppi preferiti perché ti fanno soltanto stare peggio,” ha spiegato. “Alcune persone provano un certo blocco ed è importante riconoscerlo, ma che cosa ci puoi fare? È più d’aiuto prendersi una pausa dalla musica o è meglio rituffarcisi dentro?”

Per quanto le mie abitudini da ascoltatore siano state incostanti per mesi, sono un po’ invidioso di chi è in grado di usare questo tempo per scoprire nuovi generi, nuovi artisti e nuovi suoni, e anche di chi è capace di tornare alle sue cose preferite di quando era piccolo. Per questi ultimi, ha detto Pouranfar, i ricordi evocati da queste canzoni sono esperienze catartiche positive. “La musica attiva il lobo temporale, che è quello della memoria, del linguaggio e dell’udito,” ha detto. “Nei pazienti che soffrono di morbo di Alzheimer, puoi accendere quella parte del cervello usando la musica che ascoltavano prima di ammalarsi, e questo li riporta al presente, li fa sorridere e cantare. La nostalgia è estremamente potente.”

Il nostro modo di ascoltare nel 2020 è in alcuni aspetti uno specchio di come stiamo affrontando un’annata così turbolenta. Qualcuno sente il bisogno di sentire i gusti che già conosce e ama. Qualcuno di espandere i propri orizzonti. Qualcun altro ha bisogno della calma indotta da morbide strumentali, o dello sfogo che ci accorda la musica più estrema e aggressiva. Sono tutte risposte valide a un periodo difficile. “Vogliamo sentirci bene perché ce lo meritiamo,” ha detto Pouranfar. “Anche se stanno succedendo molte cose orribili, tra COVID-19, ingiustizie sociali, conflitti in politica, abbiamo ancora quel sentimento innato di voglia di stare bene e il nostro approccio alla musica corrisponde a questo.”

Segui Noisey su Instagram, Twitter e Facebook.