Pubblicità
Food by VICE

Cosa succede al tuo corpo quando ricominci a mangiare carboidrati dopo averli abbandonati

Dopo una settimana passata a mangiare molti grassi e pochi carboidrati, reintrodurli potrebbe avere un effetto negativo sui vasi sanguigni.

di Shayla Love
11 aprile 2019, 10:27am

Jesse Morrow / Stocksy

Quando sgarri a tavola, te ne freghi di tutte le tue regole sul cibo e te la godi. Per le persone che seguono la dieta cheto, questo potrebbe voler dire riempirsi il piatto di carboidrati. La dieta cheto è ricca di grassi e proteine, e molto povera di carboidrati – l’obiettivo è quello di far entrare il corpo in uno stato chiamato chetosi, nel quale brucia come fonte di energia il grasso, invece del glucosio.

In un nuovo studio pubblicato su Nutrients, alcuni ricercatori volevano vedere cosa sarebbe successo quando le persone che fanno una dieta tipo la cheto ricominciano a mangiare i cibi ricchi di carboidrati che hanno evitato (ad esempio durante uno "sgarro"). Un’alterata tolleranza al glucosio e picchi di zucchero nel sangue sono associati a malattie cardiovascolari, afferma Jonathan Little, ricercatore su esercizio fisico e diabete dell'Università della British Columbia e uno degli autori dello studio. Per via di questa associazione, lui e i colleghi hanno esaminato i vasi sanguigni delle persone a cui era stato somministrato glucosio dopo una settimana di dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi.

La scoperta di questo potrebbe suggerire che una dieta cheto rende più intolleranti ai carboidrati e predispone a danni vascolari, una volta che torniamo a mangiarne


Little mi spiega di non aver misurato la presenza di chetoni nei partecipanti per stabilire se effettivamente si trovavano in uno stadio di chetosi, nello studio. Visto che tutti i pasti venivano preparati in casa, e che quindi era certo che le persone stavano assumendo meno di 50 g di carboidrati al giorno, era assodato che fossero in chetosi. Secondo il comunicato stampa, dopo una settimana di questa dieta, a nove maschi in salute sono stati somministrati 75 grammi di glucosio, più o meno la quantità presente in una grande bibita o in un piatto di patatine fritte. Nei soggetti si è registrato, come prevedibile, un picco di glicemia, ma sono stati anche rilevati danni alla parete dei vasi sanguigni.

I marcatori rilevati si chiamano “microparticelle endoteliali” o “microvescicole endoteliali,” e sono dei piccoli pezzi delle cellule che rivestono la superficie dei vasi, che vengono rilasciati quando le cellule sono infiammate o danneggiate. Queste microparticelle non erano presenti quando il glucosio veniva somministrato prima della dieta ricca di grassi e a basso contenuto di carboidrati. “Se le microparticelle endoteliali aumentano nel sangue, questo ci dice che le cellule endoteliali non sembrano essere felici,” dice Little.

Cody Durrer, primo autore dell'articolo, sostiene che la scoperta potrebbe suggerire che una dieta cheto rende più intolleranti ai carboidrati e predispone a danni vascolari, una volta che torniamo a mangiarne. “Mi preoccupa il fatto che molte persone che seguono una dieta cheto – per perdere peso, trattare il diabete di tipo 2 o qualche altra ragione di salute – potrebbero annullare alcuni degli effetti positivi sui vasi sanguigni se improvvisamente li inondano di glucosio,” afferma Durrer nel comunicato. “Soprattutto se queste persone sono già più a rischio di malattie cardiovascolari.”

Tuttavia, lo studio ha rilevato anche che l'aumento dei marcatori del danno era transitorio, e si tornava alle misurazioni iniziali entro due ore. “È possibile che questa sia una normale risposta adattiva che aiuta a far partire il corpo, o a ‘svegliarlo’, alla reintroduzione di carboidrati dopo non averne consumati molti per una settimana,” spiega Little.

Per ora, questi effetti devono essere studiati in un campione più grande. Little sostiene che se la dieta cheto aiuta a raggiungere obiettivi per uno stato di salute migliore e lo sgarro contribuisce a sostenere questi obiettivi, allora i potenziali benefici supererebbero i possibili rischi.

Questo articolo è originariamente apparso su Tonic US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram .

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.