Un bambino ha raccolto 13.000 dollari con le limonate per aiutare le famiglie separate al confine col Messico

Quando la vita ti regala limoni, facci un botto di soldi e aiuta gli immigrati.
29 giugno 2018, 1:17pm
Foto via Flickr amy gizienski

Raccogliere denaro per una giusta causa è qualcosa di encomiabile a qualsiasi età.

Ma se parliamo di bambini di sei anni, non ci sono poi così tante opportunità per organizzare una grande raccolta fondi: se ci sono, sono poche e comunque non così importanti.

Almeno, così pensavamo. In effetti un modo c’è: un buon, vecchio,

chiosco di limonate.

In un modo tutto americano per combattere un qualcosa di vergognosamente non-americano, un bambino di sei anni ha aperto un chioschetto di limonate ad Atlanta, in Georgia, con lo scopo di

raccogliere fondi per aiutare i bambini costretti a separarsi dai genitori al confine con il Messico

.

Quando Shannon Cofrin Gaggero, madre di due figli, ha spiegato loro cosa stesse succedendo alle famiglie di immigrati al confine, il suo bambino di sei anni si è sentito desideroso di aiutare.

Gaggero ha fissato a 1000 dollari l’obiettivo per la sua campagna, sia online che di vendita diretta, pensando fosse una cifra realistica. In realtà i 1000 dollari li ha raggiunti in sole tre ore.

Sei giorni dopo ha raggiunto la cifra sbalorditiva di 13.000 dollari

.

Tutti i proventi andranno al Centro Per l’Educazione e il Servizio Legale Per Rifugiati e Immigrati (ndr. RAICES), un’organizzazione No-Profit del Texas che offre servizi legali gratuiti e a bassissimo costo agli immigrati.

Nella convinzione di poter aiutare l’organizzazione il prima possibile, Gaggero ha scelto di chiudere la campagna online una volta raggiunto i 13.000 dollari, in modo da aggirare il sistema di pagamento di Facebook, che prevede due settimane di stallo per cifre superiori.

Un piccolo disclaimer rapido e conciso per tutti i bambini che potrebbero leggere questo articolo: non è che tutti quelli che fanno un chiosco guadagnano 13.000 dollari.

Andate a scuola, è molto più importante.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram


Questo articolo è originariamente apparso su Munchies US.