affitto

Storie vere di gente che è riuscita a fregare il padrone di casa

Se non hai il permesso per tenere un gatto o due in casa, puoi sempre nasconderli nella credenza quando passa il proprietario a controllare.
07 febbraio 2020, 9:28am
come fregare proprietario di casa

Riassumere in modo esaustivo tutti gli aspetti di merda della vita in affitto è un'impresa impossibile. Ma, se dovessi mai scrivere un romanzo da 700 pagine intitolato Padroni di casa: la feccia del pianeta Terr__a, probabilmente inizierebbe con un elenco delle libertà umane fondamentali che perdi quando sei un affittuario.

Negli ultimi anni gli affitti nelle grandi città hanno continuato a salire, intrappolando le persone in case che spesso cadono a pezzi. Vanno poi aggiunte le sfide intrinseche date dal condividere uno spazio con altra gente—che siano amici, sconosciuti o fidanzati—rinunciando alla propria autonomia per pagare l'affitto ogni mese. E in cima a tutto questo ci sono le bollette, i litigi per la carta igienica, il divieto di animali domestici e le manutenzioni straordinarie che i proprietari fanno ricadere sugli inquilini.

Quando hai così poco controllo su ciò che ti circonda, alle volte devi farti giustizia da solo, no? Voglio dire, senza uccidere nessuno, ma magari prendendo un gatto e nascondendolo nell'armadio quando il tuo padrone di casa si fa vivo.

Ecco un po' di storie di affittuari che sono riusciti a compiere vere e proprie ribellioni.

"Ho risparmiato circa un mese di affitto in un anno"

Qualche anno fa, ho fatto fesso il mio padrone di casa. Un mese avevo bisogno di pagare I'affitto un po' più tardi, giusto un paio di giorni, e stavo per chiedere il permesso al proprietario, ma mi sono dimenticato e l'ho semplicemente pagato in ritardo. Lui non ha detto niente, così ci ho provato anche il mese successivo... e lui non se n'è reso conto di nuovo. Ho continuato a pagare l'affitto un paio di giorni in ritardo ogni mese, e alla fine dell'anno ho risparmiato un mese di affitto. Non se ne è mai accorto. Doveva essere piuttosto disorganizzato.

Inoltre, negoziavo gli aumenti dell'affitto dimostrando in quale percentuale era aumentato il mio stipendio e chiedendogli se pensava fosse giusto alzare il prezzo in modo sproporzionato alle mie entrate. Credo che il mio affitto sia salito di sole 20 sterline nei cinque anni che ho vissuto lì. Ellen*.

"Abbiamo nascosto la ragazza in subaffitto"

Vivevo in una casa con tre stanze da letto insieme a una ragazza e un ragazzo. Quest'ultimo voleva cambiare casa, ma il padrone aveva richiesto un preavviso enorme—così, senza dire niente, abbiamo trovato una ragazza per un subaffitto e lui se n'è andato.

A un certo punto però abbiamo avuto un guasto in bagno, e per varie settimane il padrone di casa ha fatto avanti e indietro per ripararlo. Quando succedeva, insistevamo perché ci desse le famose "24 ore di preavviso" e avvertivamo Mary—la ragazza in subaffitto, una studentessa taiwanese che non aveva proprio un inglese fluido. Le avevamo spiegato che quando il padrone di casa arrivava dovevamo essere tutti fuori, per cui andava in un bar per una mezz'ora a volta.

Subito dopo, o io o la mia altra coinquilina ci fiondavamo in camera sua—col suo consenso—e toglievamo tutti i vestiti e i trucchi, che finivano nella camera della mia coinquilina, mentre lanciavamo un mucchio di miei vestiti nella sua stanza. Cambiavamo le lenzuola perché le sue erano molto rosa. Nascondevamo le decorazioni taiwanesi perché il tizio che occupava prima la stanza era un fanatico di calcio e aveva poster di calciatori appesi alle pareti e il padrone di casa lo sapeva. Quando se ne andava, mandavano un messaggio a Mary per dirle di tornare.

Il proprietario non hai mai capito. Un paio di volte ha detto anche "Che strano che non c'è mai Max*," e io gli rispondevo che era perché faceva orari terribili in ufficio.

Abbiamo fatto la stessa cosa praticamente un giorno sì e uno no anche negli ultimi due o tre mesi, ogni volta che arrivava una persona a visitare la casa per affittarla dopo di noi. A un certo punto, ho pure comprato un flacone di Lynx Africa [_un deodorante tipo Axe_] per spruzzarlo in camera. Marcus*.

"Gli ho detto che avevo già pagato, anche se non era vero"

Sapevo che non avremmo mai riavuto la caparra—così, con assoluta faccia da culo, ho detto al proprietario che avevo già pagato, anche se non era vero. Era un padrone di casa di merda, che ci ha fatto trovare la casa in condizioni pietose. Il giorno in cui siamo arrivati abbiamo trovato del vomito nel lavandino e lui l'ha pulito controvoglia, e solo perché abbiamo insistito.

Ad ogni modo, tutto è iniziato perché uno dei miei coinquilini era un coglione e non aveva mandato la sua parte di affitto per mesi (senza che noi lo sapessimo), perciò a un certo punto il proprietario ha cercato di far pagare il conto a tutti. In pratica, abbiamo detto tutti che avevamo pagato e che forse non aveva controllato per bene sul suo conto. Quando ha capito, noi eravamo già lontani. Eddie*.

"Abbiamo nascosto sia i gatti che il geco in una credenza"

Qualche anno fa sono andata a vivere con l'uomo che è poi diventato mio marito—all'epoca era il mio ragazzo—a Edimburgo. Ci era stato chiesto di versare due mesi di affitto come caparra, oltre al mese di affitto vero e proprio anticipato, per cui, messa tutta insieme, era una somma consistente.

Dopo circa un anno che vivevamo lì, l'affitto è aumentato. Spendevamo un sacco di soldi per quel posto, ma non ci sentivamo a casa. Non avevamo il permesso di modificare niente, non potevamo spostare neanche i mobili, non potevamo ridipingere. Così, quando l'affitto è salito, ci è presa una gran voglia di ribellarci. Abbiamo preso un gatto, poi dopo sei mesi un altro. Poi abbiamo preso un geco.

Ogni sei mesi c'era un'ispezione. Ci avvisavano con un giorno di anticipo, quindi era facile, mettevamo i gatti nelle loro gabbiette, li portavamo nel parcheggio e li nascondevamo dietro una macchina.

Solo una volta abbiamo seriamente rischiato di essere beccati, quando mancava poco al nostro trasferimento e c'erano persone che venivano a vedere la casa. Abbiamo dovuto agire in fretta e nascondere entrambi i gatti e il geco in una credenza e pregare che non iniziassero a miagolare. Bethany.

"Caparra restituita per intero"

Ho tirato sul prezzo del mio affitto fino a togliere 100 sterline. Il padrone di casa aveva faticato ad affittare un altro appartamento (l'ho visto sui siti di affitti per mesi), così gli ho detto che poteva tenersi un altro appartamento vuoto, o prendere 100 sterline in meno al mese.

In un altro appartamento, avevamo un tavolo di legno parcheggiato all'ingresso. Non era molto più che un'asse di legno in un punto inutile della casa, così l'abbiamo portata fuori e messa in cantina, dove ha preso l'umidità e si è imbarcata. Abbiamo comprato una levigatrice per sistemarla, ma non ha funzionato. Alla fine, abbiamo deciso di decorarla con una grande scatola per il router. Il padrone di casa non aveva voglia di venire a controllare di persona e nelle nostre foto abbiamo nascosto il misfatto con maestria. Caparra restituita per intero. Reece*.

"Abbiamo fatto finta che la gatta fosse dei vicini"

Quando sono andata a vedere la mia casa per la prima volta, mi sono dimenticata di dire che mi sarei portata dietro la mia gatta. Poi però gli inquilini l'hanno presa bene, e l'unico all'oscuro di tutto era il padrone di casa.

Un giorno, questo ci dice che sarebbe passato a dare una controllata alla casa e noi abbiamo pensato che ci bastava chiudere la gatta fuori. A un certo punto il padrone è uscito in giardino lasciando ovviamente la porta aperta e la gatta è entrata e si è seduta sul divano. Lui l'ha guardata e ha detto "chi è questo gatto che sembra così a suo agio qui?," e noi, "Oh, ehm, quello tigrato o quello grigio?" E lui, "Quello nero." Gli abbiamo detto che i gatti del quartiere ci venivano a trovare, di tanto in tanto. L'abbiamo nascosta per secoli, fino al giorno in cui, tristemente, è morta. Nina*.

"Lo abbiamo portato in tribunale"

Circa un mese dopo l'arrivo nella nuova casa, a me e i coinquilini è arrivata una lettera dalle persone che vivevano lì prima di noi. Ci avvertivano che il padrone di casa si era tenuto la loro caparra, e che dovevamo stare attenti, e se potevamo confermare che l'appartamento era pulito e in ordine quando ci siamo entrati. Abbiamo pensato, "Oh no, avremo rogne, ma abbiamo firmato un contratto, cosa possiamo fare?" Poi ce ne siamo dimenticati.

Quando abbiamo lasciato la casa, il padrone è venuto a fare un'ispezione e ha detto a un vicino che non avremmo mai riavuto la caparra e che avevamo lasciato un disastro. In verità, avevamo lavato persino il divano e avevamo chiamato un'impresa di pulizie per darci una mano: non avremmo potuto fare più di così.

Lui si è rifiutato di ridarci i soldi e non ci ha dato una motivazione attendibile. Così ho avviato una causa civile. Ho pensato che fargli recapitare una lettera che diceva che lo avremmo portato in tribunale sarebbe stato abbastanza, ma mi sbagliavo. Così lo abbiamo davvero portato in tribunale—anche se lui non si è mai presentato—e il giudice ha dato ragione a noi, e ha detto che doveva ridarci i nostri soldi e pagare le spese legali.

Un giorno qualche tempo dopo, mi è arrivata una telefonata da uno che fa riscossioni, che mi ha detto, "Senti, amico, il tribunale mi paga per andare a prendere i soldi che ti spettano, ma ci sono tipo altre tre o quattro persone in fila prima di te—mi sa che non vedrai un soldo, te lo dico." Che palle. Joe.

*I nomi sono stati cambiati.